Angolo del Gigio

maggio 28, 2007

PARMA: due “Codici Fiscali” per il candidato CDL Pietro Vignali (FI)

PARMA, DUE CODICI FISCALI PER IL CANDIDATO CDL (E Affari d’oro)

Maurizio Chierici – Unità 21 maggio ’07

Petro Vignali - Distrattone Gira-Domicili o Truffatore di Professione?E´ già stato assessore, vorrebbe fare il sandaco, Pietro Vignali però ha una segretaria distratta e tanti interessi

LE ELEZIONI non sono solo i numeri di chi vince e di chi perde. Quando la provincia vota, vota per le facce che incontra per strada e che all´improvviso sorridono in tv o accompagnano i passi delle signore da ogni manifesto. Votare diventa un modo per conoscersi meglio e nella piccola città tutti chiedono di tutti. La provincia chiacchiera. La provincia è curiosa, soprattutto quando il protagonista è sovraesposto da una pubblicità che non dà respiro. Esplicita o ben confezionata nelle pieghe delle cronache che lo seguono ovunque. il centro destra di Parma punta su Pietro Vignali, 40 anni, commerdalista, assessore alla viabilità – ribattezzato «alla visibilità» per la presenza assillante nei media – è il candidato che dovrebbe raccogliere lo scettro del sindaco Ubaldi impedito dalla legislazione matrigna a restare in sella per un terzo mandato. Settimane fa Vignali è stato scelto dall´assemblea degli imprenditori. Grande fiducia: 40 dalla sua parte su 42 che dovevano alzare la mano. Mancava gran parte delle famiglie industriali che hanno segnato la storia della città. Forse Vignali non è il loro ideale. Per non agitare polemiche, meglio disertare. Doveva essere una decisione segreta che il sindaco scaduto aveva il compito di rendere pubblica: ecco il nome di chi prenderà il mio posto… Ma il presidente dell´Unione Industriali si lascia andare e fa sapere un´ora dopo che Vignali l´ha spuntata sull´assessore Maria Teresa Guarnieri. Nell´euforia un Tg degli imprenditori dà la notizia, solo due parole che mezzora dopo cancella: fra i rimbrotti riseppellisce il segreto, ma è tardi, ormai. Tutti sanno. In provincia le elezioni possono cominciare così. E la provincia ufficiale fa finta di niente.

Vignali torna (si fa per dire) nell´ombra e la conferma arriva un mese dopo quando il sindaco rivela chi ha scelto «dopo lunga meditazione». Niente di male: c´è chi comanda e chi obbedisce.
Come in ogni altra città, a Parma non contano solo imprenditori di un certo tipo. A parte il centro sinistra, rappresentato dal candidato sindaco Alfredo Peri (assessore regionale ai trasporti), la voce della Chiesa diventa importante soprattutto quando avversaria interna di Vignali era Maria Teresa Guarnieri, lunga militanza nel mondo cattolico-conservatore. Nella sua parrocchia faceva parte dei Gis (gruppo di impegno sociali) i sacerdoti erano perplessi: troppo schierata contro l´amministrazione della sinistra del sindaco Stefano Lavagetto. Bisogna riconoscerne la coerenza: è diventata la bandiera dell´ex ministro Lunardi ed è corsa a Roma per chiedere a Berlusconi un´occhiata di riguardo.

Il tandem Ubaldi-Vignali si è coperto le spalle quando ha deciso la bocciatura Guarnieri. Ogni cittadino riceve una lettera insolita nelle abitudini italiane. Mentre brontola la campagna elettorale, arriva un foglio con due intestazioni parallele: simbolo del comune, simbolo della diocesi. La firmano l´assessore Vignali e monsignor Ranieri, vicario generale. Richiamando la raccomandazione di Benedetto XVI che invita al rispetto della natura, si annuncia una collaborazione tra comune e parrocchie per la raccolta delle lattine di birra e coca cola, alluminio da riciclare: il ricavato andrà in beneficenza. Rete capillare in ogni oratorio; rete preziosa quando si cercano voti. Un modo per tagliare l´erba sotto i piedi della Guarnieri. Un Centro di Etica Ambientale del quale fanno parte, oltre a monsignor Ranieri, il sindaco Ubaldi, l´assessore Vignali e un rappresentante dell´Enia (luce acqua e gas del quale il comune è azionista) inventa un premio pret à porter, francobollo da incollare fra un comizio e l´altro con ambizioni culturali precisate dalla presidenza proposta allo scienziato Antonino Zicchicchi che una presidenza non rifiuta mai.

Con una fretta che suscita qualche sospetto, consegnano il premio «Le fonti della vita» a monsignor Gianfranco Ravasi, biblista dalla profondità che incanta, prefetto della Biblioteca-Pinacoteca Ambrosiana di Milano, prosa elegante che affascina cattolici e non cattolici. Il 3 maggio (25 giorni prima del voto) inconsapevole d´essere caduto in uno spot elettorale, Ravasi riceve la targa dalle mani del sindaco mentre il vescovo vicario e Vignali guardano compiaciuti. Per cornice la cattedrale. Il discorso di Vignaii è ispirato: «Gli va riconosciuto il merito di aver valorizzato il territorio, prima di tutto come luogo di spirito coniugandolo alla salvaguardia del Creato». Il giorno dopo, passata la festa, la giunta dà via libera a una colata di cemento: due milioni e mezzo di metri quadrati di nuove abitazioni.

Ma il vescovo vicario Ranieri deve essersi sentito a disagio nell´intreccio curia-elezioni nel quale lo hanno trascinato. E scrive ai giornali: «si sta distribuendo una lettera firmata da me e da un rappresentante dell´amministrazione comunale. La suddetta lettera riguarda una iniziativa definita nei mesi scorsi e non può essere valutata, in alcun modo, come interferenza nella campagna amministrativa». La Chiesa di Parma prende le distanze.
Intanto, nei giorni del braccio di ferro Vignali-Guarnieri per la successione a Ubaldi, una febbre elettronica sconvolge la città. Non so quanti navigatori frugano il computer alla ricerca di curiosità sul candidato che sembra avere lo scettro in mano. Trovano tante cose di assoluta normalità: revisore di conti in ventisette imprese, curatore fallimentare per incarico del tribunale. Anche il passato racconta di un manager che comincia associandosi alla gestione delle discoteche e dedica attenzione al premio piano bar di Salsomaggiore. Furori giovanili che la politica ha razionalizzato.

Le copie stampate del computer arrivano a pacchi. Chi cerca sa dover mettere le mani, ma un giornalista ha altri impegni e se ne disinteressa fino a quando l´ultima busta anonima fa sapere di aver spedito le stesse informazioni a giornalisti famosi della Stampa Corriere della Sera, La Repubblica, Il Diario e a Marco Travaglio, Unità e Anno Zero di Santoro. A questo punto impossibile non verificare il contenuto di fogli che raccolgono schemi di aziende, passaggi di proprietà, codici fiscali. Ragnatela che sembra inverosimile e fa balenare un profilo diverso dal Vignali che sorride con timidezza ma lascia intendere il decisionismo di un manager pronto al governo. La sua campagna è sontuosa. Le risorse sembrano infinite. Qualcuno gli presta la casa con giardino in una zona residenziale: insedia il comitato elettorale. Ma per essere «più vicino al cuore della città» raddoppia le stanze in via Cavour, versione provinciale di Via Condotti o via Montenapoleone. Insomma, non bada a spese.

Le carte raccontano altre cose, talmente inverosimili da spingere il giornalista a chiedere un incontro. Quasi quasi non crede all´ipotesi del Vignali-Zelig. Vuole permettergli di chiarire il paradosso: non può essere tutto vero anche se i fogli usciti dai computer sembrano provarlo. Bussa a una delle sedi. Incontra uno degli addetti alla campagna. Ne parlerà col consigliere di Ubaldi – promette – che della campagna pare abbia in mano le redini. Nessuno si fa vivo. «Devo solo mostrargli una specie di dossier…». Il giornalista riprova: silenzio. Tenta con l´addetto stampa. «La chiamerò domani». Passano i giorni, torna a richiamare: «Mandi le domande, poi si deciderà». Ma non sono domande: voglio solo sfogliare il dossier dei veleni anonimi ma che verificati hanno l´aria di essere veri: solo Vignali può distruggerli e ridicolizzarli. «Crede raccontino la verità o sono invenzioni?». Talmente surreali da sembrare balle: «Allora le butti. Domani la richiamo». Il silenzio diventa eterno.

Ecco l´elenco delle sorprese. Fotocopie dei codici fiscali: Vignali ne ha due. È possibile avere due codici? è la domanda ad un funzionario dell´agenzia delle Entrare: «Siamo matti», voce scandalizzata. Il codice falso lo ringiovanisce di un anno. Può essere l´errore di una segretaria che copia male, sei volte, in anni diversi. Ha spedito il primo codice sbagliato proprio al tribunale che affidava a Vignali la cura di un fallimento. Non avendone ascoltato le spiegazioni, cerco formule assolutorie trasformando un falso che non appartiene alla cultura dell´uomo visto sull´altare della cattedrale, nel mascheramento veniale di un commercialista con troppi impegni. L´Ordine richiama chi accumula incarichi. Ventun impegni come revisore dei conti vogliono dire cento giorni l´anno nei consigli d´amministrazione. Lo studio deve essere strutturato con una certa robustezza altrimenti il commercialista che lo gestisce da solo non ce la fa. Nello studio di Vignali c´è solo Vignali; l´Ordine avrebbe a che ridire se ai 6 incarichi dal codice sbagliato si aggiungono i 21 del codice giusto. L´errore delle segretarie diventa provvidenziale. Resta un mistero: come fa con un mare di impegni a trovare il tempo per amministrare la città?

Altro piccolo dubbio: il nomadismo del suo codice fiscale. Cambia residenza quattro o cinque volte negli ultimi sette anni. Lo raccontano gli statuti delle aziende del quale è revisore. Si sposta, ritorna, trova altri indirizzi; l´ultimo è di poche settimane fa. La frenesia degli incroci a volte incuriosisce. Per quale bizzarria il 20 luglio 2006 sposta la residenza nel paese dove era solo domiciliato, e iscrive il domicilio nella casa di città dove al mattino figurava come contribuente? Forse è la conclusione di un lungo girotondo: adesso basta. Ma il girotondo non si è fermato.

Qualche trapianto ha una certa importanza. In Vicolo Politi, stradina del centro storico, c´è lo studio di due commercialisti dei quali Vignali è o è stato socio in una piccola società. Più o meno la stessa età, generazione molto attiva: tutti impegnati a revisionare i conti di imprese domiciliate ovunque, qualche volta nella sede del Grande Costruttore in prima fila nelle opere pubbliche della città. I fili dei soci-amici che hanno ospitato nello studio un passaggio del codice fiscale vagante si intrecciano coi fili di Vignali oltre i confini della provincia. Nel 2005 la Argos srl (sodetà che «gestisce aree di immobili strumentali alla logistica») lascia la sede dell´ormai mitico vicolo Politi di Parma per stabilirsi nello studio legale Dla, in Cordusio, Milano. Capitale sociale modesto: 10 mila euro la cui proprietà è interamente nelle mani della Debora International domiciliata in Lussemburgo. Niente di strano: è uno dei tanti tesoretti italiani in letargo nel paradiso dei silenzi. Vignali che ne è revisore dei conti non teme i viaggi: resta al suo posto a Milano e resta in Lussemburgo. Curioso che il vicoletto Politi, quasi un buco, si trasformi nel cuore pulsante del futuro della città.

Per ennesima combinazione anche una nuova società a responsabilità limitata di nome Reigh arriva nel Vicolo delle meraviglie, stesso uffido, soprattutto lo stesso numero di telefono col quale il futuro sindaco Vignali figura nel registro dell´Ordine dei Commercialisti. Uno dei soci contitolare dello studio – Massimiliano Vignetti – sindaco supplente dell´ Algros, deve essere un´altra vittima delle segretarie distratte: anche per lui due codici fiscali, uno mal ricopiato sbagliando sempre l´età. Ringiovanito di tre anni. Terzo titolare Andrea Galvani, sindaco effettivo di molte aziende, soprattutto immobiliari, tre fanno parte delle holding Pizzarotti, costruttore impegnato nella modernizzazione di Parma. Galvani presiede anche il consiglio sindacale della Stub, società incaricata di ridisegnare la città: nuova stazione ferroviaria, sottopassi, quartieri da ricostruire. Impegno gigantesco deciso dalla giunta Ubaldi.

Come Algos, anche la Reigh opera nel regno del mattone. Si occupa di insediamenti produttivi e di logistica. Scopre all´improvviso che i proprietari dei campi attorno ad un insediamento satellite, dove sono cresciuti capannoni industriali e di artigiani, hanno voglia di vendere. Chissà perché la Spip (nome della società del quale il comune di Parma ha il 56 per cento delle azioni) non se ne è accorta. La Reigh si opziona i terreni e a fine marzo, poche settimane dal voto, il consiglio comunale sente il bisogno di allargare l´area Spip prevedendo il fiorire di nuove imprese. La maggioranza compatta guidata dal sindaco Ubaldi e dall´assessore Vignali incarica il vecchio presidente democristiano – tante storie finite nel berlusconismo – di comprare la società che ne detiene i diritti. E la Reigh passa di mano, anche se per il momento non si muove da vicolo Politi.

Operazione che l´amministrazione provinciale (centrosinistra, socia di minoranza) ritiene anomala. Perché le fidudarie sono gusci senza nomi e certe clausole insolite impongono la caparra di 1 milione e 700 mila euro da pagare alla Reigh, più 2 milioni e 800 mila euro, acconto sul prezzo di cessione. Se l´affare non va in porto 3 milioni e 500 mila non tornano più. La Reigh costa 12 milioni e 800 mila euro, ma è oberata dal mutuo che serve a comprare i terreni: 16 milioni e qualcosa. I milioni dell´affaire diventano 29. Disattenzione pesante. Solo disattenzione?

Questa la città dove si va a votare. La avvolge una ragnatela invisibile agli occhi degli elettori e il centro sinistra deve fare i conti con la rete di appalti, alleanze commerciali, varianti che moltiplicano il valore dei terreni; rete consolidata negli otto anni di potere comunale. Ecco perché nella prossima giunta diventa indispensabile la figura dell´assessore anti distrazioni. Che ogni tanto dovrà tirare la giacca: caro sindaco, controlla le segretarie, cambia meno indirizzi e lascia perdere i premi in Cattedrale.

Davvero il Vignali-primula azzurra sarà il prossimo sindaco?

E la Gazzetta di Parma si può ancora definire un giornale? Non ne ha dato notizia, ha coperto tutto da buon leccapiedi l’egregio Direttore Molossi, e alle 180 lettere scritte da noi Parmigiani non ha dato corso di pubblicazione nè tantomeno risposta, Parma è in mano ad una Vergognosa cricca che la sta distruggendo, la viabilità è al collasso, ogni angolo è stisce blu, e piste ciclabili come se piovessero dal cielo, affari d’oro per la Gang del cemento e delle strade, guidata nell’ombra da quel poco dignitoso Pizzarotto-Pizzarotti e da Barilla che certamente per Onestà non Brilla, nevvero Pietro dagli incerti precedenti di affaroni e cotillòns col mitico Mascara-Cavalier-Servente, che con la P2 diceva di non centrar niente?!? Perfino gli industriali di Parma sono schifati da questa Gang di delinquenti e truffatori, sarà arrivato il momento di sbatterli dove meritano?

I Giudici, tra un disturbo e l’altro vogliono interessarsene SI o NO?!?

O ha ragione Berlusconi Silvio a definirli solo degli inutili mentecatti!?!?!!

Creato da mariaricciardig
Ultima modifica 2007-05-27 22:33

Annunci

10 commenti »

  1. signor sindaco, per favore me la lasci stare la mia casa, dopo la mia malattia mi e rimasta solo la mia casa io non o neanche il lavoro lo stato ci a lasciati senza nulla la prego signor sidaco..la ringrazio

    Commento di maria teresa — agosto 13, 2008 @ 6:25 pm

  2. righe blu, multe, ipoteche se non paghi,riscossione forzosa e coatta , vergogna ! questo è uno stato non libero ,anzi libero solo a pagamento !siamo al fascismo solo che non si vede perchè coperto dalla pubblicità ! VAFFANCULO !

    Commento di fabio — settembre 16, 2007 @ 9:35 pm

  3. Cari lettori/scrittori di questo,

    sono sinceramente sconvolto e sorpreso per il bel reportage che ho letto su questo sito, premetto subito che non sono un cittadino di Parma ma a quanto pare da Parma a Bari haimè! la differenza non è poi molta, ed è proprio questa la cosa che mi ha sorpreso di più, infatti credevo che cose di questo genere potessero accadere solo nel mio amato/odiato sud ma a quanto pare la cultura crimanale di certi politici accumuna tutte le aree del nostro paese e sotto i cieli delle nostre città si consumano le stesse ignobili storie.
    Un saluto a tutti e scusatemi per l’intromissione. 🙂
    P.S. Ho sentito parlare della Pizzarotti in quanto ha vinto una gaara d’appalto per la costruzione del nuovo palazzo di giustizia di Bari (Mah! saranno i paradossi della modernità).

    Commento di francesco — settembre 1, 2007 @ 6:16 am

  4. Non sono di Parma, ma abito qui da qualche mese per motivi di studio..sono rimasta subito impressionata (positivamente devo dire) da come in un lampo si costruiscono strade, rotonde, piste ciclabili ecc ecc..subito mi son detta “ma che che città efficiente e ben amministrata..e finalmente una giunta che funziona!” ma ogni tanto mi chiedevo “ma quanti soldi hanno qui a parma x fare tutti questi lavori..?”
    … mi avete fatto venire parecchi dubbi….

    Commento di maria — giugno 18, 2007 @ 3:56 pm

  5. Non vivo a Parma, quindi non sono toccato direttamente da questo risultato elettorale, ma da quello che ho appreso in giro sul conto del vostro Sindaco… mi spiace per voi

    Commento di andreiperiboschi — giugno 13, 2007 @ 1:57 pm

  6. Premetto che non sono un elettore di centrosinistra e quindi di parte, ma voglio dire che l’amministrazione uscente-entrante di Parma nasconde ben più grandi segreti di quelli che si conoscono. Sono girati troppi soldi intorno alle opere pubbliche, stradali etc. opere spesso contestabili. Pensate al tratto di Via Emilia Est, dove ormai è tutta una pista ciclabile, il traffico procede a 20 km orari, e lo smog aumenta.. Come regalo di inaugurazione però c’è un serpente di righe BLU lungo chilometri.
    A Parma se ti chiami MANARA, MINGORI, PIZZAROTTI, BUIA, etc. costruisci quartieri senza problemi… Ma se non sei “UN AMICO DEGLI AMICI” e devi spostare una perate in casa tua TI FANNO UN CULO COSI’!!! La legge è uguale per tutti (quelli di uno stesso gruppo)

    Commento di un ingegnere edile — giugno 12, 2007 @ 11:48 am

  7. E’ un “Pagliaccetto 4 Stagioni” gestito e pilotato da Ubaldi, Pizzarotti e il potentato Democristiano che a Parma da 10 anni fa il bello e il cattivo tempo, la viabilità l’hanno compromessa, lo stato sociale sfascato, le strisce blu e il bilancio basato sulle previsioni di multe e riscossioni forzate sono ormai la norma… e poi vengono a raccontarci balle su balle spacciando (come stasera su TV-Parma) che loro hanno in programma per il “Sociale” quella troiata di sottospecie di museo (o cosaltro sia non si capisce ancora) sul ponte NORD che se viene come quell’obbrobio di ponte in acciaio sulla Via Emilia verso S.Ilario siamo davvero a posto. Quanti soldi hanno rubato lo sa Iddio, quanti solfi ci costeranno per i prossimi 30 anni se vince quel coglione di Vignali, lo sapranno i nostri figli!! Io sento che non piomberemo nell’incubo del debito spalmato sulle future generazioni, i Parmigiani non possono essere davvero cosi stupidi da dare il potere a un burattino per giunta anche delinquente come Pietro Vignali, Imho almeno. Saluti concittadino!!

    Commento di Gigio (gigiostars) — giugno 7, 2007 @ 10:01 pm

  8. Vignali ha rifutato anche una discussione libera con Peri, in piazza…ma che sindaco può essere uno così???? ma che parmigiano è??

    Commento di voladora — giugno 7, 2007 @ 9:42 pm

  9. Verissimo, per questo dobbiamo far sapere a più persone possibile chi sono e cosa fanno in spegio alla legalità e a danno degli abitanti di Parma che si ritrovano con un debito di oltre 3 Milioni di euro, e non sanno quanto sarà alla fine del tunnel…. Ci stanno spolpando sti democristiani riciclati, questa banda di delinquenti parassiti, e i MassMedia sono nelle loro mani, e non fanno passare nulla che non sia la loro verità, che essendo la verità ufficiale non menziona certo le delinquenziali prominenze di personaggi come Vignali, che da Direttore Artistico dell’Archedia di S.Andre Bagni è passato a faccendiere fallimentare, passando per lo scandalo Parmalat fino (dopo essersi arricchito illecitamente sulla pelle dei risparmiatori truffati dalla sua revisione dei conti mendace) alla politica ripagata (ovvero al sostegno delle banche arricchitesi con i suoi servigi) e quindi ce lo ritroviamo candidato sindaco…. con lo scempio che ha fatto della viabilità di Parma, invece di metterlo sotto processo per danneggiamento e vandalismo… lo premiamo dandogli oltre che la poltrona di sindaco, anche la possibilità di fare ancora di peggio a danno dei Parmigiani?!?? IO DICO DI NO!!!

    Commento di Italiano Liberale — giugno 4, 2007 @ 12:49 pm

  10. Quelli sono intoccabili. Purtroppo…

    Commento di andreiperiboschi — giugno 1, 2007 @ 11:45 am


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: