Angolo del Gigio

settembre 1, 2011

Berlusconi sbugiardato, pagava ricattato per zittire il magnaccia corruttore!

NAPOLI, 1 settembre (Reuters) – L’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini e la moglie Angela Devenuto sono stati arrestati questa mattina con l’accusa di estorsione ai danni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Lo riferisce la Procura della Repubblica di Napoli.

La Digos partenopea, in collaborazione con quella di Roma, ha eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Napoli Amelia Primavera.

L’ordinanza cautelare è stata emessa anche per un altro indagato, Valter Lavitola, già coinvolto nell’inchiesta sulla cosiddetta P4, che al momento è irreperibile.

Nel corso dell’indagine, riferisce un comunicato della Procura, sono state scoperte dazioni ripetute di somme di denaro contante e altri benefici di carattere economico, versate dal presidente Berlusconi, con tramite Lavitola, a favore dei coniugi Tarantini. Tra gli altri benefici economici ci sarebbero pagamenti di spese legali, canoni di locazione, impieghi e incarichi di lavoro.

Dalle indagine della Digos è anche emerso che Lavitola tratteneva per sé parte delle somme ricevute da Berlusconi, impiegandole in diverse società a lui riferibili, e concordava con Tarantini iniziative processuali più idonee per costringere Berlusconi a disporre il pagamento di ulteriori somme.

Le iniziative processuali riguardano anche procedimenti in cui Tarantini risulta indagato a Bari. Le cifre versate da Berlusconi sarebbero di diverse centinaia di migliaia di euro, 500 mila secondo fonti giudiziarie.

Sono in corso, si legge inoltre nel comunicato firmato dal procuratore aggiunto Francesco Greco, delle perquisizioni in sedi di società che fanno riferimento a Lavitola.

L’indagine ha preso il via da un’altra attività di investigazione con servizi di intercettazione telefonica della Digos di Napoli su alcune società del gruppo Finmeccanica (SIFI.MI: Quotazione), dove Lavitola sembra svolgere non meglio definite attività di consulenza, dicono gli inquirenti napoletani.

Una fonte giudiziaria precisa che Lavitola, persona di fiducia di vertici istituzionali, è più un consulente di fatto che effettivamente organico a Finmeccanica.

Berlusconi, in occasione di notizie pubblicate la scorsa settimana, ha precisato di non essere stato vittima di estorsione, ma secondo quanto ipotizzano gli inquirenti, dicono fonti giudiziarie, avrebbe versato somme di denaro per evitare sia la pubblicazione di colloqui con alcune donne, sia dichiarazioni sulla presenza di escort nelle sue residenze.

Fonte: http://it.reuters.com/article/itEuroRpt/idITMIE78003N20110901

febbraio 17, 2010

Repubblica.it si dedica alle truffe! Se paghi pubblicano, se non paghi.. lo Rifiutano!

Sto promuovendo una mia piccola attività extra per arrotondare le mie entrate, e ho quindi deciso di sfruttare siti di annunci gratuiti per promuovere i miei servizi, e tra gli altri ho deciso di pubblicare sul sito di annunci del gruppo l’Espresso padrone anche della testata Repubblica e del suo sito web Repubblica.it.

Preparo il primo annuncio, compilo tutti i campi, controllo che vi siano altri annunci simili, e/o dello stesso carattere e tipologia, verificato che sia tutto ok decido di finalizzare la procedura, e una volta ricevuta la mail di conferma necessaria per iniziare il processo di pubblicazione attendo conferma della passata verifica da parte dei moderatori..

Sorpresa, l’annuncio viene rifiutato! A questo punto mi viene l’idea di copia/incollare in toto un’altro annuncio pubblicato, quindi tutto come prima compreso il fatto di scegliere di non acquistare servizi extra a pagamento e sorpresa sorpresona, il mio annuncio viene rifiutato.

Alchè contatto l’altro inserzionista, e sorpresa sorpresina (ormai l’avevo capito che sti pezzenti stavano facendo sporcaccionate..) io a differenza di lui io non ho pagato la tangente!!

Fanno i moralizzatori, attaccano il delinquente del consiglio e poi loro sono pezzenti delinquenti peggio ancora..

Repubblica.it

La truffa e la tangente legalizzata?

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.