Angolo del Gigio

settembre 1, 2011

Berlusconi sbugiardato, pagava ricattato per zittire il magnaccia corruttore!

NAPOLI, 1 settembre (Reuters) – L’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini e la moglie Angela Devenuto sono stati arrestati questa mattina con l’accusa di estorsione ai danni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Lo riferisce la Procura della Repubblica di Napoli.

La Digos partenopea, in collaborazione con quella di Roma, ha eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Napoli Amelia Primavera.

L’ordinanza cautelare è stata emessa anche per un altro indagato, Valter Lavitola, già coinvolto nell’inchiesta sulla cosiddetta P4, che al momento è irreperibile.

Nel corso dell’indagine, riferisce un comunicato della Procura, sono state scoperte dazioni ripetute di somme di denaro contante e altri benefici di carattere economico, versate dal presidente Berlusconi, con tramite Lavitola, a favore dei coniugi Tarantini. Tra gli altri benefici economici ci sarebbero pagamenti di spese legali, canoni di locazione, impieghi e incarichi di lavoro.

Dalle indagine della Digos è anche emerso che Lavitola tratteneva per sé parte delle somme ricevute da Berlusconi, impiegandole in diverse società a lui riferibili, e concordava con Tarantini iniziative processuali più idonee per costringere Berlusconi a disporre il pagamento di ulteriori somme.

Le iniziative processuali riguardano anche procedimenti in cui Tarantini risulta indagato a Bari. Le cifre versate da Berlusconi sarebbero di diverse centinaia di migliaia di euro, 500 mila secondo fonti giudiziarie.

Sono in corso, si legge inoltre nel comunicato firmato dal procuratore aggiunto Francesco Greco, delle perquisizioni in sedi di società che fanno riferimento a Lavitola.

L’indagine ha preso il via da un’altra attività di investigazione con servizi di intercettazione telefonica della Digos di Napoli su alcune società del gruppo Finmeccanica (SIFI.MI: Quotazione), dove Lavitola sembra svolgere non meglio definite attività di consulenza, dicono gli inquirenti napoletani.

Una fonte giudiziaria precisa che Lavitola, persona di fiducia di vertici istituzionali, è più un consulente di fatto che effettivamente organico a Finmeccanica.

Berlusconi, in occasione di notizie pubblicate la scorsa settimana, ha precisato di non essere stato vittima di estorsione, ma secondo quanto ipotizzano gli inquirenti, dicono fonti giudiziarie, avrebbe versato somme di denaro per evitare sia la pubblicazione di colloqui con alcune donne, sia dichiarazioni sulla presenza di escort nelle sue residenze.

Fonte: http://it.reuters.com/article/itEuroRpt/idITMIE78003N20110901

gennaio 27, 2011

La Procura di Milano rilancia sul caso Ruby & il Puttaniere!

La Procura di Milano rilancia sul caso Ruby. Oggi sono state inviate circa 300 pagine di “ulteriore documentazione integrativa di quella già inviata il 14 gennaio scorso, in relazione alla domanda di autorizzazione ad eseguire perquisizioni domiciliari nei confronti dell’onorevole Berlusconi“, come scrive la procura stessa. Questi documenti sono poi stati trasmessi dal presidente della Camera, Gianfranco Fini, al presidente della Giunta per le autorizzazioni, Pierluigi Castagnetti, che ha convocato la seduta per domani mattina, alle 10.

In una nota firmata dal procuratore della Repubblica di Milano, Edmondo Bruti Liberati, si specifica che in seguito alle perquisizioni dello scorso 14 gennaio e di ulteriori atti di indagine nell’ambito dell’inchiesta sul caso Ruby “sono emersi nuovi elementi a sostegno della ipotesi che presso gli uffici di Giuseppe Spinelli si trovino atti e documenti relativi alle vicende” ipotizzate dall’accusa, quindi la procura “ha ritenuto doveroso portare a conoscenza della Camera dei Deputati tali ulteriori elementi, che emergono dall’invito per la presentazione di persona sottoposta ad indagini, notificato a Nicole Minetti”. Tale invito a comparire recapitato alla consigliera regionale della Lombardia è stato inoltrato alla Camera dei deputati affinché si faccia una valutazione complessiva e si decida se autorizzare o meno la perquisizione degli uffici del “tesoriere” della famiglia Berlusconi, Giuseppe Spinelli.

Castagnetti non ha lasciato trapelare nulla. «Cosa c’è in quei documenti – ha dichiarato ai giornalisti – non lo so. Nessuno ha sfogliato la documentazione. Ho ricevuto il plico alle 13.55 e l’ho messo a disposizione dei membri della Giunta: solo loro potranno consultarne il contenuto, una copia per gruppo, senza asportarlo né riprodurlo». Il presidente della Giunta per le autorizzazioni a procedere, sulla possibilità che nel fascicolo ci siano alcune foto, ha detto che «se vi fossero dovrebbe esserci anche della documentazione tecnica, che non c’è».

Intanto Nicole Minetti dovrà presentarsi davanti alla procura di Milano. Il suo ufficio e la sua abitazione sono già state perquisite lo scorso 14 gennaio, così come gli appartamenti di una decina di ragazze che avrebbero partecipato alle serate ad Arcore con il premier, ed è indagata per violazione della Legge Merlin e induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile, cioè di Ruby, insieme a Emilio Fede, Lele Mora e almeno altre tre persone.

Dagli atti di indagine, inoltre, è emerso che Minetti è intestataria di quattro appartamenti della Dimora Olgettina, dove vivono alcune delle giovani soubrette. Si ipotizza, dunque, che la Minetti, insieme con Spinelli, avrebbe provveduto alle spese delle ragazze e all’organizzazione delle feste.

Tratto da: wwwi.antoniodipietro.it

luglio 2, 2010

Il 29% di disoccupazione giovanile, Berlusconi Loda, e l’Italia si Imbroda! Che Vergogna!

Lo Stato c’è, soprattutto per Mediaset

tresamigos.jpg

Quando uno Stato arriva a tagliare 256 euro al mese per la pensione di un disabile e 450 euro per l’accompagno, così come sancito da un emendamento governativo alla manovra, allora lo Stato, inteso come organo che tutela la comunità, cessa di esistere.

Quando uno Stato taglia la cultura e l’istruzione al punto tale che le scuole pubbliche devono ricorrere a collette private per imbiancare un muro, allora lo Stato cessa di esistere.

Quando uno Stato lascia in mezzo ad una strada un terzo dei giovani in età lavorativa, e intanto vuole approvare una vergognosa legge sulle intercettazioni, ha già approvato quella sul legittimo impedimento e vuole estendere il lodo d’impunità anche ai ministri, come già fatto per il Presidente del Consiglio, allora lo Stato cessa di esistere.

Quando uno Stato non incentiva le imprese italiane a produrre nel nostro Paese ma con una pressione fiscale insopportabile del 43,2% (più una serie di dazi, oboli, ive e gabelle che non rientrano in questo computo), le costringe a delocalizzarsi, allora lo Stato cessa di esistere.

Quando potere politico ed economico si saldano per interessi che esulano dal bene dello Stato e dei suoi cittadini, allora lo Stato cessa di esistere.

Quando un’azienda privata come Mediaset, di proprietà del Presidente del Consiglio, dichiara un’esplosione di utili nel primo semestre 2010, grazie all’affossamento del concorrente pubblico, cioè la televisione di Stato, e grazie al conseguente travaso di investimenti pubblicitari che ne deriva, allora lo Stato cessa di esistere.

Quando l’informazione e gli organi di controllo (Antitrust, Consob, Agcom) non garantiscono più gli equilibri democratici e di mercato all’interno dello Stato, allora lo Stato cessa di esistere.

In Italia non c’è più la concezione di Stato e dell’ordinamento giuridico politico che esercita il potere sovrano su un determinato territorio e sui soggetti a esso appartenenti. Siamo in mano ad un governo che si è organizzato in cricche al fine di operare a scopo di lucro personale; che ha snaturato il sistema dell’informazione italiana ridotta a produrre esclusivamente propaganda per mano di burattini privi di professionalità catapultati nei punti nevralgici dell’informazione pubblica e privata.

Ma quando lo Stato cessa di esistere, quando lo Stato non tutela più i propri cittadini, allora ognuno è libero di interpretare le regole come meglio crede, di pagare le tasse nella misura che ritiene equa in relazione ai servizi che riceve, di andare in edicola e agguantare una copia di un quotidiano che già paga tramite i finanziamenti pubblici, di non pagare il canone Rai finché c’è Minzolini. Ma questa non è la strada da prendere.

L’Italia dei Valori vuole costruire un’alternativa che possa salvare il nostro Paese. Nel frattempo, chiunque voglia tutelare il futuro dei propri figli, eviti di investire in pubblicità o di fare affari con le aziende del Presidente del Consiglio, almeno finché questi non avrà affrontato tutti i processi che riguardano lui e le sue aziende.

Berlusconi decida cosa vuol fare da grande, se il Presidente del Consiglio o il faccendiere di famiglia. Ora sta facendo l’imprenditore e utilizza il suo ruolo istituzionale per fini personali.

Tratto da: www.AntonioDiPietro.it

settembre 22, 2009

Disoccupazione ai massimi da tre anni – Persi 378mila posti di lavoro (in 3 mesi)

Cresce la disoccupazione in Italia, al 7,4% nel secondo trimestre dal 6,7% dell’analogo periodo del 2008. Lo rileva l’Istat. Si tratta del livello più alto degli ultimi tre anni. Rispetto al primo trimestre 2009, al netto dei fattori stagionali, il tasso di disoccupazione aumenta di un decimo di punto.

Il tasso di disoccupazione – rileva l’istituto di statistica – aumenta rispetto a un anno prima di nove decimi di punto percentuale per gli uomini e di appena un decimo di punto per le donne, posizionandosi rispettivamente al 6,3 e all’8,8 per cento. Nel Nord l’innalzamento dell’indicatore (dal 3,8 al 5,0 per cento) riguarda sia gli uomini sia le donne; nel Centro il tasso di disoccupazione si porta al 6,7 per cento dal 6,4 per cento di un anno prima, a sintesi di una crescita di moderata entità per la componente maschile e di una sostanziale stabilità per quella femminile. Nel Mezzogiorno il tasso di disoccupazione risulta pari al 12,0 per cento, appena un decimo di punto in più rispetto al secondo trimestre 2008. La crescita riguarda esclusivamente gli uomini. Per gli stranieri il tasso si porta, nel secondo trimestre 2009, all’11,0 per cento dall’8,8 per cento di un anno prima.

In tre mesi persi 378mila posti di lavoro (ma va tutto bene dice Silvio)

Nel secondo trimestre il numero di occupati è sceso a 23.203.000 unità e ha registrato un calo dello 0,3% rispetto al primo trimestre in termini destagionalizzati. Rispetto al secondo trimestre del 2008 – comunica l’Istat – si registra una flessione dell’1,6%, pari a 378mila unità, il peggior dato dal secondo trimestre del 1994. «Il risultato – spiega l’istutito di statistica – sintetizza il protrarsi della caduta dell’occupazione autonoma delle piccole imprese, l’accentuarsi del calo dei dipendenti a termine e la nuova riduzione del numero dei collaboratori». L’offerta di lavoro registra, rispetto allo stesso periodo del 2008, una riduzione dell’1% (-241.000 unità). Rispetto al primo trimestre 2009, al netto dei fattori stagionali, l’offerta di lavoro si riduce dello 0,2%. Il tasso di occupazione della popolazione tra 15 e 64 anni scende dal 59,2% del secondo trimestre 2008 all’attuale 57,9 per cento. Il numero delle persone in cerca di occupazione sale invece a 1.841.000 unità (+137.000 unità, pari al +8,1% rispetto al secondo trimestre 2008). In rapporto alla caduta dell’occupazione, la crescita più contenuta della disoccupazione si associa al nuovo sensibile incremento dell’inattività (+434.000 unità, pari al +3,0%) concentrato nelle regioni meridionali e dovuto a fenomeni di scoraggiamento, alla mancata ricerca del lavoro di molte donne per motivi familiari, al ritardato ingresso dei giovani nel mercato del lavoro.

22 settembre 2009 da www.ilsole24ore.com

settembre 19, 2009

Il ruffiano e il presidente.. Quel tentativo disperato di chiudere il caso escort

Gianpaolo Tarantini deve essersi detto: faccio così, ammetto negli interrogatori quel che non posso negare o contraddire e dunque le feste a Palazzo Grazioli e a Villa Certosa; il pagamento delle prostitute che infilavo nelle cene e nel letto di Silvio Berlusconi; l’uso della cocaina che a decine di grammi distribuivo nelle mie feste private. Confesso i legami cuciti – sempre attraverso notti di sesso nella garçonniere all’angolo Extramurale Capruzzi, a Bari – con gli amministratori regionali di sinistra, come quel Sandro Frisullo. Lascio capire che anche quel D’Alema – sì, quel D’Alema – l’ho avuto a tavola o in barca.

“Qualche volta” dico, alludendo a un’amicizia che purtroppo non è mai nata. Concludo che qualche affaruccio me n’è venuto – è vero, diciamo una certa “visibilità con i primari” che poi mi dovevano comprare le protesi che vendevo – ma poi niente di che, tutto sommato. Chiedo il patteggiamento (due anni di pena) ed esco da questa storia un po’ ammaccato e con qualche benemerenza da mettere sul tavolo nella mia seconda vita. Ho soltanto 35 anni, no? Un merito sarebbe stato sicuro e consistente, deve aver pensato Tarantini. Se patteggio, tengo fuori dai guai “il Presidente” perché nessuno potrà più ficcare il naso nelle decine e decine di telefonate tra me e lui – intercettate, purtroppo. Quelle chiacchiere, sì che lo metterebbero in imbarazzo.

La strategia di difesa di Tarantini è legittima, come tante altre. Si sbriciola dinanzi al rifiuto del pubblico ministero. Che nega il patteggiamento (applicazione della pena su richiesta delle parti) perché – dice il procuratore di Bari, Antonio Laudati – “l’attendibilità delle dichiarazioni dell’indagato deve essere verificata con ulteriori accertamenti. È vero, ho detto che, leggendo i verbali sui giornali, appare evidente che non ci sono responsabilità del presidente del Consiglio, ma le indagini non sono terminate e si deve verificare quanto è stato raccontato. Lo faremo in tempi rapidi”.

Le parole del procuratore devono aver spaventato Tarantini, e non soltanto Tarantini. Che era nei guai e ci si ficca ancora più a fondo, a testa in giù. Comincia (sostiene la guardia di finanza) a trafficare con i testimoni e con le prove. Se le aggiusta per rendere attendibili, per i magistrati, i suoi ricordi. Forse, progetta una fuga all’estero per tirare il fiato e alleggerire la pressione in attesa di una luna migliore. Si vedrà se gli investigatori hanno visto giusto.

Nell’attesa, alla mossa di Gianpi, la procura ne oppone un’altra, tattica e astuta. Non ne chiede l’arresto, ma soltanto il fermo. Quindi, è obbligata a consegnare al giudice delle indagini preliminari, che dovrà convalidarlo, soltanto qualche pezzullo di carta che documenta il pericolo di fuga o l’inquinamento probatorio e nulla di più. Lo scrigno delle fonti di prova già raccolte resterà chiuso e quindi, per il momento, le intercettazioni del presidente del Consiglio, le testimonianze delle giovani falene che hanno trascorso la notte a Palazzo o in Villa, gli amici di Gianpi che tiravano su la cocaina che egli dispensava con generosità, le tracce dei traffici sanitari resteranno ben protette.

* * *

Un’indagine penale non è soltanto l’accertamento di responsabilità personali (come sembra credere Ernesto Galli Della Loggia), è anche teatro, memoria collettiva, luce che illumina il mondo, che rivela pratiche, passioni, coraggio, debolezze, irresponsabilità, che racconta la tenuta di regole e dispositivi che evitano anarchia e soprusi e fanno ordinato il nostro vivere insieme. È un ordigno che riesce a dirci, qualche volta, e spesso non in modo esaustivo, dove viviamo, che cosa vi accade, con chi abbiamo a che fare. Da questo punto di vista, la storia di Gianpaolo Tarantini non è questo termitaio dai corridoi intricati.

Gianpi è in affari e s’è fatto ruffiano per accrescerli. Tutto qui, in soldoni. La sua intuizione è che, nell’Italia di oggi, il potere del sesso – l’influenza che può avere sugli uomini che governano il Paese o una Regione o un’Azienda sanitaria – ha la stessa energica forza corruttiva del denaro, grimaldello decisivo per gli affari neri degli anni novanta. È acuto il fiuto del giovanotto che forse avrà studiato anche psicologia sociale nel suo master in marketing all’università di Herisau, nello svizzero Canton Appenzello. L’intuizione, comunque, è subito vincente a Bari. Sandro Frisullo, vicepresidente regionale, abbocca all’amo di Tarantini. Gianpi gli organizza in un appartamento in affitto in via Giulio Petroni, angolo via Extramurale Capruzzi, incontri sessuali ora con Terry De Nicolò ora con Vanessa Di Meglio, ricompensate con cinquecento euro.

Tarantini attende l’arrivo dell’amico. Cenano in tre. Al caffè, Gianpi si leva di torno. Le chiama “attenzioni” non corruzione. “Le attenzioni da me avute per Frisullo mi hanno consentito – dice – di essere presentato al dottor Valente, direttore amministrativo dell’Asl di Lecce. Chiedevo un’accelerazione dei pagamenti per le prestazioni effettuate dalle mie aziende e l’esecuzione di una delibera adottata in materia di acquisto di tavoli operatori. So che Frisullo ha rappresentato più volte le mie esigenze a Valente ed io personalmente ne ho parlato con lo stesso Valente. I pagamenti sono avvenuti anche se comunque in ritardo, altrettanto per la delibera. La frequentazione di Frisullo mi serviva soprattutto per acquistare visibilità agli occhi dei primari che portavo da Frisullo”.

* * *

Il metodo funziona, dunque. Tarantini decide di fare un salto, il gran salto, l’avventurosa capriola verso un sorprendente, inatteso successo. Dice a se stesso che se la sua intuizione è efficace in Puglia perché non deve esserlo altrove. Magari a Roma, nella Capitale, e con l’uomo che ha in mano in Paese? Dicono che le cose siano andate così. Non è stato il giovane ruffiano a bussare alla porta di Berlusconi, ma – scaltro, forse già conosce le debolezze del presidente – Tarantini è riuscito a giocare con Berlusconi come il gatto con il topo.

Accade nell’estate del 2008. Tarantini affitta, pagando centomila euro al mese (pare), la villa Capriccioli, a cinque minuti da Porto Cervo e non troppo lontano dalla Villa Certosa del capo del governo. A quel punto è un gioco da ragazzi – anche se molto, molto costoso – riempire la casa, il giardino, la spiaggia di bellezze, di cocaina, di allegria e risate e poi attendere, immobile come un ragno. Il calabrone cade nella rete. Pare che l’Egoarca non se ne capacitasse e il suo grandioso senso del sé ne fosse ferito: quelle giovani donne non si dirigevano alla Certosa, ma altrove, da un altro. Chi diavolo è questo “Gianpi” di cui tutti parlano quest’estate?

Berlusconi chiede di sciogliere l’arcano a Sabina Beganovic, “l’ape regina” (Dagospia),
donna così fidata da essersi tatuata su un piede “S. B. l’uomo che mi ha cambiato la vita“.

La Beganovic torna dall’Egoarca con le informazioni giuste e Tarantini ha finalmente accesso a corte. Con lui, le sue “ragazze”. “Io – sostiene oggi il giovanotto – ho voluto conoscere il presidente Berlusconi e mi sono sottoposto a spese notevoli per entrare in confidenza con lui e, sapendo del suo interesse per il genere femminile, non ho fatto altro che accompagnare da lui le ragazze che presentavo come mie amiche tacendogli che a volte le retribuivo”. Berlusconi gradisce molto e consente a Tarantini di coltivare un sogno di potenza: perché rinchiudersi nel piccolo recinto degli affari sanitari pugliesi e non pensare in grande? Perché non diventare, grazie all’amicizia con “il Presidente”, un imprenditore di carattere nazionale, europeo o, perché no?, un lobbista per tutte le decisioni che “il Presidente” può favorire, per i business che l’intervento del “Presidente” può rendere fluidi e vincenti?

L’impresa non pare impossibile a Tarantini. Bisogna investire un po’ di denaro, pagare le prostitute, accompagnarle a Palazzo Grazioli. Che ci vuole? La difficoltà semmai è avere sempre le “ragazze” a disposizione perché, si sa com’è “il Presidente”, magari chiama nella tarda mattinata, prima o dopo un Consiglio dei ministri, e vuole che a sera – dopo un paio d’ore, maledizione – la festa sia organizzata. Ci sono giorni che Gianpi è come fuori di testa. Lo vedono agitato e inquieto come una mosca contro un vetro. Ha chiamato “il Presidente” e lui non ha disposizione quel che serve. Telefona, ritelefona, chiama e richiama questo, quello, chiunque possa aiutarlo, chiunque conosca almeno “una donna immagine che all’occorrenza avrebbe potuto anche effettuare prestazioni sessuali”.

Così ingaggia, il 16 ottobre, Patrizia D’Addario. Gianpi riesce sempre a cavarsela con un salto mortale. Per non farne più, e rompersi il collo, comincia a corteggiare con accorti regali la rete di “ragazze” controllate, per così dire, da Sabina Beganovic. Forse per ingraziarsele, le rifornisce di cocaina, in palazzi sbagliati, off-limits. Non ne possono venire che guai che, infatti, non mancano. Il 20 dicembre del 2008, l'”ape regina” perde la pazienza, telefona a Gianpi (intercettato) e lo affronta a muso duro.

Sabina. “Hai capito Gianpaolo, che cazzo fai? Mandi alla gente regali e metti a me in una bruttissima situazione. Cioè io non so niente e tu ti spacci per mio amico … Per favore, non mi mettere in questa situazione”

Gianpaolo. “Io non l’ho fatto perché ti voglio sorpassare”.

Sabina. “Ma figurati, non fare il furbo con me… Non mi mettere nei casini. Non fare il paraculo con me”.

Gianpaolo. “Io non ho mai portato niente”.

Sabina. “Ah bello!, io ho i testimoni. Ti ho detto: non fare il furbetto con me”.

* * *

I conflitti con Sabina Beganovic non impediscono, in cinque mesi, a Tarantini (come ammette) di accompagnare trenta “ragazze” a diciotto cene del Presidente. Non tutte sono state pagate, non tutte sono prostitute, anche se in qualche caso “non disdegnano di essere retribuite per prestazioni sessuali”. Gianpi tocca “il cielo con un dito”. È nelle grazie del Presidente, finalmente. Può chiedergli di incontrare Guido Bertolaso per certe sue ambizioni (che, dice, ambizioni resteranno). Tarantini è il compagno fisso del “Presidente” in spensieratezze notturne, così appassionate da convincere il capo del governo a saltare qualche impegno pubblico. Come (lo racconta l’Espresso in edicola) tra il 23 e il 28 settembre. Le cose vanno così.

Il 23 settembre iniziano i lavori delle Nazioni Unite. Ci sono i leader del mondo. Durante la prima giornata parlano George W. Bush, Nicholas Sarkozy, il presidente iraniano Ahmadinejad. Gianpi a Roma ha organizzato per il premier una festicciola con Carolina Marconi, Francesca Garasi, Geraldine Semeghini, Terry De Nicolò. Ci si diverte e si fa presto a vedere l’alba. Il giorno dopo (mercoledì) Berlusconi decide di non partire più per il Palazzo di Vetro.

Diffonde una buona ragione. Patriottica e irreprensibile. Deve seguire da vicino la crisi dell’Alitalia.

Se ne stufa presto, però, ammesso che ne abbia mai avuto l’intenzione. In gran segreto raggiunge il castello di Torre Errighi, nei pressi di Melezzole di Montecchio di Terni e Health Center di Marc Méssegué, riaperto per la sua improvvisa visita. “Berlusconi di fatto scompare dai radar per cinque giorni” scrive l’Espresso. Frattini e Letizia Moratti sono costretti a presentare da soli l’Expo 2015 di Milano mentre Gianni Letta, sostenuto da Walter Veltroni, fa i salti mortali per far firmare la pace tra la Cai e i sindacati e salvare l’Alitalia. L’indimenticabile settimana dell’Egoarca finisce così. Domenica 28 un elicottero della protezione civile lo accompagna dal castello di Torre Errighi a Ciampino, dove prosegue per Milano, destinazione San Siro. C’è il derby, e sugli spalti “il Presidente” è in compagnia di Tarantini.

Gianpi ha con sé una nuova ragazza. La chiamano l’Angelina Jolie di Bari.

Si chiama Graziana Capone, che racconta il post-partita:
passeggiata in auto, arrivo ad Arcore, cena e festino con una decina di ragazze.

Il Milan ha vinto uno a zero, il premier è euforico. “Abbiamo tirato fino a tardi, le quattro forse, qualcuna si è addormentata sul divano” (Repubblica). Il fastidio alla schiena del Presidente non c’è più, come per un miracolo. Dopo poche ore di sonno, Berlusconi può festeggiare di nuovo sul lago Maggiore i suoi settantadue anni in una scena, questa volta tutta familiare. “Ora resto a lavorare – dice ai giornalisti – Nessuna festa serale, perché abbiamo già festeggiato oggi” (l’Espresso).

* * *

Tarantini oggi vuole riuscire nell’impresa di liberarsi con il minimo danno dalle sei inchieste che lo coinvolgono senza danneggiare il presidente del Consiglio. Un’altra avventurosa capriola. Dice: “Ho fatto una cavolata, sono stato uno stupido. Quando ho avuto la possibilità di conoscere Berlusconi, ho toccato il cielo con un dito. Non mi sembrava vero. Poi l’ho conosciuto sul piano personale, con la sua simpatia, il suo calore umano, il suo rispetto per gli altri, la sua genialità. Davvero irresistibile. E ho creduto che sarebbe stato più facile frequentarlo facendomi accompagnare da bellissime ragazze. Gli chiedo scusa” (il Giornale). Gianpi non deve essere stato sollevato quando ha sentito “il Presidente” fingere dalla Maddalena di non ricordare nemmeno il suo cognome. “Un imprenditore di Bari, Tarantino o Tarantini, era venuto ad alcune cene facendosi accompagnare da belle donne. Erano ragazze che questo signore portava come amiche sue, come sue conoscenti”.

Tutto cancellato, dunque? Come se quei fantastici mesi di feste, scorribande, canti, barzellette, cene, belle donne in tubino nero e trucco leggero, passioni, sesso non fossero mai esistiti. Come se le decine e decine di conversazioni telefoniche tra lui e “il Presidente” – quanto pressante, a volte – non ci fossero mai state. Come se il sogno di Tarantini fosse soltanto il delirio di un provinciale convinto che il potere del sesso è quel che serve oggi per fare affari e addirittura chiudere in una rete di ragno, quel calabrone del capo del governo.

“Utilizzatore finale” – certo – ma anche complice del ruffiano (le intercettazioni documentano la sua disponibilità per i maneggi del giovanotto) e regista di uno spettacolo di cui era unico protagonista, unico spettatore, il solo impresario. Può essere anche che finisca senza conseguenze la ricostruzione giudiziaria, si vedrà, ma quel che ci racconta quest’indagine penale è altro e ben visibile. Ci dice dove viviamo, che cosa vi accade, con chi abbiamo a che fare e non è sempre necessaria una sentenza della magistratura per comprendere e giudicare. Spesso, basta soltanto buon senso e un miccino di onestà.

(19 settembre 2009)

di GIUSEPPE D’AVANZO – Da Repubblica.it

agosto 10, 2009

Passaparola Vol. 5 – Gli incubi del Cavaliere tra Banche Off-Shore, fondi neri e prostitute…

___
E’ disponibile il nuovo DVD di Passaparola: “Gli sciacalli dell’informazione


Sommario della puntata:

Gli incubi del Cavaliere
Il filone d’inchiesta Mediatrade
La banca Harner

Gli incubi del Cavaliere

“Che cosa preoccupa il Cavaliere, che cosa turba i suoi sogni, oltre alle vicende di donne, di escort, o è meglio chiamarle prostitute, che stanno movimentando la nostra primavera e la nostra estate? Probabilmente una delle ragioni della preoccupazione è il riaprirsi delle indagini sui mandanti occulti delle stragi e l’emergere di quella famosa lettera, anzi delle tre ormai famose lettere: famose per noi, che ne abbiamo parlato qui a Passaparola, famose per pochissimi di quelli che hanno visto i telegiornali, visto che non hanno mai sentito raccontare la verità neanche su molti dei grandi giornali, a parte qualcuno, quindi sicuramente c’è questo: le famose lettere di Provenzano al Cavaliere. Ma c’è anche un paio di novità che spuntano a Milano e che sono molto poco conosciute: che io sappia ne ha parlato soltanto Luigi Ferrarella una volta su Il Correre della Sera e ne hanno parlato Paolo Biondani e Vittorio Malagutti su L’Espresso. Una è l’indagine Mediatrade e l’altra è l’indagine sulla Harner Bank di Lugano. Ve le spiego, cercando di farmi capire rapidamente, perché queste sono indagini che non sono coperte dal Lodo Alfano, sapete che il Lodo Alfano copre soltanto i processi e quindi le indagini anche alle alte cariche si possono ancora fare, sei processi a Berlusconi sono bloccati: è bloccato il processo Mills per Berlusconi e è bloccato il processo sulla compravendita dei diritti Mediaset, dove il Cavaliere è imputato di falso in bilancio, frode fiscale e appropriazione indebita, invece le indagini si possono fare. Ebbene, stanno arrivando a conclusione, per la scadenza dei termini a indagare, le indagini su Mediatrade: che cosa è Mediatrade? E’ una società controllata dal gruppo Berlusconi che, dal 1999, ha il compito di acquistare i diritti per la trasmissione dei programmi televisivi e cinematografici sulle reti Fininvest, diritti che vengono comprati soprattutto negli Stati Uniti, presso le Major di Hollywood , prima questi diritti li comprava per conto del gruppo una società maltese, la Ims e adesso, dal 99 in poi, li compra Mediatrade. Conseguentemente l’indagine Mediatrade è un filone separato che nasce dall’inchiesta sulla compravendita dei diritti televisivi. Abbiamo già spiegato altre volte come avveniva, secondo l’accusa, questa compravendita: se a comprare i film dalle case di produzione americane e i telefilm, le fiction e tutto il resto è direttamente la società Fininvest prima e Mediaset poi, si stabilisce il prezzo e è finita lì. Invece, secondo l’accusa, Fininvest e poi Mediaset che cosa facevano? Facevano comprare i film da società off shore nei paradisi fiscali, che erano controllate, ma solo occultamente, dal gruppo e quindi non risultavano del gruppo e allora i film, a ogni passaggio di proprietà, aumentavano di valore: un aumento fittizio che andava a creare una gigantesca provvista di fondi neri, che poi si fermava sulle varie società che, a catena, si passavano questi film. La prima comprava a dieci, la seconda a quindici, la terza a venti, la quarta a trenta, la quinta a quaranta e alla fine, quando arrivava al destinatario finale, l’utilizzatore finale lo potremmo sempre chiamare, valeva molto di più di quello che valeva in realtà e tutto il resto si era fermato sotto forma di fondi neri, in barba al fisco, in barba alla trasparenza dei bilanci per andare a alimentare questo grande polmone di fondi neri, di cui Berlusconi è considerato l’utilizzatore finale davvero, perché è imputato per appropriazione indebita, ossia per aver derubato le casse delle sue società, che sono per giunta in parte quotate in borsa, oltre a non averci pagato le tasse e aver falsificato i bilanci, sempre nell’ipotesi d’accusa.

Il filone d’inchiesta Mediatrade

Ebbene, di quest’indagine c’è uno stralcio, c’è un filone parallelo che riguarda appunto Mediatrade: Berlusconi sa di essere indagato fin dal 2007, quando i magistrati gli notificarono un avviso di proroga delle indagini, lui è sospettato, è iscritto nel registro degli indagati per concorso in appropriazione indebita, insieme a altri. Ossia un’altra volta è accusato di avere attinto a piene mani dalle casse delle sue società e questi sono fatti molto recenti, sono fatti che si riverberano sui bilanci del gruppo molto recenti, quindi sono difficili da fare cadere in prescrizione: prepariamoci a qualche altra legge ad personam .
In questo fascicolo si dice che ci sono in ballo 100 milioni di Euro, una bella sommetta: inizialmente sembrava che quei soldi se li fosse fregati il produttore egizio /americano Frank Agrama, che è un vecchio amico di Berlusconi, che è un produttore di film, che è un suo sodale e pareva essersi fregato questi soldi e averli depositati sui conti di una società di Hong Kong, insomma che avesse fatto la cresta dalle casse dal biscione. In realtà, secondo l’accusa della Procura di Milano, quelli non erano soldi rubati da Agrama: erano soldi che Agrama aveva messo da parte anche per conto di Berlusconi, ossia Agrama sarebbe niente altro che un socio occulto di Berlusconi che ha messo da parte un altro bel po’ di fondi neri e da qui l’accusa ai due di appropriazione indebita.
Inizialmente Berlusconi, insieme a Confalonieri e a altri sette imputati, era stato rinviato a giudizio – scrive Ferrarella su Il Corriere della Sera – con l’accusa di aver mascherato la formazione di ingenti fondi neri dirottati dalle casse della Fininvest e della Mediaset verso i conti esteri gestiti dai suoi fiduciari, che erano appunto quelle provviste di nero che nascevano dalla catena di Sant’Antonio delle varie società che si passavano l’una con l’altra i film e quindi di aver gonfiato i prezzi di quei film.

Nel 2008 è passata la legge Alfano e quel processo lì è stato congelato in attesa che la consulta si pronunci, sperando che non avvengano altre cenette intime tra i giudici della consulta e l’utilizzatore finale del Lodo Alfano.

Molte delle accuse, nel frattempo, in quel processo sono state falcidiate dalla prescrizione e, in parte, anche grazie alla legga ex Cirielli, che ha anticipato i termini della prescrizione, perché all’inizio, nel processo Mediaset, Berlusconi e i suoi coimputati erano accusati di appropriazione indebita per 276 milioni di dollari e frodi fiscali per un valore di 120 miliardi di lire, fino al 1999. Dopodiché, nella contestazione suppletiva, il magistrato, Pubblico Ministero De Pasquale, ha allungato il falso in bilancio fino al 2001, cioè ancora fuori dalla prescrizione, facendo arrivare delle carte proprio da quel processo stralcio, il processo Mediatrade, che è questa società controllata che, materialmente, ha il compito, per conto di Mediaset, di acquistare i film dalle Majors , o i diritti per trasmettere i film dalle majors . Questo è il fascicolo che preoccupa Berlusconi, sia perché i fatti sono molto recenti e quindi non saranno facili da mandare in prescrizione così rapidamente, sia perché in questo processo siamo nuovamente nel pieno dei fondi neri, dei paradisi fiscali che lui poi, nei vertici internazionali insieme al suo sodale Tremonti, dice di voler combattere per un ritorno all’etica nella finanza. Bene, Il Corriere parla di conti esteri nei paradisi fiscali dai nomi pittoreschi: c’è il conto Trattino, il conto Teleologico, il conto Litoraneo, il conto Sorzio, il conto Clock, il conto Pace etc. etc.. Questo è un processo che sta arrivando alla conclusione nella fase delle indagini e pare che la Procura, appunto, voglia depositare gli atti in attesa – così di solito avviene – di chiedere il rinvio a giudizio del Presidente del Consiglio, quindi questo sarebbe un altro processo che andrebbe a aggiungersi ai due congelati a Milano, senza dimenticare che ce ne è pure uno congelato a Roma: quello per la compravendita dei Senatori nel caso Saccà, che il G.I.P., interpretando il Lodo Alfano in maniera estensiva e considerando coperta anche la fase delle indagini dal Lodo Alfano, ha sospeso in fase di indagine, sempre in attesa che la Corte Costituzionale ci dica se il Lodo è legittimo oppure no.

La banca Harner

C’è invece l’altra inchiesta: un’altra inchiesta che, per il momento, almeno da quello che si sa non coinvolge Berlusconi personalmente, ma coinvolge la banca di riferimento di Berlusconi, della sua famiglia e dei suoi cari. La banca si chiama Harner, è nata come Finanziaria a metà degli anni 90 e poi è diventata una banca a tutti gli effetti, sta, come sede centrale, a Lugano e l’11 giugno scorso è stata perquisita dalla Guardia di Finanza, in seguito a un’indagine della Procura di Milano che è nata proprio dalla denuncia di alcuni ispettori della Banca d’Italia e l’indagine parla di riciclaggio di denaro sporco o sospetto. Ci sono molte ombre sulla filiale italiana milanese di questa Harner Bank, si parla di giochi di sponda milionari con, tanto per cambiare, paradisi fiscali: questo scrivono Malagutti e Biondani su L’Espresso. Gli ispettori della Banca d’Italia hanno sostenuto che, dai loro rilievi, non è possibile, in questo momento, risalire, individuare il reale beneficiario di queste triangolazioni con i conti esteri e le società off shore. Da 15 anni la Harner è la banca di fiducia di Berlusconi, lì avvengono operazioni fiduciarie, lì avvengono operazioni per investimenti, è la cassaforte che amministra una parte del patrimonio del nostro Presidente del Consiglio e della sua famiglia. Tant’è che il conto di gestione intestato a Silvio è il numero uno nella filiale italiana della Harner, è il cliente privilegiato e poi ci sono anche i conti dei suoi amici più stretti: per esempio, lì ha i suoi conti il fondatore della Mediolanum Ennio Doris, lì ha i suoi conti la famiglia Previti, lì ha i suoi conti Salvatore Sciascia, l’ex addetto ai servizi fiscali della Fininvest, poi condannato per corruzione della Guardia di Finanza e quindi promosso immediatamente in Parlamento e lì hanno parcheggiato un bel po’ di soldi tre Finanziarie tra quelle che controllano la Fininvest, che sono la Holding italiana 2, 8 e 5 e sono amministrate tutte e tre dai figli di primo letto Marina e Piersilvio. Naturalmente questa banca viene scelta perché garantisce la riservatezza assoluta, garantisce fondi di investimento alle Bahamas e in società lussemburghesi, ottimi rapporti con paradisi fiscali, di recente ha addirittura inaugurato, la Harner Bank, un ufficietto a Dubai, che è l’ultimo grido dell’off shore nel mondo. Sapete che l’off shore si sta spostando dal centro America ai paesi arabi proprio perché nel centro America da parte dei vertici internazionali, si è detto che i paesi devono chiudere le casseforti estere e quindi, invece di chiuderle, semplicemente le trasferiscono in posti più lontani, più esotici, più lontani dalle telecamere.

Uno dei fondatori di questa banca si chiama Paolo Del Bue, il quale è coimputato, insieme a Berlusconi e agli altri, nel processo sui fondi e sui film di Mediaset, è stato uno dei protagonisti della vicenda Mills, l’avvocato Mills è l’avvocato che aveva creato le società estere off shore del gruppo Fininvest, Del Bue è uno dei soci fondatori della Harner Bank. Ebbene, questa banca ha avuto diverse traversie, perché dopo alcune pressioni delle autorità di vigilanza Svizzere aveva nominato un nuovo Presidente di garanzia, un revisore dei conti, un certo Adriano Vassalli, poi nel 2008 sono successe altre cose: c’è stata l’ispezione della Banca d’Italia nella filiale italiana, dove si sono scoperte queste sospette operazioni di riciclaggio, è partita l’indagine alla Procura di Milano per riciclaggio e, nel frattempo, anche la Procura di Palermo si è interessata al direttore e altro socio fondatore della Harner, che si chiama Nicola Bravetti, che è stato arrestato dai magistrati antimafia di Palermo con l’accusa di aver intestato fittiziamente dei beni, aiutando così un imprenditore siciliano, un certo Francesco Zummo, a fare sparire delle somme notevoli, 13 milioni di Euro, alle Bahamas. Zummo era stato condannato in primo grado per associazione mafiosa, poi è stato assolto in appello dall’accusa di riciclaggio e insomma è accusato di essere un bel personaggino dai giri giusti in questa finanza torbida; è stato arrestato il direttore della filiale italiana della Harner, questo Nicola Bravetti, appunto, per avergli dato una mano a fare sparire un po’ di soldi e questa filiale italiana è proprio quella che ha, come cliente numero uno, Silvio Berlusconi e a seguire tutti i suoi cari e una parte della sua numerosa famiglia. I Pubblici Ministeri di Palermo sono riusciti addirittura a ottenere una risposta alle rogatorie dalle Bahamas, cosa che di solito non accade mai e quindi a fare sequestrare quei 13 milioni che Zummo, secondo l’accusa, avrebbe fatto sparire ai Caraibi con l’aiuto del direttore della filiale italiana della Harner Bank e adesso sta esaminando l’enorme documentazione che, dalle Bahamas, è arrivata a Palermo, a carico del banchiere e del suo sodale. La banca ha detto di non avere niente da nascondere e che Zummo, essendo stato assolto in appello dall’accusa di riciclaggio dopo una condanna in primo grado di cinque anni, questo fa cadere tutta l’accusa anche nei confronti di quello che l’ha aiutato, ma in realtà invece i magistrati rispondono che l’intestazione fittizia di beni è vietata indipendentemente dalle vicende penali del beneficiario di questa intestazione di beni. Insomma, abbiamo addirittura il nuovo governatore Draghi, il governatore della Banca d’Italia Draghi, che aveva designato al vertice della Harner Alessandro Maggiorelli, il quale adesso è finito anche lui sotto inchiesta per favoreggiamento in queste storie e in altre storie di riciclaggio, sempre da parte della Procura di Milano. Quindi una banca che ha i suoi vertici sotto osservazione di due Procure della Repubblica, Milano e Palermo, per storie di presunto riciclaggio, un cliente è Silvio Berlusconi, che evidentemente ha cominciato a dare – chissà come mai! – segni di nervosismo. Ne sapremo di più alla ripresa dell’attività giudiziaria ma, anche da questi fronti, possiamo capire per quale motivo il Cavaliere è così agitato. Passate parola.”

Guarda tutte le puntate di Passaparola Diventa fan di Passaparola su Facebook

giugno 26, 2009

IL GIORNALE: SU FESTINI ED ESCORT SCONTRO BERLUSCONI-UDC

ROMA – E’ scontro aperto tra l’Udc e Silvio Berlusconi su escort, feste e droga. Il segretario dei centristi Lorenzo Cesa è andato su tutte le furie quando ha letto il suo nome in uno degli articoli che “Il Giornale”, quotidiano della famiglia Berlusconi, sta pubblicando da qualche giorno su una vecchia vicenda di ragazze squillo procurate a politici da una disinvolta affarista, della quale si conoscono solo le iniziali, R.F. A far imbufalire Cesa è stato il titolo “choc” “Cesa socio della escort” con cui è stata presentata la notizia di una società costituita quindici anni fa dal segretario dell’Udc proprio con la donna più tardi finita sotto inchiesta per le sue attività di “corruttrice sessuale”; ma a farlo uscire completamente dai gangheri è stata la solidarietà che gli è stata espressa da Silvio Berlusconi, solidarietà che il Cavaliere ha espresso anche a Massimo D’Alema, anch’esso coinvolto in un servizio del ‘Giornale’, ieri.

Silvio-in-fugaQuando ha letto le parole del premier (“non ho mai condiviso i modi di chi ricorre ai pettegolezzi e alle chiacchiere di vario genere per insinuare dubbi o gettare discredito nei confronti di qualcuno”; “Sono stato facile profeta quando ho previsto che l’imbarbarimento provocato da una ben precisa campagna di stampa avrebbe messo in moto una spirale che va assolutamente arrestata”) il segretario dei centristi si é sentito preso in giro e ha affidato alle agenzie una sua durissima replica. “Io – sottolinea Cesa – non ho mai partecipato a festini, né ho mai frequentato minorenni o persone che fanno uso di droga. Rispetto tutti, ma non accetto la solidarietà da nessuno, in particolare dal presidente del consiglio”. Di qui la reazione di Berlusconi, costretto a difendersi dalle accuse del segretario dell’Udc: “Mi dispiace che l’onorevole Cesa non accetti la mia solidarietà. Non ho mai partecipato a cosiddetti festini, non ho mai frequentato minorenni né so a chi si riferisca quando parla di persone che fanno uso di droga. La sua risposta è offensiva e disdice sia la sua immagine sia la considerazione che nutrivo nei suoi confronti. Spero che torni in sé e che risponda alle provocazioni con la stessa serenità e con lo stesso stile con cui reagisco io”.

Casini-ScassinatoreCol passare delle ore , la polemica innescata dagli articoli del Giornale si è fatta più intensa. La direzione del giornale conferma tutto definendo “incontrovertibile” la notizia che riguarda Cesa. Scende in campo , a difesa del segretario, il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, che assicura che i centristi non si faranno intimorire dal progetto di ‘fare di tutta l’erba un fascio”: “Abbiamo avuto un atteggiamento rispettoso in tutte queste settimane verso le persone e le loro famiglie. Non lo cambieremo, perché non siamo soliti trafficare nella melma e non vogliamo abituarci a una politica così sporca”. E’ il secondo giorno che il Giornale prosegue nel suo attacco sulle escort. Il bersaglio sembrava essere solo Massimo D’Alema, chiamato in causa in quanto ad approfittare delle ragazze squillo sarebbero stati uomini della sua corrente. Secondo il Giornale, infatti, R.F. per facilitare i suoi affari, procurava le prostitute ad alcuni politici vicini a D’Alema. Si tratta di un’inchiesta che risale al 1999 e conclusasi nel 2000 con la condanna della donna, per corruzione.

di Marco Dell’Omo per ansa.it

giugno 5, 2009

Tutti nudi a Villa Certosa… Ma Silvio si fa consolare (lui è pisellino)

Il Quotidiano Spagnolo “El Pais” che non è di Rupert Murdock, che non centra nulla con Sky, con l’iva e con i complotti tirati in ballo, almeno sino adesso (non mi stupirei se Silvio se ne uscisse con un nuovissimo complotto fatto da ETA + Gianni Morandi e Pino Daniele).

IL PUTTANIERENelle foto si intravedono uomini nudi (uno è forse propio il cavaliere, il pisellino è turgido e potrebbe essere il suo che da moscio non misura più di 3 centimetri come si può vedere da foto precedentemente diffuse via internet in tempi non sospetti e senza troppi scheletri nell’armadio da nascondere di furia ricorrendo al garante della privacy, alla procura tarocca e corrotta di Roma, la stessa che a comando sequestra gli archivi del Gioacchino Genchi dissequestrandoli pochi giorni dopo in quanto non certo frutto di illegalità, anzi.. comunque.. continuiamo a stare a vedere), il caballero assieme a dolci ragazzine che affettuasamente gli tengono il braccio attorno al collo in posa affettuosa di figliale innocenza, del resto lui è o non è il “Papi”?!?

In altre c’è Silvio con qualche altro vecchiaccio e tante sgallettate con stivali e abbigliamento invernale (saranno quelle di capodanno, almeno i vecchiardi in queste non sono nudi come vermi….)  E in altre ancora, sgallettate e guardie armate di mitra AK47 in mimetica, roba da governi del terzo mondo, dove il negus vive attorniato da sgherri armati di tutto punto fino ai denti, e il vegliardo assieme al suo Harem di zoccolette più o meno ninfe se la spassa governando sui morti di fame che compongono la sua corte, bastonandoli quando è di cattivo umore, e premiandoli con la carota quando serve (lui userà più il pisello, ma lasciamo perdere… con Lele Mora in giro qualcheduno potrebbe anche pensar male, e come dice l’altro vegliardo Presidente, l’Andreotti per intenderci, quasi sempre ci si azzecca..

Che spettacolo indecoroso sentire Silvio che racconta in tv davanti a giornalisti che i voli di stato possono benissimo trasportare lui assieme a chi vuole, e nessuno dei “Presunti” giornalisti gli fa notare che lui li ha usati per scarrozzare squibzie ninfette e cantautori vegliardi mentre lui aspettava spaparazzato nudo come un verme in piscina…. Ma siamo tutti alla corte del Negus, e l’Italia è il terzo mondo d’Europa ormai, al pari della Turchia, il Berlusconistan è servito, ci volete l’oliva?

QUI TROVATE LE FOTO, IO NON LE PUBBLICO!! IN UNO STATO DI POLIZIA COME IL BERLUSCONISTAN C’E DA TEMERE IL LAGHER, PROPIO OGGI GLI AMICI DEL NEGUS HANNO MANDATO UN MESSAGGIO PROIETTILE A SANTORO… CAPISCI A ME’…..

http://www.elpais.com

giugno 4, 2009

Premiata ditta Trappoloni – L’enturage di Berlusconi & Corona al lavoro, peccato per Scaramella..

La Banda MediasetA trasformarlo nella “Pravda” ci aveva pensato, martedì 5 maggio, il Cavaliere in persona. «Trovate tutto su “Chi”! Trovate tutto su “Chi”!», aveva continuato a ripetere il presidente del Consiglio negli studi di “Porta a Porta”, quando si era presentato dall’amico Bruno Vespa per giustificare la sua partecipazione al compleanno della diciottenne Noemi Letizia in quel di Casoria.

Era stato così che il settimanale di gossip della Mondadori, diretto da Alfonso Signorini, il giornalista più vicino alla presidentessa Marina Berlusconi, era diventato all’improvviso il faro che tutte le testate del gruppo, da “il Giornale” di Mario Giordano fino ai tg e ai gettonatissimi programmi Mediaset della mattina e del pomeriggio, dovevano seguire.
Per più di un mese la grande macchina della propaganda berlusconiana, impegnata allo spasimo nel tentativo di ridurre i danni causati dall’esplodere del caso Lario-minorenni, è ruotata intorno alle interviste, alle foto posate, alle versioni “ufficiali” dell’accaduto pubblicate dal rotocalco.

Seguendo uno schema consolidato, “Chi” offriva ai suoi quasi tre milioni di lettori una serie di temi in gran parte falsi (per esempio le bugie di Elio Letizia, il padre di Noemi, che assicura di essere un «socialista riformista» vecchio amico del premier) poi ripresi da siti Internet, televisioni e quotidiani.

Insomma, mentre gli altri direttori del “comitato elettorale” (definizione di Enrico Mentana) erano impegnati a nascondere le notizie – le dichiarazioni di Veronica Lario e dell’ex fidanzato di Noemi, Gino Flaminio – o a segnalare agli avvocati di Berlusconi la presenza di fotografie compromettenti da far sequestrare dalla magistratura romana, Signorini si muoveva da spin doctor.

A Napoli veniva inviato il migliore e più roccioso tra i suoi cronisti: Gabriele Parpiglia, 30 anni, ex addetto stampa dell’agenzia fotografica del pluriprocessato Fabrizio Corona e suo grande amico.

Descritto da tutti come un ragazzo sveglio e col pelo sullo stomaco, Parpiglia, ha cominciato al settimanale “Star Tv” dove seguiva, tra l’altro, i “tronisti” e i “corteggiatori” del programma “Uomini e donne” di Maria De Filippi: una strana fauna di figuranti del mondo dello spettacolo che per fama e denaro, come ha ammesso proprio il giornalista, è disposta a dire tutto e il contrario di tutto. In quell’ambiente Parpiglia si muove così con disinvoltura.

E lo dimostra subito, intervistando Noemi mentre un fotografo la riprende con i genitori e il sedicente fidanzato Domenico Cozzolino, un pr di discoteca, casualmente anche lui ex “corteggiatore” del programma della De Filippi.

Il pezzo, rilanciato da tutte le tv, ha comunque uno scopo preciso: dire agli italiani che Noemi «è illibata», tanto che la ragazzina assicura di aver baciato in vita sua solo Domenico. Sembra gossip, ma in realtà “Chi” sta facendo, con abilità, politica.

Parpiglia del resto sa il fatto suo. Molti trucchi del mestiere li ha imparati proprio dal re di Vallettopoli, Fabrizio Corona. Con lui ha anche scritto un libro (“La mia prigione”) e soprattutto ha partecipato, sia pure nelle vesti di semplice testimone oculare, ad alcune memorabili “operazioni” oggi ritenute dalla magistratura un ricatto bello e buono: la più celebre di tutte è senz’altro l’intervista ai transessuali che trascorsero con Lapo Elkann una notte brava a base di droghe, poi sfociata in un ricovero in ospedale. Insomma, Parpiglia è il tipo giusto per giocare, all’occorrenza, anche pesante.

Il primo obiettivo di “Chi” diventa quindi quello di minare la credibilità di Gino Flaminio, l’ex fidanzato di Noemi, che a “Repubblica” ha raccontato come l’amicizia tra la teenager e il premier fosse nata dopo che Berlusconi aveva visto un suo book fotografico. Una versione nei fatti poi confermata anche dalla zia di Noemi, che dimostra come il presidente del Consiglio abbia mentito quando ha sostenuto di essere un amico di vecchia data della famiglia Letizia.

Così Parpiglia, memore degli insegnamenti di Corona, fa allestire al ristorante La scialuppa di Napoli una sorta di set fotografico. Lì, dopo essersi presentato come un giornalista della stampa estera, incontra verso le 17 Gino e suo padre, mentre tutto viene fotografato e registrato.

La conversazione però è piuttosto deludente. L’ex fidanzato di Noemi spiega di non aver ricevuto una lira da “Repubblica”, non smentisce una virgola dell’intervista precedente, e si limita ad aggiungere di aver invece raggiunto un accordo economico da circa 10 mila euro con “Novella 2000” (che nega). Il colpo comunque riesce lo stesso, perché Gino alla fine chiede e ottiene per il disturbo 500 euro. Ma il pezzo e le foto non escono su “Chi”.

Signorini e Parpiglia (che hanno lavorato a “Lucignolo” con il direttore del “Giornale”, Mario Giordano), dirottano il tutto sulle pagine del quotidiano di via Negri. Qui l’articolo, intitolato “Ecco le verità a pagamento dell’ex di Noemi”, viene firmato da Parpiglia e da un altro cronista, non presente a Napoli. Il clima politico si arroventa e il Pdl, capeggiato da Maurizio Gasparri, accusa di fatto “Repubblica” di versare soldi per le interviste. È una balla, ma l’importante è screditare.

Il set del ristorante La scialuppa non ha comunque cessato di sorprendere. Mercoledì 27 maggio, a mezzogiorno, squilla il cellulare del giornalista de “L’espresso” Marco Lillo. A cercarlo è Roberta Arrigoni, titolare di un’agenzia fotografica, la Uno Press, fornitrice abituale di “Chi” e di altri settimanali.

La Uno Press è una società importante. E, come risulterà qualche giorno dopo, è amministrata da Tonino De Filippo, un grande amico di Signorini, tanto che il direttore di “Chi” ne ha celebrato il matrimonio civile nel settembre del 2008 a palazzo Dugnani a Milano.

Roberta dice di poter mettere “L’espresso” in contatto con una ragazza che è stata l’amante del premier e per questo è stata favorita nel concorso del “Grande Fratello”. Se fosse vero sarebbe un caso lampante di conflitto d’interessi.

L’Arrigoni vive e lavora a Milano, ma invita Lillo a raggiungerla l’indomani a Napoli dove, a suo dire, l’amante di Berlusconi dovrebbe posare per un servizio fotografico. La donna fissa l’appuntamento al ristorante La scialuppa.

Qui l’agente fotografico e la sedicente fiamma del Cavaliere si siedono allo stesso tavolo (o a quello immediatamente vicino) dove è anche stato fotografato Gino Flaminio. La ragazza è la polacca Laura Drzewicka, già concorrente del “Grande Fratello”, e davanti a Lillo e al suo collega Claudio Pappaianni (muniti di registratori), chiede 50 mila euro per un’intervista.

La proposta viene rifiutata. L’unica cosa che “L’espresso” può eventualmente acquistare sono documenti e foto, ma solo se di buona qualità. Mai le interviste.

L’incontro in ogni caso prosegue e i giornalisti pongono a Laura domande sui suoi presunti rapporti con premier per saggiare l’attendibilità del suo racconto. Dopo qualche minuto i due si accorgono di essere spiati da un tavolo vicino dove siedono una decina di persone. Due uomini anzi li fotografano, prima di andarsene in motorino. La trappola a quel punto è evidente.

Chi l’abbia organizzata esattamente lo stabilirà la magistratura di Napoli e l’Ordine dei giornalisti.

Il resoconto parziale dell’accaduto, sotto il titolo fuorviante “L’espresso pronto a pagarmi per incastrare Silvio”, viene infatti pubblicato da “il Giornale”.

E a firmare l’articolo, senza spiegare come la soubrette fosse un’agente provocatore, è lo stesso cronista che il giorno prima aveva scritto con Parpiglia il pezzo su Gino, l’ex fidanzato di Noemi.

Questa volta, insomma, Agatha Christie non serve per capire come sono andate le cose. Perché la macchina berlusconiana della menzogna esiste e continua a funzionare.

Da: http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2009/06/04/premiata-ditta-trappoloni/

giugno 3, 2009

Ma tra le foto di Villa Certosa ci sono scatti sfuggiti al sequestro…

Apicella sbarca dall’aereo di Stato

Ma tra le foto di Villa Certosa ci sono scatti sfuggiti al sequestroPORTO ROTONDO – Quali sono le fotografie che Silvio Berlusconi teme davvero? Non le “ninfe” che si rinfrescano e giocano nel parco di villa Certosa. Non Noemi Letizia che assieme all’amica Roberta e a una covata di altre fanciulle si prepara al gran festone di Capodanno denominato la “cena dei cento”.
_
Nemmeno, a questo punto, gli ospiti più o meno d’onore – il cantautore personale Mariano Apicella, la ballerina di flamenco, altri musicisti e bellezze varie – ai quali il premier offre passaggi, da e per la Sardegna, con i voli di Stato.
Di materiale fotografico potenzialmente “scomodo” ce ne sarebbe altro. Scatti rimasti fuori dal provvedimento di sequestro disposto dalla Procura di Roma, e che proprio per questo, ora, inquietano lo staff del presidente del consiglio. Nel mirino del fotoreporter Antonello Zappadu sono finiti altri passeggeri ospitati dal premier a bordo della sua flotta aerea. Dall’airbus di Stato con impressa sulla fusoliera la scritta “Repubblica italiana” agli elicotteri che tutto l’anno, soprattutto d’estate, fanno la spola tra Arcore, Roma e Olbia. In particolare un’ospite: una donna sulla quarantina che ricorre, quasi sempre da sola, in diversi sbarchi e imbarchi. Trattata con particolare riguardo dal personale di scalo e dall’entourage del presidente del consiglio.
_
In una sequenza scattata da Zappadu nella primavera del 2008, la si vede sulla pista dell’aeroporto Olbia-Costa Smeralda mentre sale sull’aereo di Stato: addirittura quaranta minuti prima dell’arrivo di Berlusconi e dei suoi collaboratori.
Fotomontaggi EstiviUna bella donna, bruna, sempre in tailleur. E’ tardo pomeriggio quando accede all’aereo e poi riesce per accendersi una sigaretta, protetta dalla calotta in plastica della scala. Dopo oltre mezz’ora – lei ha già preso posto sul velivolo – in pista si materializza il corteo di auto di Berlusconi e della sua delegazione. In altre foto c’è sempre lei, stavolta mentre sbarca dall’elicottero atterrato nell’eliporto privato di villa Certosa. E anche qui lo zoom di Zappadu ci mette il becco.
_
Chi è la protagonista del blocco di foto che i legali del premier, dopo l’esposto presentato nel tribunale capitolino, pensavano di “intercettare” e dunque “visionare” assieme al mazzo di 300 scatti firmati dal reporter olbiese? Si tratterebbe – conferma una fonte dell’aviazione generale (aerei privati) dell’aeroporto – di una passeggera con la quale gli uomini che accolgono gli ospiti del premier si mostrano particolarmente premurosi.
_
E’ questo il nuovo nodo che aggroviglia la matassa fotografica che vede contrapposti da una parte palazzo Chigi e dall’altra il fotografo che da tre anni scava nella vita sarda del proprietario di villa Certosa. In mezzo due procure, quella di Roma e, da oggi, quella di Tempio Pausania. I magistrati si preparano a lavorare su due topos geografici. L’aeroporto di Olbia con i suoi 14 mila voli privati l’anno – il 70 % d’estate, una cinquantina circa quelli effettuati dagli aerei di Stato del capo del governo. E villa Certosa con i suoi 80 ettari di parco, le spiaggette private, i laghi artificiali, le piscine, le ville e villette dove alloggiano Berlusconi e i suoi ospiti. Le “pertinenze” più importanti sono la villa padronale, quella detta “dei carrubbi” e una terza dimora che confina con il residence del Country club ovvero il complesso dove sorge uno dei luoghi prediletti dello svago berlusconiano. La discoteca Country (il patron è Roberto Fantauzzi, compagno di Serena Autieri). Qui, tra tappeti orientaleggianti, drappi, cuscini e candele, il premier fa spesso capolino nelle notti d’estate. Il privé della discoteca, ironia del caso, si chiama Harem.
_
Da www.Repubblica.it (3 giugno 2009) – dal nostro inviato PAOLO BERIZZI
Older Posts »

Blog su WordPress.com.