Angolo del Gigio

dicembre 11, 2009

Mafia, processo Dell’Utri: Graviano smentisce Spatuzza e incolpa Gianni Morandi!

Parole che hanno rincuorato il senatore del Pdl, condannato a nove anni in primo grado, secondo cui “non c’è proprio nulla in questo processo”.

“Spero che siccome non c’è niente, alla fine venga fuori”, ha detto ai giornalisti che gremivano l’aula di giustizia di Palermo. “Mi sono meravigliato della dignità e della compostezza di questo signore. Ha detto cose che mi meravigliano. Nel guardarlo ho avuto l’impressione di dignità da parte di uno che si trova in carcere e ha delle sofferenze. Graviano sembra un pentito Spatuzza no”, ha sottolineato.

GIUSEPPE GRAVIANO NON RISPONDE

Nell’ambito dell’udienza odierna, oltre a Filippo Graviano, doveva essere ascoltato anche Giuseppe, che si è avvalso però della facoltà di non rispondere. Per motivi di sicurezza, i due boss ergastolani — che non sono “pentiti” — sono stati collegati in videoconferenza con l’aula palermitana dai penitenziari dove sono detenuti in regime di 41 bis, l’articolo di legge che consente il cosiddetto “carcere duro” contro i mafiosi.

“Giuseppe Graviano è sepolto vivo, è in una situazione alienante, perché dovrebbe rispondere al processo? Cosa ci guadagna?”, ha commentato il suo avvocato, Giuseppe Giacobbe, annunciando che il suo assistito ha inviato un memoriale via fax alla corte di appello presieduta da Claudio Dall’Acqua denunciando che “non è sottoposto a un 41-bis normale, è tutto un sistema mirato ad annientare la sua personalità per acquisire nuovi collaboratori di giustizia”.

Con riguardo proprio a Giuseppe, Spatuzza aveva raccontato in aula nei giorni scorsi che il boss, durante un incontro a Roma nel gennaio del ’94, gli nominò Berlusconi e Dell’Utri come i referenti politici della cupola mafiosa nelle stragi di mafia del ’92-’93 — l’attentato agli Uffizi di Firenze, le bombe a Roma e in via Palestro a Milano, il fallito attentato allo stadio Olimpico della capitale.

Spatuzza, 45 anni, è stato condannato all’ergastolo per 6 stragi e 40 omicidi, molti dei quali eseguiti nei primi anni 90 proprio su mandato dei Graviano, che dal carcere continuavano a impartire ordini ai loro uomini.

Arrestato nel 1997, ha cominciato a collaborare con la giustizia nel 2008.

Le sue dichiarazioni sui contatti fra mafia e politica hanno riaperto il dibattito sull’uso dei pentiti e sui benefici a loro concessi per legge in caso di collaborazione con la giustizia, con alcuni — tra cui lo stesso Dell’Utri, che anche oggi è presente in aula — che hanno chiesto una modifica dell’attuale legislazione.

E INTANTO in Quel di BARI!

BARI (Reuters) – Il ministro per gli Affari Regionali, Raffaele Fitto, è stato rinviato a giudizio per due episodi di corruzione, abuso d’ufficio, peculato e illecito finanziamento al partito. Lo ha deciso il gup di Bari Rosa Calia, secondo quanto riferito da fonti giudiziarie.

I fatti risalgono al periodo in cui Fitto era presidente della Regione Puglia. L’accusa è di aver ottenuto, durante la campagna elettorale per le Regionali del 2005, una tangente da 500mila euro che sarebbe stata versata dall’imprenditore romano Giampaolo Angelucci, anch’egli rinviato a giudizio.

Fitto, che ha sempre respinto le accuse, è stato invece prosciolto dall’accusa di associazione a delinquere, concussione e tre episodi di falso, relativi ad attestazioni di spese di rappresentanza.

L’avvocato di Fitto e parlamentare del Pdl Francesco Paolo Sisto ha commentato: “Questa è la degna sentenza di un degno giudice della Repubblica Italiana. Una sentenza che condivisa o non condivisa bisogna accettare con la massima serenità. L’impostazione accusatoria risulta demolita”.

Secondo l’accusa la somma di denaro sarebbe stata versata al movimento “La Puglia prima di tutto”, fondato dall’ex governatore della Regione Puglia, a sostegno della campagna elettorale. In cambio, sostiene l’accusa, le società di Angelucci si sarebbero aggiudicate l’appalto per la gestione delle Rsa, residenze sanitarie assistite pugliesi.

Fitto si era già difeso davanti al gup lo scorso 17 novembre, negando ogni addebito. Parlando con i giornalisti, inoltre, Fitto aveva detto che “se l’accusa fosse vera sarei il primo politico al mondo ad aver ricevuto una tangente con bonifico bancario”.

Tra i 77 imputati nel procedimento, denominato “La Fiorita”, c’era anche Mario Morlacco, ex direttore dell’Ares di Puglia e oggi sub commissario alla Sanità del Lazio. Morlacco è stato assolto oggi dall’accusa di falso perché il fatto non sussiste.


Articoli tratti da: http://www.reuters.it (Pentito on-Demand & Fitto Mafia Connections)

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: