Angolo del Gigio

aprile 12, 2009

Italia dei Valori: grave l’attacco a Santoro! – Impregilo Premiata, non c’è il 2 senza il 3!

Sono i due capigruppo parlamentari dell’Italia dei Valori a criticare il premier: «L’attacco di un capo di governo ad una trasmissione televisva è un fatto molto grave per una democrazia», dice Massimo Donadi, presidente dei deputati Idv.

«Berlusconi e la sua maggioranza – afferma il presidente dei senatori dipietristi Felice Belisario – stanno strumentalizzando il terremoto anche per regolare i conti con Michele Santoro colpevole, nell’ultima puntata di Annozero, solo di aver fatto il proprio dovere».

Secondo Donadi «in altri paesi europei un comportamento del genere non sarebbe tollerato né dai cittadini né dai mass media. Qui invece è un film già visto. Siamo ad un nuovo ’editto bulgaro’. Purtroppo in Italia c’è ancora una sconcertante anomalia: il presidente del consiglio controlla tv e giornali e finché non sarà approvata una seria legge sul conflitto d’interessi persisterà un deficit di democrazia».

Belisario aggiunge che «a fronte di commenti quasi unanimi sullo straordinario lavoro della protezione civile, gli eredi del pensiero unico, Berlusconi e Fini, a cui si è aggiunto anche qualche esponente del Pd, hanno lanciato un nuovo editto, dall’Aquila, solo perché nella puntata di Annozero sono state raccolte testimonianze critiche nei confronti di alcuni disservizi».

Il presidente dei senatori Idv aggiunge: «Per fortuna esiste Santoro, altrimenti nelle case degli italiani arriverebbe solo la verità del governo. Chi ha visto oggi tg1 e tg2, ad esempio, ha assistito a veri e propri spot elettorali da parte della strana coppia Berlusconi-fini. Promesse, rassicurazioni, pacche sulle spalle. le stesse che proprio Berlusconi dispensò dopo il terremoto in Molise».

Belisario avrebbe voluto dal premier «invece delle solite promesse da marinaio, qualche spiegazione, ad esempio, sul ruolo di Impregilo, l’impresa che ha partecipato alla costruzione dell’ospedale dell’Aquila, crollato come un castello di carta, a cui è stata affidata anche la costruzione del ponte sullo stretto di Messina».

Infine, conclude il presidente dei senatori Idv, bisognerebbe capire «perché il prossimo cdm si debba tenere all’Aquila se lo stesso presidente del consiglio ha chiesto alla politica di non fare passerelle. Come al solito i buoni comportamenti valgono per gli altri ma non per lui»

Tratto da: www.LaStampa.it

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: