Angolo del Gigio

marzo 18, 2008

Le strane dimissioni dello sceriffo di Wall Street (che Sapeva troppo!)

SPITZER SEX SCANDALLe strane dimissioni dello sceriffo di Wall Street
17 marzo 2008 – tratto da Etleboro Italia

http://etleboro.blogspot.com/  Si dimette Eliot Spitzer, Governatore di New York, dopo che uno scandalo di sesso e prostituzione ha infangato la sua illustre carriera di “sceriffo di Wall Street“. La faccenda è così strana che pochi riescono a credere che un procuratore impegnato in indagini finanziarie a grandissimi livelli, possa essere implicato in uno scandalo sessuale, mentre le Istituzioni lasciano che si dimetta senza fare i dovuti accertamenti. Lo hanno dato in pasto ai media, che hanno costruito l’impeachment e ne hanno chiesto le dimissioni.

Tuttavia, fonti dell’intelligence russa, affermano che il Governatore Spitzer è stato “eliminato” dalla scena politica perché costituiva una minaccia per il sistema economico e finanziario degli Stati Uniti, ma soprattutto perché aveva valide prove sul legame tra l’attentato alle Torri Gemelle e i gli interessi di potenti entità economiche statunitensi, raccolte sul filone delle indagini sulle manipolazioni della Borsa di Wall Street scoppiata nel 2003.

Delinquenti SpietatiCosì a smentire la propaganda statunitense, interviene la FBS (Servizio di Sicurezza Federale della Federazione Russa) che apre scenari ben più sinistri sulle forze che hanno portato alle dimissioni del Governatore Spitzer, come le nuove prove su Larry Silverstein, proprietario del World Trade Center, e i membri del Carlyle Group della Famiglia Bush.

Il fulcro delle investigazioni del Governatore Spitzer si basa sulla crisi crescente del Carlyle Group, che si avvicina sempre più al crollo e all’insolvenza a causa del prelevamento da parte di Larry Silverstein di più di 14 miliardi dalla tesoreria del Gruppo provocando una grossa perdita nel Fondo Pensioni dello Stato di New York di oltre 10 miliardi.

Il Governatore Spitzer ha per molto tempo indagato l’ex responsabile di vigilanza dei fondi pensione dello Stato di New York, Alan G. Hevesi, di cittadinanza israelo-americana, chiedendo approfondite indagini dalle autorità investigative della US Federal Probe sulla distrazione di 100 miliardi di dollari dal fondo verso destinazioni non chiare, e per la quale Hevesi è stato già condannato a pagare una multa di soli 5,000$.

Pasqualone 9 BellezzeLe recenti indagini sul Carlyle Group sembrano così riprendere la linea investigativa del 2002, quanto lo “sceriffo di Wall Street” portò alla luce la truffa sulle operazioni di titoli e collaterali falsi per miliardi di dollari da parte di società di intermediazione, di brokers e di società di Trading che operavano per conto di grandi gruppi di investimento.

Spizter denunciò un sistema finanziario fatto di operazioni d’investimento, tecniche bancarie non solo “fondamentalmente corrotte” ma anche fraudolente, tale da chiedere per Wall Street delle urgenti “riforme strutturali” e minacciando misure ben più gravi di “multe” e di revoca delle licenze.

Allora Merrill Lynch e Citigroup furono condannate per frode a pagare multe per 400 milioni di dollari, dopo aver conseguito profitti per oltre 15 miliardi di dollari. Come procuratore di Stato aveva fatto del Sistema Tecnico bancario degli Stati Uniti la sua più grande vittima, vincendo decine di cause contro Bear Stearns, Credit Suisse First Boston, Deutsche Bank, Goldman Sachs, J.P. Morgan Chase, Lehman Brothers, Merrill Lynch, Morgan Stanley, Salomon Smith Barney e UBS Warburg.

Gli stessi giganti del sistema bancario internazionale oggi coinvolti nella crisi finanziaria dei subprimes, che ha aperto il vaso di pandora dei titoli e dei collaterali che reggono il nostro sistema economico.

China e Saudi Arabia ringraziano gli USAÈ chiaro che il sabotaggio del sistema bancario rappresenta una delle minacce più pericolose per i grandi gruppi bancari, soprattutto in questo delicato momento in cui si prepara la bolla di derivati di oltre 516 bilioni di dollari. Dati rilevati dalla Bank of International Settlements (BIS) , la clearinghouse mondiale delle banche centrali di Basilea, spesso definita come la “cassa” del grande casinò del mercato finanziario internazionale.

Gli Stati Uniti, sulla base di quanto detto dalla Bis, presenta in questo momento la più alta concentrazione di deficit finanziari, contratti in particolare nei confronti dell’Arabia Saudita e della China. A questo occorre aggiungere un sospetto traffico di collaterali e titoli emessi dalla Federal Reserve e dal Tesoro Americano denominati per milioni di dollari, in circolazione nelle piazze finanziarie svizzere tramite una rete di broker e società fiduciarie di grandi gruppi bancari. Ne è una prova i titoli che vi mostriamo, emessi dalla FED, sui quali non è stata fatta ancora chiarezza da parte delle autorità interrogate sulla loro natura e autenticità.

Federal ReserveSulla base di tale documentazione la Federal Reserve prende in custodia i suddetti titoli, per un valore complessivo di 1 miliardo di dollari, emettendo un “custodial safekeeping receipt” ( ricevuta di deposito ) , autenticato dalle firme del Governatore Bernard Bernanke e del Vice-Governatore Roger W. Ferguson.

Eppure, la pubblicazione di tali titoli, come pure di molti collaterali depositati presso illustre banche hanno causato la distruzione di miliardi di dollari di capitalizzazione, come dimostrato dalle recenti svalutazioni effettuate dalla UBS Bank e dalla successiva emissione di Bonds, collocati per la maggior parte presso fondi e borse asiatiche. Al di là della rete bancaria e finanziaria, circondata da una costellazione di società, esiste dunque un canale invisibile all’interno del quale ogni operazione portata a termine accade perché è il sistema che lo permette, in quanto le regole all’interno cui muoversi sono prestabilite. Da lì hanno inizio le operazioni di finanziamento del terrorismo, delle guerre, delle privatizzazioni e delle acquisizioni selvagge da parte delle grandi multinazionali. È naturale, dunque, che dietro gli scandali sessuali vi è la complessa macchina che, utilizzando le sporche armi dei media e della propaganda, va a proteggere gli interessi e l’esistenza stessa di potenti centri di potere finanziario.

————-

Affare Eliot Spitzer: la vendetta di Israel Singer
Tratto da http://www.voltairenet.org/article155931.html 

SPITZER SEX SCANDALIl governatore di New York, Eliot Spitzer, è stato costretto alle dimissioni a seguito della rivelazione secondo la quale avrebbe ricorso al servizio di una prostituta. 
Al di là del carattere erotico della vita politica statunitense che giudica la competenza di un governatore in base al suo comportamento al letto, questo affare rivela invece i confronti persistenti nell’ambito del movimento sionista. 
Eliot Spitzer era la speranza della Comunità ebraica US, che lo immaginava un giorno Presidente degli Stati Uniti. Splendido giurista, era stato l’assistente ad Harvard di Alan Dershowitz (il consigliere giuridico dello Stato di Israele), ed aveva diretto ad Harvard il prestigioso Law Review. Diventato procuratore aggiunto di Manhattan, brillò smantellando il clan Gambino (una delle cinque famiglie di Cosa Nostra). 

Nel 2005-2007, il procuratore Eliot Spitzer dirige un’indagine sui conti segreti del Congresso ebraico mondiale.
In una relazione di 35 pagine, stabilisce che il segretario generale Israel Singer (d’altra parte presidente dell’organizzazione ebraica mondiale di restituzione) si è dirottato a suo profitto almeno 5 milioni di dollari dell’associazione.  
Nella sua difesa, Israel Singer rivela l’esistenza di un fondo nero di 2 milioni di dollari annui, creata a beneficio del presidente Edgar Bronfman.
Di fronte allo scandalo, i due uomini si dimettono uno dopo l’altro…
Alcuni giorni fa, il Congresso ebraico mondiale ha rinunciato al procedimento, impegnandosi all’incontro con Israel Singer. Essendo quest’ultimo fuori causa, i suoi amici hanno trasmesso al procuratore Johnson III delle informazioni su una società di scorta, in modo che spetti al sig. Spitzer dimettersi….
Tratto da: www.disinformazione.it

Annunci

1 commento »

  1. comincio a capire tante cose, le sfaccettature del cubo di rubick stanno andando pian-pianino a posto e si delineano le facce del poliedro…. prevedo tempi davvero bui… e per di peggio come successe nel 2001 berlusconi e soci daranno tutte le colpe della loro incompetenza e ladronanza all’ignoto che vien da lo9ntano, diranno che la crisi vien dall’asia, dall’america e da bangalore…. e intanto silvio metterà soldi e aziende (sue) al riparo, comprera con una mano i beni immobili (e sicuri) svenduti sotto l’egida della cartolarizzazione che si darà come da le carte un baro, con l’altra.. Prevedo tempi bui, ma spero (e prego Dio) che gli italiani si sveglino dal torpore e ragionino, e capiscano i giochi prima stavolta, e votino gli altri, qualsiasi siano, almeno la partità sarà da giocare, e non preconfezionata dal baro!!!!!!!!!!!!!

    Commento di Milli — marzo 18, 2008 @ 2:43 pm


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: