Angolo del Gigio

novembre 6, 2007

Vitamina D: Diminuzione rischi cancro 70% e la Lobby attacca!!

Non appena è trapelato che la vitamina D serve a curare il cancro, gli “esperti” hanno cominciato a seminare dubbi
4 Novembre 2007 Di Bill Sardi
link alla pagina originale (t
raduzione per www.disinformazione.it a cura di Stefano Pravato)

L’aumentare delle prove che la vitamina D è una pillola magica contro il cancro ha costretto oggi l’industria del cancro a fare cerchio per difendere lo status quola vitamina D rimane nella lista delle terapie “non confermate” a favore delle più che smentite chemioterapia, radioterapia e chirurgia. In quasi trent’anni, da quando è iniziata la Guerra al Cancro ufficiale, non si è mai verificato nessun aumento significativo delle percentuali di sopravivenza.
E invece di vedere tutti i titoli di testa riportare che la vitamina D riduce, ad esempio, il rischio di cancro al colon di un’incredibile 72%, oggi il mondo saprà che “la vitamina D non è un rimedio magico per il cancro.”

Non troverete menzionato che la Canadian Cancer Society ha raccomandato che ogni Canadese integri la propria dieta con 1000 IU di vitamina D nei mesi invernali a seguito del crescente corpo di dati scientifici che collegano il cancro a bassi livelli di vitamina D. (E anche la Canadian Pediatric Society consiglia che le donne incinte e che allattano prendano un’integrazione di 2000 IU di vitamina D in inverno per proteggere le neo mamme e i loro bambini dal rachitismo).
E’ noto da parecchio tempo che i tassi di incidenza di cancro sono maggiori nelle aree meno soleggiate e che i pazienti di cancro sopravvivono più a lungo se diagnosticati nei mesi estivi. L’esposizione alla luce solare produce vitamina D naturale, nell’epidermide umana.

Len Lichtenfeld, sostituto capo medico ufficiale dell’American Cancer Society, dice: “Non siamo in possesso di tutte le risposte sui possibili benefici della vitamina D nel prevenire il cancro (o impedirlo), e non possediamo tutta l’informazione sui rischi.”
Quali rischi? Stiamo parlando della luce solare, fate attenzione. Stiamo parlando di prendere l’equivalente di circa 12 minuti di esposizione corporea al sole estivo di mezzogiorno, cosa sufficiente per produrre 2000 IU di vitamina D3 naturale.

Le ricercatrici Cindy Davis e Johanna Dwyer, in un articolo pubblicato nel Journal of the National Cancer Institute, si uniscono a dire: “Per quanto la vitamina D possa ben esibire molteplici benefici oltre che per le ossa, i professionisti sanitari e il pubblico non dovrebbero correre troppo rapidamente alla conclusione e pensare che la vitamina D sia una pillola magica e ingerirne grandi quantità,” e “la Quantità Adeguata di vitamina D è 200 IU per gli adulti sotto i 50 anni, 400 IU per quelli tra i 50 e i 70, e 600 IU per quelli da 71 anni e oltre. Si raccomanda che le integrazioni non superino 2000 IU, l’attuale Livello Superire di sicurezza.” Si tratta di dosi di vitamina D così bassi, che non riusciranno nemmeno ad innalzare i livelli sanguigni.

La quantità tossica per la vitamina D non inizia fino a 40.000 IU, e solo se consumata per molti mesi. Un’ora di esposizione al sole nelle ore estive centrali produce circa 10.000 IU di vitamina D (esponendo tutto il corpo), senza nessun effetto collaterale di sorta.
Questi ricercatori sul Cancro stanno semplicemente rispondendo al recente studio condotto dai loro colleghi della Creighton University che ha scoperto che 1.100 IU di vitamina D assunta dalle donne del Nebraska per solo 4 anni, ha diminuito il rischio di ogni tipo di cancro fino al 70 percento.

Lo studio della Creighton University sta per essere controbattuto da una ricerca appena pubblicata che ha invero trovato che la vitamina D riduce il rischio di morte per cancro al colon ma non per gli altri cancri. In questo studio si sono prelevati solo due campioni di sangue lungo un periodo di più di sei anni e non sono stati somministrate integrazioni con vitamina D. C’è stato solo un confronto dei livelli di vitamina D tra soggetti residenti in due aree geografiche diverse, al nord e al sud.
Il gold standard per le evidenze mediche è lo studio in doppio cieco, a lungo termine, condotto contro gruppo di controllo che impieghi placebo, come lo studio della Creighton University, non lo studio sulla popolazione che è appena stato pubblicato. Pertanto, quale dei due studi avrà il maggior peso? La medicina moderna ha optato per la sperimentazione meno credibile.

Cosa succederebbe se la medicina moderna, riguardo alla vitamina D, fosse in errore, come lo è stata con il Vioxx, Avandia, e altri farmaci approvati dalla FDA che i medici hanno adottato prima di comprendere che provocavano un aumento dei tassi di mortalità? qui potete vedere la ricerca pubblicata

Fonte: www.disinformazione.it

Annunci

3 commenti »

  1. Excelente Artículo
    Me encantó la forma en que escribe sobre el tema.

    Continuaré visitando esta página

    Commento di geofisica — novembre 20, 2012 @ 6:55 pm

  2. So che aiuta moltissimo a prevenire l’influenza e raffreddore. Prendo 5.000 IU al giorno da metà settembre a metà maggio ogni anno. Attenzione però, si parla della vitamina D3 (colecalciferolo) naturale.

    Commento di Dimi — marzo 5, 2010 @ 2:54 pm

  3. io sono cresciuta in germania e le mie figlie sono nate la e appena nate loro hanno preso la vitamina d

    Commento di annamaria — marzo 10, 2008 @ 7:04 am


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: