Angolo del Gigio

Nazione Nucleare – Le armi di distruzione di massa di Israele

Operazione Ghetto Storm


CAQ 70 copertina

di John Steinbach

tratto da CovertAction Quarterly
n. 70 Aprile-Giugno 2001
http://www.covertactionquarterly.org


John Steinbach è coautore insieme alla moglie Louise Franklin-Ramirez della mappatura e database “Pericolo radioattivo in USA“. E’ attivo nell area di Washington D.C. nel movimento per la pace e la giustizia.


Nazione Nucleare; le armi di distruzione di massa in Israele

Pericolo NucleareNei primi mesi del 2001, gli sforzi per trovare la pace in Medio Oriente hanno dovuto subire due colpi molto forti. Il leader della destra israeliana Ariel Sharon è stato eletto capo del governo di Israele, la nazione nucleare “tralasciata”. Ed il primo bombardamento dell’Iraq da parte di forze USA/UK del presidente George W. Bush, che è stato giustificato come atto “difensivo”.

Dalla guerra del Golfo nel 1991, molta attenzione è stata dedicata sulla presunta minaccia da parte delle armi di distruzione di massa irachene, mentre il maggior imputato nella regione, Israele, è stato ampiamente trascurato.
Con un arsenale di 200-500 armi termonucleari e un sofisticato sistema di lancio, Israele, con una popolazione di 6 milioni di persone, ha recentemente preso il posto della Gran Bretagna come quinta potenza nucleare mondiale. Può ora rivaleggiare con Francia e Cina per la consistenza e il livello tecnologico del suo arsenale nucleare.

Possedendo armi chimiche e biologiche, un arsenale atomico molto sofisticato e una strategia aggressiva per il loro uso effettivo, Israele fornisce il maggior impeto regionale per lo sviluppo di armi di distruzione di massa e rappresenta una grande minaccia alla pace e alla stabilità in Medio Oriente.

L’ipocrisia implicita nella condanna dell’Iraq per le sue armi di distruzione di massa e l’attenzione ossessiva verso “stati fuorilegge” come la Corea del Nord, unite al fatto che si ignori il provocatorio arsenale israeliano, è davvero sbalorditiva.
L’esistenza del programma nucleare israeliano è un serio impedimento alla non-proliferazione e al disarmo.
E’ arrivato il momento per chi si occupa delle sanzioni contro l’Iraq, della pace giusta in medio Oriente e del disarmo nucleare, di affrontare direttamente il problema delle armi di distruzione di massa detenute da Israele.


LA BOMBA ISRAELIANA

Il programma nucleare israeliano iniziò negli ultimi anni ’40. Fu stabilito dal Dipartimento di Ricerca sugli Isotopi al Weissman Institute of Science, sotto la direzione di Bergmann, il “padre della bomba israeliana”, che nel 1952 fondò la Commissione israeliana per l’Energia Atomica.
Sin dall’inizio, gli USA sono stati pesantemente coinvolti nello sviluppo della capacità nucleare israeliana, addestrando scienziati nucleari israeliani e fornendo tecnologia nucleare incluso un piccolo reattore per la “ricerca” nel 1995 nell’ambito del programma “Atomi per la pace”.

E’ stata la Francia, comunque, a fornire il grosso dell’assistenza nucleare ad Israele, culminata con la costruzione di Dimona, un pesante reattore ad uranio naturale e a riprocessamento di plutonio, situato vicino Bersheeba, nel deserto del Negev.
Israele è stato attivo nel programma di armi nucleari francese dal suo inizio e ha fornito fondamentali competenze tecniche. Dimona diventò operativa nel 1964 e il riprocessamento del plutonio cominciò subito dopo. Nonostante le affermazioni israeliane che Dimona fosse una “fabbrica di manganese o un’industria tessile”, le misure di sicurezza estreme che sono state impiegate, hanno smascherato queste falsità.
Nel 1976 Israele ha abbattuto uno dei suoi aerei Mirage e nel 1973 un aereo civile libico che si era avvicinato troppo a Dimona, uccidendo 104 persone.

Ci sono ipotesi credibili sul fatto che Israele abbia fatto esplodere almeno uno e forse diversi ordigni nucleari a metà degli anni ’60 nel deserto del Negev, vicino alla frontiera egiziana, e che abbia partecipato attivamente ai test nucleari francesi in Algeria.
Dal tempo della guerra dello Yom Kippur nel 1973, Israele ha avuto un arsenale di forse diverse dozzine di atomiche pronte ed arrivò allo stato di pieno allarme nucleare.

Possedendo un’avanzata tecnologia nucleare e il meglio degli scienziati nucleari, Israele ha dovuto presto affrontare un grosso problema – come ottenere l’uranio necessario. La fonte propria di uranio erano i depositi di fosfati nel Negev, totalmente inadeguati per il fabbisogno del programma in rapida crescita. La risposta a breve termine furono i raid in Francia e Gran Bretagna per appropriarsi delle spedizioni di uranio di contrabbando e nel 1968 con il “Plumbatt Affair” collaborò con la Germania occidentale per appropriarsi i 200 tonnellate di yellowcake (ossido di uranio).

Queste acquisizioni clandestine di uranio per Dimona furono successivamente coperte dai paesi coinvolti.
Ci fu anche l’ipotesi che una Società USA, Nuclear Material and Equipment Corporation (NUMEC), ha deviato centinaia di libbre di uranio arricchito a Israele dalla metà degli anni ’50 alla metà dei ’60. Nonostante inchieste della CIA e dell’FBI e udienze del Congresso, nessuno èstato perseguito.
Alla fine degli anni ’60 Israele risolse il problema dell’uranio sviluppando stretti legami con il Sud Africa con degli accordi per cui Israele forniva la tecnologia e le competenze per la “Bomba dell’Apartheid” mentre il Sud Africa provvedeva all’uranio.

DIMONA - Charles P. Vick / Federation of American Scientist


IL SUD AFRICA E GLI USA

Nel 1977 l’Unione Sovietica avvertì gli USA che delle foto satellitari indicavano che il Sud Africa stava progettando un test nucleare nel deserto del Kalahari. Il regime di apartheid tornò indietro, sotto le pressioni dell’amministrazione Carter.
Il 22 settembre 1979, un satellite USA captò un test in atmosfera di una piccola bomba termonucleare nell’oceano Indiano, al largo delle coste sudafricane, ma dato il coinvolgimento israeliano, il rapporto fu prontamente insabbiato. Più tardi si è appreso da fonti israeliane che erano effettivamente avvenuti tre test di ordigni nucleari di artiglieria israeliani miniaturizzati.

La collaborazione israelo-sudafricana non si concluse con i test ma è continuata fino alla caduta dell’apartheid, specialmente con lo sviluppo e i test di missili a medio raggio e artiglieria avanzata. Oltre ad uranio e test il Sud Africa ha fornito ad Israele grossi capitali da investire, mentre Israele metteva a disposizione la sua capacità commerciale per permettergli di aggirare le sanzioni internazionali imposte al regime di apartheid.
Nonostante la Francia e il Sud Africa sono stati i primi responsabili dello sviluppo del programma nucleare israeliano, gli USA conservano la maggior parte delle colpe. Un osservatore ha rimarcato che il programma nucleare israeliano “è stato possibile solo per un raggiro calcolato da parte israeliana e un’attiva complicità da parte americana”. Iniziando con la fornitura di un piccolo reattore a metà degli anni ’50, l’America ha giocato un ruolo critico nei piani nucleari israeliani.

Gli scienziati israeliani sono stati ampiamente addestrati nelle università USA e nei laboratori militari. Nei primi anni ’60, i controlli per il reattore di Dimona sono stati ottenuti clandestinamente da una società chiamata Tracer Lab, la pincipale fornitrice dei pannelli di controllo per i reattori militari USA, comprati attraverso una sussidiaria belga.
Nel 1971 l’amministrazione Nixon approvò la vendita a Israele di centinaia di Kryton, un apparecchio necessario allo sviluppo di sofisticate bombe nucleari. E nel 1979 il presidente Carter fornì a Tel Aviv foto ad altissima risoluzione del satellite spia KH-11, che furono poi usate due anni dopo per bombardare il reattore iracheno Osirak. Con l’amministrazione Nixon e Carter, accelerando poi drammaticamente sotto Reagan, i trasferimenti di tecnologia avanzata a Israele continuarono e continuano fino ad oggi.

Laurent Guerin / Impact Visual


LE RIVELAZIONI DI VANUNU

Dopo la guerra del 1973 Israele ha intensificato il suo programma nucleare, continuando la sua politica di oscuramento. Alla metà degli anni ’80 molte stime dell’arsenale nucleare israeliano erano dell’ordine di due dozzine ma le esplosive rivelazioni di Mordechai Vanunu, un tecnico nucleare che lavorava nel complesso di riprocessamento di uranio di Dimona, ha cambiato tutto.

Un sostenitore di sinistra dei diritti dei palestinesi, Vanunu credeva che fosse un dovere verso l’umanità divulgare il programma nucleare israeliano al mondo. Ha esportato clandestinamente dozzine di foto e dati scientifici fuori da Israele e nel 1986 la sua storia fu pubblicata dal londinese Sunday Times.

Rigorose valutazioni scientifiche delle rivelazioni di Vanunu portarono alla scoperta che Israele possedeva la bellezza di 200 bombe termonucleari miniaturizzate e altamente sofisticate. Le sue informazioni rivelavano che la capacità dell reattore di Dimona si era ampliata e che Israele produceva 1.2 chili di plutonio a settimana, abbastanza per fabbricare 10-12 bombe all’anno e che stava producendo armi nucleari avanzate. Appena prima della pubblicazione, Vanunu fu rapito a Roma da una agente segreta israelo-americana del Mossad, fu picchiato, drogato e rapito in Israele. Dopo una campagna di disinformazione e diffamazione sulla stampa israeliana, Vanunu fu processato per tradimento da una corte di sicurezza segreta e condannato a 18 anni di prigione. Ha scontato più di 12 anni in isolamento in una cella di 6 piedi per 9 e, secondo Amnesty International è il prigioniero conosciuto della nostra epoca che ha scontato il più lungo periodo di isolamento. Dopo un anno di trattamento speciale rispetto alla popolazione carceraria – non gli era permesso avere contatti con arabi – Vanunu è stato soggetto, dal 2000, a periodi di punizione in isolamento e deve ancora scontare tre anni di prigione. Le rivelazioni di Vanunu sono state ampiamente ignorate dalla stampa internazionale, specialmente in USA e Israele continua a godere di campo libero riguardo al suo status nucleare.

Campagna per la liberazione di Mordechai Vanunu

e-mail: freevanunu@mindspring.com
web: http://www.nonviolent.org/vanunu


L’arsenale nucleare

I prodotti principali dell’arsenale nucleare israeliano sono bombe al neutrone, bombe termonucleari miniaturizzate destinate a massimizzare l’irradiazione di raggi gamma, minimizzando gli effetti esplosivi e le radiazioni a lungo termine (in pratica destinate ad uccidere le persone, lasciando intatte le cose).
Le armi comprendono missili balistici e bombardieri capaci di raggiungere Mosca, missili da crociera, mine terrestri (negli anni ’80 Israele ha impiantato mine terrestri nucleari lungo le alture del Golan) e ordigni di artiglieria con una gittata di 45 miglia.

Il Sunday Times (Londra) riporta nel Giugno 2000 che un sottomarino israeliano ha lanciato un missili cruise, colpendo un obiettivo a 950 miglia. Israele è la terza nazione dopo USA e Russia ad avere questa capacità. Quest’anno dispiegherà` tre di questi sottomarini, virtualmente imprendibili, di cui ognuno equipaggiato con 4 missili Cruise.

Lo stesso arsenale nucleare schiera dalle “bombe che distruggono città” più potenti di quella di Hiroshima a mini-bombe tattiche. L’arsenale israeliano di armi di distruzione di massa fa impallidire il potenziale effettivo o virtuale di tutti gli stati mediorientali messi insieme ed è sproporzionato per ogni ragionevole bisogno di “deterrenza”.

Israele possiede anche un completo arsenale di armi chimiche e biologiche. Secondo il Sunday Times, Israele ha prodotto sia armi chimiche e batteriologiche con un sofisticato sistema di lancio. Un alto ufficiale dei servizi israeliani ha ammesso: “c’è a malapena una singola arma biologica o chimica che non sia stata prodotta nell’Istituto Biologico di Nes Tziyona”. Lo stesso rapporto descrive Jet F-16 destinati specificatamente ad armare armi chimiche e biologiche, con personale addestrato ad essere operativo in pochi istanti.

Nel 1998 il Sunday Times ha scritto che Israele, usando ricerche sudafricane, stava sviluppando una “bomba etnica”. Nello sviluppo di quest’arma, gli scienziati israeliani stavano sfruttando i progressi medici identificando un gene distintivo degli arabi, creando un batterio o virus geneticamente modificato Gli scienziati stavano provando a costruire microorganismi mortali che potessero attaccare solo coloro con il gene distintivo nella loro mappa genetica.
Dedi Zucker, membro di sinistra della Knesset, il parlamento israeliano, ha denunciato questa ricerca dicendo: “Moralmente, e sulla base della nostra storia, delle nostre esperienze e delle nostre tradizioni, tale arma è mostruosa e deve essere bloccata”.

Basi nucleari israeliane


L’AGGRESSIONE NUCLEARE

Nell’immaginario popolare, la bomba israeliana è l’arma come “ultima risorsa”, da essere usata all’ultimo momento per evitare la distruzione. Questa strategia, descritta dal giornalista USA Seymour Hersh come “l’opzione Samson” è sottoscritta da molti sostenitori di Israele.

“GLI ARABI POSSONO AVERE IL PETROLIO, MA NOI ABBIAMO I FIAMMIFERI” – Ariel Sharon

Per quanto questa formula possa essere stata vera nelle menti dei primi strateghi nucleari israeliani, oggi l’arsenale nucleare israeliano è legato inestricabilmente ed integrato con la strategia militare e politica globale israeliana. Come dice Hersh: “l’opzione Samson non è più l’unica opzione nucleare che Israele ha a disposizione.”

Israele ha fatto un numero infinito di velate minacce contro le nazioni arabe e contro l’Unione Sovietica prima e la Russia poi. Un esempio lampante viene da Ariel Sharon, ora primo ministro israeliano: Gli arabi possono avere il petrolio, ma noi abbiamo i fiammiferi”.
In un altro esempio, l’esperto nucleare Oded Brosh affermò nel 1992: “non dobbiamo vergognarci del fatto che l’opzione nucleare sia il mezzo più importante per la nostra difesa e un deterrente contro chi ci attacchi.”

L’accademico israeliano Israel Shahak ha commentato nel 1997: “la speranza per la pace, così spesso assunta come scopo per Israele, non è secondo il mio punto di vista, un principio della politica israeliana come invece è l’estensione della dominazione e dell’ influenza israeliana.” Ha poi aggiunto: “Israele si sta preparando ad una guerra, nucleare se necessario, per impedire cambiamenti nell’area che non corrispondono alle sue volontà`, come quelli che riguardino qualche stato mediorientale Israele chiaramente si prepara ad usare tutti i mezzi a sua disposizione, inclusi quelli nucleari.”

Israele usa il suo arsenale nucleare non solo nel contesto della deterrenza o della guerra diretta ma anche in modi più sottili ma non meno importanti. Per esempio, il possesso di armi di distruzione di massa può essere una potente leva per mantenere lo status quo o per influenzare gli eventi secondo il suo vantaggio, come proteggere i cosiddetti paesi arabi moderati da insurrezioni interne o per intervenire in guerre inter-arabe.

Nel gergo politico-militare israeliano questo concetto è chiamato “coercizione non convenzionale” ed è semplificato da una citazione del 1962 di Shimon Peres: “Acquisire un sistema d’arma superiore (leggi nucleare) significa la possibilità di usarlo come mezzo di coercizione, in modo che costringa l’altra parte ad accettare le richieste politiche israeliane come quella del mantenimento dello status quo tradizionale e la firma di trattati di pace.”

Un altro tra gli usi principali della bomba israeliana è di coercizione nei confronti degli USA per farla agire in favore di Israele, anche andando contro i propri stessi interessi strategici. Addirittura nel 1956 Francis Perrin, capo del progetto atomico francese scriveva : “Pensiamo che la bomba israeliana sia indirizzata agli americani, non per lanciargliela contro ma per dire ‘Se voi non ci aiutate in una situazione critica, vi obbligheremo a farlo, altrimenti useremo la bomba atomica.”

Durante la guerra del 1973 Israele ha usato il ricatto nucleare per costringere Henry Kissinger e il presidente Richard Nixon ad inviargli massicci aiuti militari. Come l’allora ambasciatore israeliano Simcha Dinitz affermava: “se non ci verranno inviati aiuti militari massicci immediatamente, allora sapremo che gli USA non rispettano le loro promesse e dovremo trarre conclusioni molto serie”
Un esempio di questo scenario è illustrato nel 1987 da Amos Rubin, consigliere economico dell’allora primo ministro Yitzhak Shamir. “Se lasciato a se stesso Israele non avrà altra scelta se non cadere in un livello di difesa più rischioso che metterà in pericolo se stesso e il mondo in generale. Per impedire che Israele dipenda dall’uso di armi nucleari chiediamo 2-3 miliardi di dollari all’anno in aiuti USA.” Da allora l’arsenale nucleare israeliano è stato enormemente incrementato, quantitativamente e qualitativamente, mentre il borsellino americano è stato sempre aperto.


IMPLICAZIONI

E’ chiaro che Israele non è interessato alla pace se non quella dettata dai suoi propri termini, e non ha alcuna intenzione di negoziare lealmente per tagliare il suo programma nucleare o discutere seriamente su un medioriente libero dal nucleare.
Seymour Hersh scrive: “l’entità` e la raffinatezza dell’arsenale nucleare israeliano permette a uomini come Ariel Sharon di sognare il ridisegnamento della mappa del Medioriente, aiutato dall’implicita minaccia della forza nucleare.”

C’è un’abbondanza di prove a sostegno di questa analisi. Ezer Weizman, l’ex presidente israeliano, afferma: ” L’opzione nucleare guadagna attualità` e la prossima guerra non sarà convenzionale.”
Ze’ev Shiff, un esperto militare israeliano che scrive su Ha’aretz dice: “chiunque creda che Israele firmerà la Convenzione ONU contro la proliferazione di armi nucleari sta sognando ad occhi aperti.”

E Munya Mardoch, direttore dell’Istituto Israeliano per lo sviluppo dei sistemi d’arma dice nel 1994: “Il significato morale e politico delle armi nucleari è che gli stati che rinunciano al loro uso si mettono nella situazione di vassalli. Tutti questi stati che si sentono soddisfatti dal possesso di armi convenzionali sono destinati al ruolo di vassalli.”
Nel momento in cui la società` israeliana diventa sempre più polarizzata, l’influenza della destra radicale si rafforza sempre di più. Secondo Shahak: ” La prospettiva che gruppi come il Gush Emunin o altri fanatici israeliani di destra o qualcuno dei deliranti generali dell’esercito israeliano prendano il controllo delle armi nucleari non è da escludersi nel momento in cui la società ebraica israeliana segue una solida polarizzazione, il sistema di sicurezza si affida sempre più al reclutamento tra le fila dell’estrema destra.”

Laurent Guerin / Impact Visual

In una futura guerra mediorientale – che non si può del tutto escludere stanti le asserzioni di Ariel Sharon, un criminale di guerra con un passato di sangue che va dal massacro di civili palestinesi a Quibya nel 1953 al massacro di Sabra e Chatila nel 1982,e via discorrendo – il possibile uso di armi nucleari da parte israeliana non può essere escluso.

Seymour Hersh avverte: “Se scoppierà una nuova guerra in medioriente o se qualche nazione araba lancerà missili contro Israele, come ha fatto l’Iraq, un’escalation nucleare, una volta impensabile se non come ultima risorsa, non sarebbe una probabilità remota.”

Molti pacifisti mediorientali hanno esitato a discutere sul monopolio nucleare israeliano nella regione e questo ha portato ad analisi incomplete e non uniformi e a strategie d’azione sbagliate. Ma rimettere al centro dell’attenzione il problema delle armi di distruzione di massa di Israele avrà diversi effetti salutari.

Primo, metterà in luce la dinamica di destabilizzazione che porta gli eserciti mediorientali a costringere gli stati della regione a cercare ognuno il proprio “deterrente”.

Secondo, metterà in luce il doppio standard grottesco che vede gli USA e l’Europa da un lato condannare l’Iraq, la Siria e la Corea del Nord per lo sviluppo di armi di distruzione di massa mentre contemporaneamente proteggono e legittimano il principale colpevole.

Terzo, scoprire la strategia nucleare israeliana, aiuterà a focalizzare l’attenzione internazionale.e ci saranno maggiori pressioni per farne smantellare l’arsenale e negoziare lealmente.

Infine, un’Israele non nuclearizzata, darebbe luogo ad un Medioriente non nuclearizzato, rendendo molto più probabile un accordo di pace complessivo nella regione.

Finchè la comunità internazionale non affronterà Israele rispetto al suo programma nucleare segreto, è improbabile che si sarà alcuna soluzione del conflitto Israelo-arabo, un fatto su cui conta con tutta evidenza Israele, come l’era Sharon fa presagire.



home

17 commenti »

  1. L’articolo è volutamente fazioso e antiebraico. Israele, vista la palese aggressività dei suoi confinanti i quali sono tutti abitati in larghissima maggioranza dai seguaci di quella ideologia criminogena che è l’islam ( basta leggere il Corano per capirlo) é forse l’unico stato al mondo a cui le armi nucleari sono necessarie. Come si difenderebbe da un’ennesima aggressione egiziana la quale potrebbe contare su un esercito di milioni di soldati tanto per fare un esempio?

    Commento di angelo de marco — agosto 11, 2015 @ 12:18 pm

  2. Israele è l’unico paese democratico in tutto il Medio Oriente oggi; oggi il fondamentalismo islamico sta destabilizzando tutta l’Area Mediorientale e costituisce una minaccia per tutti i paesi democratici inclusa la nostra Europa! Israele è uno dei pochi paesi civili e democratici che non faranno mai uso di armi non convenzionali pur disponendone per usarle quale strumento di deterrenza; non dimentichiamo che Israele è circondato da paesi destabilizzati, ostili e terroristi …. Non spenderei neppure una parola su Vanunu che in fondo resta un soggetto mentalmente insano; avrebbero dovuto ricoverarlo in un ospedale psichiatrico per sottoporlo a terapie adeguate e tentare un’improbabile recupero …

    Commento di gaetano fasulo — luglio 1, 2015 @ 5:45 pm

  3. […] se non per distruggere il pianeta intero, a sterminare quantomeno un continente.  Vedi: 1 – 2 – […]

    Pingback di Come mai tutte le nazioni si stanno armando fino ai denti?!? | Blog di emiespo — giugno 22, 2015 @ 4:30 pm

  4. […] Nazione Nucleare – Le armi di distruzione di massa di Israele […]

    Pingback di E’ ISRAELE LA VERA MINACCIA NUCLEARE IN MEDIO ORIENTE! | Il Giornale Digitale — aprile 16, 2015 @ 5:47 pm

  5. Interessante articolo, peccato solo che lo scrivente è indubbiamente anti israeliano e quindi un articolo imparziale ed incompleto ricco di mezze verità , quindi falsità.l
    Scrittore caro cambia mestiere o cambia la fonte da cui attingi oppure sparate

    Commento di Federica Ranaldi — gennaio 22, 2015 @ 2:36 pm

  6. […] Tra l’altro, Israele oltre a possedere un ingente arsenale nucleare, è dotato anche potentissime armi chimiche e persino batteriologiche che al di là dei “dati ufficiali” sarebbero probabilmente sufficienti se non per distruggere il pianeta intero, a sterminare quantomeno un continente.  Vedi: 1 – 2 – 3 […]

    Pingback di nocensura.com: Come mai tutte le nazioni si stanno armando fino ai denti? | dilloatutti — dicembre 12, 2014 @ 6:17 pm

  7. […] Tra l’altro, Israele oltre a possedere un ingente arsenale nucleare, è dotato anche potentissime armi chimiche e persino batteriologiche che al di là dei “dati ufficiali” sarebbero probabilmente sufficienti se non per distruggere il pianeta intero, a sterminare quantomeno un continente.  Vedi: 1 – 2 – 3 […]

    Pingback di nocensura.com: Come mai tutte le nazioni si stanno armando fino ai denti? | dilloatutti — agosto 18, 2014 @ 4:20 pm

  8. […] Vedi: 1 – 2 – 3 […]

    Pingback di Assurda corsa agli armamenti in tutto il mondo. | takeredpill — novembre 7, 2013 @ 9:39 am

  9. […] Vedi: 1 – 2 – 3 […]

    Pingback di Come mai tutte le nazioni si stanno armando fino ai denti?!? | STAMPA LIBERA — novembre 5, 2013 @ 12:49 am

  10. […] Nazione nucleare […]

    Pingback di Armati fino ai denti | Informazione sul Web — novembre 2, 2013 @ 5:03 am

  11. […] 1 – 2 – 3Secondo i dati ufficiali, nel 2011 nel mondo sono stati spesi per le armi 1740 […]

    Pingback di Parola di Enrico Letta: “governissimo alla tedesca”. L”antiribaltone’ talebano, Euro, Preiti, bavagli Internet, Goldman | Escogitur.it — novembre 1, 2013 @ 12:34 pm

  12. […] 1 – 2 – 3Secondo i dati ufficiali, nel 2011 nel mondo sono stati spesi per le armi 1740 […]

    Pingback di E’ guerra! Popoli europei sotto dittatura USA. Direttiva ministeriale in merito a politiche Eurogendfor per l’anno 2013 | Escogitur.it — novembre 1, 2013 @ 12:32 pm

  13. […] Vedi: 1 – 2 – 3 […]

    Pingback di Come mai tutte le nazioni si stanno armando fino ai denti?!? « AGERECONTRA 2013 — novembre 1, 2013 @ 10:54 am

  14. […] se non per distruggere il pianeta intero, a sterminare quantomeno un continente. Vedi: 1 – 2 – […]

    Pingback di Come mai tutte le nazioni si stanno armando fino ai denti?!? | NUTesla | The Informant — novembre 1, 2013 @ 2:28 am

  15. I’m really inspired with your writing skills and also with the format for your blog. Is that this a paid topic or did you customize it yourself? Either way keep up the nice high quality writing, it is rare to look a nice weblog like this one these days..

    Commento di top eleven cheat — luglio 21, 2013 @ 2:17 am

  16. Unquestionably believe that which you said. Your favorite reason
    seemed to be on the internet the simplest thing to be aware
    of. I say to you, I certainly get annoyed while people think about
    worries that they plainly do not know about. You managed
    to hit the nail upon the top and defined out the whole thing without having side effect , people could take a signal.
    Will probably be back to get more. Thanks

    Commento di construction — luglio 7, 2013 @ 12:44 pm

  17. che razza di articolo….
    scritto da ignoranti filo arabi pronti a farsi inchiappettare!

    W ISRAELE, accerchiato da fanatici violenti

    W SHARON!!

    insomma, fanculo a voi comunisti sfigati!!!!!!!!!!!!!

    Commento di odiogliarabi — aprile 9, 2010 @ 8:44 am


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: