Angolo del Gigio

settembre 19, 2009

Il ruffiano e il presidente.. Quel tentativo disperato di chiudere il caso escort

Gianpaolo Tarantini deve essersi detto: faccio così, ammetto negli interrogatori quel che non posso negare o contraddire e dunque le feste a Palazzo Grazioli e a Villa Certosa; il pagamento delle prostitute che infilavo nelle cene e nel letto di Silvio Berlusconi; l’uso della cocaina che a decine di grammi distribuivo nelle mie feste private. Confesso i legami cuciti – sempre attraverso notti di sesso nella garçonniere all’angolo Extramurale Capruzzi, a Bari – con gli amministratori regionali di sinistra, come quel Sandro Frisullo. Lascio capire che anche quel D’Alema – sì, quel D’Alema – l’ho avuto a tavola o in barca.

“Qualche volta” dico, alludendo a un’amicizia che purtroppo non è mai nata. Concludo che qualche affaruccio me n’è venuto – è vero, diciamo una certa “visibilità con i primari” che poi mi dovevano comprare le protesi che vendevo – ma poi niente di che, tutto sommato. Chiedo il patteggiamento (due anni di pena) ed esco da questa storia un po’ ammaccato e con qualche benemerenza da mettere sul tavolo nella mia seconda vita. Ho soltanto 35 anni, no? Un merito sarebbe stato sicuro e consistente, deve aver pensato Tarantini. Se patteggio, tengo fuori dai guai “il Presidente” perché nessuno potrà più ficcare il naso nelle decine e decine di telefonate tra me e lui – intercettate, purtroppo. Quelle chiacchiere, sì che lo metterebbero in imbarazzo.

La strategia di difesa di Tarantini è legittima, come tante altre. Si sbriciola dinanzi al rifiuto del pubblico ministero. Che nega il patteggiamento (applicazione della pena su richiesta delle parti) perché – dice il procuratore di Bari, Antonio Laudati – “l’attendibilità delle dichiarazioni dell’indagato deve essere verificata con ulteriori accertamenti. È vero, ho detto che, leggendo i verbali sui giornali, appare evidente che non ci sono responsabilità del presidente del Consiglio, ma le indagini non sono terminate e si deve verificare quanto è stato raccontato. Lo faremo in tempi rapidi”.

Le parole del procuratore devono aver spaventato Tarantini, e non soltanto Tarantini. Che era nei guai e ci si ficca ancora più a fondo, a testa in giù. Comincia (sostiene la guardia di finanza) a trafficare con i testimoni e con le prove. Se le aggiusta per rendere attendibili, per i magistrati, i suoi ricordi. Forse, progetta una fuga all’estero per tirare il fiato e alleggerire la pressione in attesa di una luna migliore. Si vedrà se gli investigatori hanno visto giusto.

Nell’attesa, alla mossa di Gianpi, la procura ne oppone un’altra, tattica e astuta. Non ne chiede l’arresto, ma soltanto il fermo. Quindi, è obbligata a consegnare al giudice delle indagini preliminari, che dovrà convalidarlo, soltanto qualche pezzullo di carta che documenta il pericolo di fuga o l’inquinamento probatorio e nulla di più. Lo scrigno delle fonti di prova già raccolte resterà chiuso e quindi, per il momento, le intercettazioni del presidente del Consiglio, le testimonianze delle giovani falene che hanno trascorso la notte a Palazzo o in Villa, gli amici di Gianpi che tiravano su la cocaina che egli dispensava con generosità, le tracce dei traffici sanitari resteranno ben protette.

* * *

Un’indagine penale non è soltanto l’accertamento di responsabilità personali (come sembra credere Ernesto Galli Della Loggia), è anche teatro, memoria collettiva, luce che illumina il mondo, che rivela pratiche, passioni, coraggio, debolezze, irresponsabilità, che racconta la tenuta di regole e dispositivi che evitano anarchia e soprusi e fanno ordinato il nostro vivere insieme. È un ordigno che riesce a dirci, qualche volta, e spesso non in modo esaustivo, dove viviamo, che cosa vi accade, con chi abbiamo a che fare. Da questo punto di vista, la storia di Gianpaolo Tarantini non è questo termitaio dai corridoi intricati.

Gianpi è in affari e s’è fatto ruffiano per accrescerli. Tutto qui, in soldoni. La sua intuizione è che, nell’Italia di oggi, il potere del sesso – l’influenza che può avere sugli uomini che governano il Paese o una Regione o un’Azienda sanitaria – ha la stessa energica forza corruttiva del denaro, grimaldello decisivo per gli affari neri degli anni novanta. È acuto il fiuto del giovanotto che forse avrà studiato anche psicologia sociale nel suo master in marketing all’università di Herisau, nello svizzero Canton Appenzello. L’intuizione, comunque, è subito vincente a Bari. Sandro Frisullo, vicepresidente regionale, abbocca all’amo di Tarantini. Gianpi gli organizza in un appartamento in affitto in via Giulio Petroni, angolo via Extramurale Capruzzi, incontri sessuali ora con Terry De Nicolò ora con Vanessa Di Meglio, ricompensate con cinquecento euro.

Tarantini attende l’arrivo dell’amico. Cenano in tre. Al caffè, Gianpi si leva di torno. Le chiama “attenzioni” non corruzione. “Le attenzioni da me avute per Frisullo mi hanno consentito – dice – di essere presentato al dottor Valente, direttore amministrativo dell’Asl di Lecce. Chiedevo un’accelerazione dei pagamenti per le prestazioni effettuate dalle mie aziende e l’esecuzione di una delibera adottata in materia di acquisto di tavoli operatori. So che Frisullo ha rappresentato più volte le mie esigenze a Valente ed io personalmente ne ho parlato con lo stesso Valente. I pagamenti sono avvenuti anche se comunque in ritardo, altrettanto per la delibera. La frequentazione di Frisullo mi serviva soprattutto per acquistare visibilità agli occhi dei primari che portavo da Frisullo”.

* * *

Il metodo funziona, dunque. Tarantini decide di fare un salto, il gran salto, l’avventurosa capriola verso un sorprendente, inatteso successo. Dice a se stesso che se la sua intuizione è efficace in Puglia perché non deve esserlo altrove. Magari a Roma, nella Capitale, e con l’uomo che ha in mano in Paese? Dicono che le cose siano andate così. Non è stato il giovane ruffiano a bussare alla porta di Berlusconi, ma – scaltro, forse già conosce le debolezze del presidente – Tarantini è riuscito a giocare con Berlusconi come il gatto con il topo.

Accade nell’estate del 2008. Tarantini affitta, pagando centomila euro al mese (pare), la villa Capriccioli, a cinque minuti da Porto Cervo e non troppo lontano dalla Villa Certosa del capo del governo. A quel punto è un gioco da ragazzi – anche se molto, molto costoso – riempire la casa, il giardino, la spiaggia di bellezze, di cocaina, di allegria e risate e poi attendere, immobile come un ragno. Il calabrone cade nella rete. Pare che l’Egoarca non se ne capacitasse e il suo grandioso senso del sé ne fosse ferito: quelle giovani donne non si dirigevano alla Certosa, ma altrove, da un altro. Chi diavolo è questo “Gianpi” di cui tutti parlano quest’estate?

Berlusconi chiede di sciogliere l’arcano a Sabina Beganovic, “l’ape regina” (Dagospia),
donna così fidata da essersi tatuata su un piede “S. B. l’uomo che mi ha cambiato la vita“.

La Beganovic torna dall’Egoarca con le informazioni giuste e Tarantini ha finalmente accesso a corte. Con lui, le sue “ragazze”. “Io – sostiene oggi il giovanotto – ho voluto conoscere il presidente Berlusconi e mi sono sottoposto a spese notevoli per entrare in confidenza con lui e, sapendo del suo interesse per il genere femminile, non ho fatto altro che accompagnare da lui le ragazze che presentavo come mie amiche tacendogli che a volte le retribuivo”. Berlusconi gradisce molto e consente a Tarantini di coltivare un sogno di potenza: perché rinchiudersi nel piccolo recinto degli affari sanitari pugliesi e non pensare in grande? Perché non diventare, grazie all’amicizia con “il Presidente”, un imprenditore di carattere nazionale, europeo o, perché no?, un lobbista per tutte le decisioni che “il Presidente” può favorire, per i business che l’intervento del “Presidente” può rendere fluidi e vincenti?

L’impresa non pare impossibile a Tarantini. Bisogna investire un po’ di denaro, pagare le prostitute, accompagnarle a Palazzo Grazioli. Che ci vuole? La difficoltà semmai è avere sempre le “ragazze” a disposizione perché, si sa com’è “il Presidente”, magari chiama nella tarda mattinata, prima o dopo un Consiglio dei ministri, e vuole che a sera – dopo un paio d’ore, maledizione – la festa sia organizzata. Ci sono giorni che Gianpi è come fuori di testa. Lo vedono agitato e inquieto come una mosca contro un vetro. Ha chiamato “il Presidente” e lui non ha disposizione quel che serve. Telefona, ritelefona, chiama e richiama questo, quello, chiunque possa aiutarlo, chiunque conosca almeno “una donna immagine che all’occorrenza avrebbe potuto anche effettuare prestazioni sessuali”.

Così ingaggia, il 16 ottobre, Patrizia D’Addario. Gianpi riesce sempre a cavarsela con un salto mortale. Per non farne più, e rompersi il collo, comincia a corteggiare con accorti regali la rete di “ragazze” controllate, per così dire, da Sabina Beganovic. Forse per ingraziarsele, le rifornisce di cocaina, in palazzi sbagliati, off-limits. Non ne possono venire che guai che, infatti, non mancano. Il 20 dicembre del 2008, l'”ape regina” perde la pazienza, telefona a Gianpi (intercettato) e lo affronta a muso duro.

Sabina. “Hai capito Gianpaolo, che cazzo fai? Mandi alla gente regali e metti a me in una bruttissima situazione. Cioè io non so niente e tu ti spacci per mio amico … Per favore, non mi mettere in questa situazione”

Gianpaolo. “Io non l’ho fatto perché ti voglio sorpassare”.

Sabina. “Ma figurati, non fare il furbo con me… Non mi mettere nei casini. Non fare il paraculo con me”.

Gianpaolo. “Io non ho mai portato niente”.

Sabina. “Ah bello!, io ho i testimoni. Ti ho detto: non fare il furbetto con me”.

* * *

I conflitti con Sabina Beganovic non impediscono, in cinque mesi, a Tarantini (come ammette) di accompagnare trenta “ragazze” a diciotto cene del Presidente. Non tutte sono state pagate, non tutte sono prostitute, anche se in qualche caso “non disdegnano di essere retribuite per prestazioni sessuali”. Gianpi tocca “il cielo con un dito”. È nelle grazie del Presidente, finalmente. Può chiedergli di incontrare Guido Bertolaso per certe sue ambizioni (che, dice, ambizioni resteranno). Tarantini è il compagno fisso del “Presidente” in spensieratezze notturne, così appassionate da convincere il capo del governo a saltare qualche impegno pubblico. Come (lo racconta l’Espresso in edicola) tra il 23 e il 28 settembre. Le cose vanno così.

Il 23 settembre iniziano i lavori delle Nazioni Unite. Ci sono i leader del mondo. Durante la prima giornata parlano George W. Bush, Nicholas Sarkozy, il presidente iraniano Ahmadinejad. Gianpi a Roma ha organizzato per il premier una festicciola con Carolina Marconi, Francesca Garasi, Geraldine Semeghini, Terry De Nicolò. Ci si diverte e si fa presto a vedere l’alba. Il giorno dopo (mercoledì) Berlusconi decide di non partire più per il Palazzo di Vetro.

Diffonde una buona ragione. Patriottica e irreprensibile. Deve seguire da vicino la crisi dell’Alitalia.

Se ne stufa presto, però, ammesso che ne abbia mai avuto l’intenzione. In gran segreto raggiunge il castello di Torre Errighi, nei pressi di Melezzole di Montecchio di Terni e Health Center di Marc Méssegué, riaperto per la sua improvvisa visita. “Berlusconi di fatto scompare dai radar per cinque giorni” scrive l’Espresso. Frattini e Letizia Moratti sono costretti a presentare da soli l’Expo 2015 di Milano mentre Gianni Letta, sostenuto da Walter Veltroni, fa i salti mortali per far firmare la pace tra la Cai e i sindacati e salvare l’Alitalia. L’indimenticabile settimana dell’Egoarca finisce così. Domenica 28 un elicottero della protezione civile lo accompagna dal castello di Torre Errighi a Ciampino, dove prosegue per Milano, destinazione San Siro. C’è il derby, e sugli spalti “il Presidente” è in compagnia di Tarantini.

Gianpi ha con sé una nuova ragazza. La chiamano l’Angelina Jolie di Bari.

Si chiama Graziana Capone, che racconta il post-partita:
passeggiata in auto, arrivo ad Arcore, cena e festino con una decina di ragazze.

Il Milan ha vinto uno a zero, il premier è euforico. “Abbiamo tirato fino a tardi, le quattro forse, qualcuna si è addormentata sul divano” (Repubblica). Il fastidio alla schiena del Presidente non c’è più, come per un miracolo. Dopo poche ore di sonno, Berlusconi può festeggiare di nuovo sul lago Maggiore i suoi settantadue anni in una scena, questa volta tutta familiare. “Ora resto a lavorare – dice ai giornalisti – Nessuna festa serale, perché abbiamo già festeggiato oggi” (l’Espresso).

* * *

Tarantini oggi vuole riuscire nell’impresa di liberarsi con il minimo danno dalle sei inchieste che lo coinvolgono senza danneggiare il presidente del Consiglio. Un’altra avventurosa capriola. Dice: “Ho fatto una cavolata, sono stato uno stupido. Quando ho avuto la possibilità di conoscere Berlusconi, ho toccato il cielo con un dito. Non mi sembrava vero. Poi l’ho conosciuto sul piano personale, con la sua simpatia, il suo calore umano, il suo rispetto per gli altri, la sua genialità. Davvero irresistibile. E ho creduto che sarebbe stato più facile frequentarlo facendomi accompagnare da bellissime ragazze. Gli chiedo scusa” (il Giornale). Gianpi non deve essere stato sollevato quando ha sentito “il Presidente” fingere dalla Maddalena di non ricordare nemmeno il suo cognome. “Un imprenditore di Bari, Tarantino o Tarantini, era venuto ad alcune cene facendosi accompagnare da belle donne. Erano ragazze che questo signore portava come amiche sue, come sue conoscenti”.

Tutto cancellato, dunque? Come se quei fantastici mesi di feste, scorribande, canti, barzellette, cene, belle donne in tubino nero e trucco leggero, passioni, sesso non fossero mai esistiti. Come se le decine e decine di conversazioni telefoniche tra lui e “il Presidente” – quanto pressante, a volte – non ci fossero mai state. Come se il sogno di Tarantini fosse soltanto il delirio di un provinciale convinto che il potere del sesso è quel che serve oggi per fare affari e addirittura chiudere in una rete di ragno, quel calabrone del capo del governo.

“Utilizzatore finale” – certo – ma anche complice del ruffiano (le intercettazioni documentano la sua disponibilità per i maneggi del giovanotto) e regista di uno spettacolo di cui era unico protagonista, unico spettatore, il solo impresario. Può essere anche che finisca senza conseguenze la ricostruzione giudiziaria, si vedrà, ma quel che ci racconta quest’indagine penale è altro e ben visibile. Ci dice dove viviamo, che cosa vi accade, con chi abbiamo a che fare e non è sempre necessaria una sentenza della magistratura per comprendere e giudicare. Spesso, basta soltanto buon senso e un miccino di onestà.

(19 settembre 2009)

di GIUSEPPE D’AVANZO – Da Repubblica.it

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: