Angolo del Gigio

agosto 26, 2009

Baxter: un prodotto conteneva virus vivi dell’ influenza aviaria.

Di Helen Branswell, “The Canadian Press”, tradotto per Disinformazione.it da Stefano S.

La compagnia che ha rilasciato materiale virale contaminato con virus dell’influenza da un impianto produttivo austriaco ha confermato venerdì che il prodotto sperimentale conteneva virus vivi dell’influenza aviaria H5N1.
Un portavoce ufficiale dell’O.M.S. Europea ha detto che l’ente sta controllando da vicino lo svolgersi delle indagini sugli eventi che hanno avuto luogo nel laboratorio internazionale di ricerca della Baxter a Orth-Donau, Austria.

“A questo punto siamo fiduciosi di poter affermare che al momento il rischio per la salute pubblica e per gli addetti è minimo“ ha affermato l’ufficiale medico Roberta Andraghetti da Copenhagen, Danimarca.
“Ma ciò che rimane senza risposta sono le circostanze riguardanti l’incidente nel laboratorio di Orth-Donau della Baxter“

Il prodotto contaminato, una mistura dei virus influenzali stagionali H3N2 e di virus H5N1 non menzionati in etichetta, è stato fornito ad una compagnia di ricerca austriaca. La ditta austriaca Avir Green Hills Biotecnology ha poi spedito porzioni del prodotto ai suoi subappaltatori nella Repubblica Ceca, Slovenia e Germania.
L’incidente da contaminazione, che è sotto inchiesta nei quattro paesi europei, è venuto alla luce quando il subappaltatore nella Repubblica Ceca ha inoculato il prodotto a dei furetti ed essi sono morti. I furetti (mammiferi) non dovrebbero morire se esposti ai virus H3N2 dell’influenza umana.

Le Autorità Sanitarie Pubbliche preoccupate per quello che è stato descritto come un “serio errore”da parte della Baxter hanno ipotizzato che la morte dei furetti significasse che il virus H5N1 nel prodotto fosse vivo. Ma la compagnia, Baxter International inc., è stata avara di informazioni inerenti l’accaduto.
Venerdì il direttore delle comunicazioni globali di bioscienze della compagnia ha confermato ciò che gli scienziati avevano sospettato.
“Era vivo “ ha detto in una e-mail Christopher Bona.
Il prodotto contaminato, che Baxter chiama “materiale virale sperimentale” è stato prodotto nel laboratorio di ricerca di Orth-Danau. La Baxter produce i suoi vaccini contro l’influenza – compreso un vaccino umano contro l’ H5N1 per il quale è attesa una licenza a breve – in un laboratorio della Repubblica Ceca.

Le persone familiari con le norme di biosicurezza sono sgomente per il fatto che il virus umano H3N2 e il virus H5N1 convivessero in qualche modo nel laboratorio di Orth-Donau.

Numerosi esperti hanno sottolineato che si tratta di una pratica pericolosa che non dovrebbe essere permessa.

Il rilascio accidentale di una mescolanza di virus H5N1 e H3N2 avrebbe potuto provocare conseguenze terribili.

Il virus H5N1 non infetta facilmente gli esseri umani mentre il virus H3N2 sì . Se qualcuno esposto ad una mescolanza dei due fosse stato infettato simultaneamente da entrambi i ceppi , avrebbe potuto servire da incubatrice per un virus ibrido capace di essere trasmesso facilmente da persona a persona .

Questo processo di mescolamento, chiamato riassortimento, è uno dei due modi in cui vengono creati virus pandemici. Tuttavia non sussistono indizi che ciò sia accaduto .

Non abbiamo alcuna evidenza che sia avvenuto un riassortimento“ ha detto Andraghetti. (Ma hanno tentato…)
“E non abbiamo alcuna evidenza di un incremento della trasmissibilità dei virus coinvolti nell’esperimento con i furetti nella Repubblica Ceca“ .

Baxter non ha gettato molta luce – almeno pubblicamente – su come possa essere accaduto l’incidente. Precedentemente questa settimana Bona ha definito l’errore come il risultato di una combinazione di “Semplicemente il procedimento in sé, (ed) errori tecnici ed umani in questa procedura“
Egli ha detto che non poteva rivelare di più perchè avrebbe diffuso informazioni brevettate sul processo di produzione della Baxter.

Andraghetti ha aggiunto venerdì che i quattro governi che stanno investigando stanno cooperando strettamente con l’O.M.S. E il Centro Europeo per il Controllo delle Malattie a Stoccolma, Svezia.
“Siamo in stretto contatto con le autorità austriache per capire quali fossero le circostanze dell’incidente nel loro laboratorio“ ha detto .
“E la ragione per cui desideriamo sapere che cosa è accaduto è per prevenire che simili eventi si ripetano in futuro e condividere le lezioni che possono essere apprese da questo evento con gli altri per prevenire simili eventi … questo è molto importante.”

www.disinformazione.itDella serie, se serve ti infetto e ti vendo poi il vaccino, succede anche questo..

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: