Angolo del Gigio

novembre 2, 2008

Scontri di Piazza Navona, la verità monca del Regime Berlusconiano

Una serie di immagini dimostrano che prima i giovani di estrema destra
picchiano a sprangate alcuni studenti medi senza che nessuno intervenga

Scontri di Piazza Navona la verità monca del governoROMA – Uno scontro, anzi un assalto dei centri sociali contro i ragazzi pacifici di Blocco studentesco. La verità costruita dalla polizia e confezionata dal governo è bell’e pronta per andare in onda su Tg e televisioni. Tutto vero: gli universitari sono entrati in piazza Navona ed hanno affrontato i neofascisti di Blocco studentesco. Tutto vero, ma solo una parte della verità. Una parte perché non dice cosa è successo in quella piazza romana prima dello scontro. Non dice insomma, come ricostruito da un ragazzo che ha scritto a Repubblica e come testimoniato da decine di foto che, prima dell’azione degli universitari, un camioncino pieno di mazzieri aveva aggredito a cinghiate e a sprangate gruppi di quindicenni che fino a quel momento avevano giocosamente, accompagnati dai loro professori, contestato il decreto Gelmini.

Dal famigerato pulmino bianco sono scesi studenti, molti evidentemente fuoricorso, che a botte e calci si sono posizionati nel cuore dell’assembramento di ragazzini delle medie superiori spargendo violenza e terrore allo scopo di connotare a destra la protesta studentesca.

Solo a questo punto intervengono gli universitari chiamati dai più giovani per cercare una difesa che la polizia non ha saputo offrire. Dal corteo della Sapienza arriva un gruppone, a mani nude tanto che per attaccare usano i tavolini e le sedie dei bar che trovano in piazza e inizia il confronto con i neofascisti.

Per motivi oscuri le forze dell’ordine si accorgono solo di questa seconda fase della prima, dell’attacco ai liceali da parte di Blocco studentesco non si accorgono. I funzionari di polizia, che pure non erano distanti da dove avveniva il macello dei diritti, dicono di non essersene accorti e non ne fanno cenno nelle loro ricostruzioni. Tanto meno ne fa cenno in Parlamento il sottosegretario Nitto Palma vendendo al Parlamento e al Paese una verità monca che però le tecnologie smontano nel giro di poche ore. Le foto parlano chiaro e, a meno che questo non sia un Paese di maestri di Photoshop, ci dicono che quella del governo e della questura è una verità monca.

Quasi una menzogna. Che Vergogna!

(31 ottobre 2008 ) di ANDREA DI NICOLA per Repubblica.it

Conclusioni :

La polizia chiama per nome il capo dei fomentatori fascisti che gli risponde “Questi sono i miei ragazzi”

Questi entrano in mezzo ad una folla di ragazzi pacici di 15-16 anni coi loro professori a bordo di una camionetta piena zeppa di spranghe, armi contundenti, caschi e attrezzatura atta alla guerriglia urbana e la polizia si gira dall’altra parte.

La Polizia individua alla fine questi esseri blasfemi, ma li lascia andare senza far niente.. Ordini dall’alto! (forse da Ignazio la Russa? a quanto pare…)

I Giornali nemmeno parlano, come i Telegiornali del resto, nè della camionetta, nè del capo dei fascisti “Francesco” chiamato per nome dagli agenti di Polizia preposti a mantenere l’ordine e pagati dai genitori dei ragazzi che hanno lasciato picchiare dai loro amici “Francesco & C.” impuniti e indisturbati…

Continuano a dire che non è vero che siamo a rischio Regime, che non è vero che si sta instaurando una Dittatura… Voi gli credete?

Annunci

8 commenti »

  1. CADERE……………………

    Commento di jessica — aprile 21, 2009 @ 4:28 pm

  2. ma per favore…intanto con i vostri favoritismi avete fatto vincere al gf uno sporco zingaro!voi di sinistra! W la destra sempre…bravi ragazzi…. TESTE ROSSE COMINCIANO A ……

    Commento di jessica — aprile 21, 2009 @ 4:27 pm

  3. certo che quando voi rompete vetrine, banche cassonetti della mondezza, etc. etc. etc. tutti devono stare zitti, se la destra muove un dito subito a reclamare…. se esiste una dio, spero che veda la verità…. fatte le persone serie ogni tanto!

    Commento di opera — novembre 30, 2008 @ 8:24 am

  4. AMMAZZIAMOLI TUTTI STI INFAMI!! QUI SE NON CI SIAMO UNA MOSSA ORA CHE ANCORA CE MARGINE POI SIAMO NELLA MERDA E STA BOLTA ALTRO CHE 20 ANNI.. UN COLPO ALLA TESTA E VEDI DOVE CAZZO FINISCE STO FIJO DI MIGNOTTA FASCIO-SBIRRO O QUEL CHE CAZZO E! STI BASTARDI SE LA FANNO COI RAGAZZINI INDIFESI 13 ENNI, VIGLIACCHI, RIACCO GLI SQUADRISTI DI CUI MI PARLAVA MIO NONNO, QUELLI CHE LUI HA FATTO FUORI ALLORA NON SON BASTATI, DIAMOCI UNA MOSSA!!!!

    Commento di Rompiamogli il culo — novembre 4, 2008 @ 2:37 am

  5. stavo guardando su RAI3 “chi l’ha visto” e visto i filmati su estremisti nazi-fascisti della destra estrema collusa col governo attuale ho subito fatto qualche ricerca e sono arrivata qui, anche la RAI però non l’ha raccontata tutta, se quello che è scritto qui (proveniente da La Repubblica anche se solo in parte) è vero c’è di che preoccuparsi, se qualcuno sa di manifestazioni di protesta per questo scempio ne scriva qui che io e i miei figli, studenti liceali come quelli malmenati da quasti schifosi ci siamo, e non solo noi, faccio parte di un’associazione di mamme separate e domani ne parlo in associazione, poi vi faccio sapere, saluti a tutti amici

    Commento di Gianna — novembre 3, 2008 @ 10:15 pm

  6. davvero una cosa inaudita, ma quel figlio di t°°ia che il poliziotto chiama francesco, è checco ed è un questurino, ora non so se della digos o di quale reparto in borghese, ma se guardiamo nei vari filmati di genova come di altre sommosse, lui c’è sempre, è stato ripreso dalle videocamere amatoriali più volte, e anche in alcuni filmati ripresi dalle stesse forze dell’ordine a Genova e facenti parte del materiale probatorio presentato agli atti dei processi di Genova compare più volte.. gli starebbe bene un… stiamoci zitti va, per il buon vivere comune.

    Commento di Carlo Buono — novembre 3, 2008 @ 8:29 pm

  7. salve a tutti,

    questi che sono ripresi nelle foto sono i giovani del grippo “AZIONE GIOVANI” credo si chiami cosi, del membro di alleanza nazionale Ingnazio LaRussa, gli stessi che mandava da Prodi a contestarlo quando questi era presidente del consiglio, gli stessi che lanciarono pomodori marci, gli stessi che il LaRussa usava mandandoli a contestare e fomentare ad ogni occasione durante la scorsa legislatura. Ora voglio andare a fare una ricerca per vedere se ritrovo le foto che gli feci assieme al loro mentore in occasione della contestazione a Prodi col lancio di pomodori…. io sono giornalista ero li per lavoro, ma ho timori a compromettermi, questa gente ha il pieno controllo sui mass-media con uomini insediati in ogni posto chiave, e io non voglio esser tagliata fuori professionalmente esponendomi da sola, se gli taliani fossero meno codardi e protervi a vivere supinamente capirei, ma perchè rischiare io di esser licenziata quando persino la moglie di quel debosciato del PD che ha perso le elezioni a sindaco di Roma si svende per un quarto d’ora di visibilità? al nemico più acerrimo del marito e della sua presunta ideologia politica?! Si o NO?!? Manderò le foto qui nel commenti….

    Commento di Informatrice — novembre 2, 2008 @ 3:56 pm

  8. hai fatto ottima cosa a diffondere ulteriormente questo (ma anche altri per l’appunto) articolo che spiega in poche e semplici parola cosa è realmente successo e da la possibilità agli italiani di fare un raffronto tra la propaganda televisiva delle reti del dittatore e quelle pubbliche da lui controllate assieme a molta della carta stampata asservita e la realtà “DOCUMENTATA” dei fatti.. Io di mio ho mandato il link a tutta la mia rubrica lavorativa (siamo una multinazionale con oltre 3000 dipendenti e una rubrica interna condivisa in Exchange) cosi anche chi starnazzava la tesi del negus ora potra leggere i fatti nudi e crudi. Continua cosi! W la Democrazia senza l’ipocrisia italiana dell’asservitismo al potente e al potentato di turno.

    Commento di Tantrico — novembre 2, 2008 @ 3:15 pm


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: