Angolo del Gigio

marzo 10, 2007

Anno Zero, Clemente Mastella se ne va. Fuoco amico su Michele Santoro

Clemente Mastella Nel day after della vicenda “Mastella”, che giovedì sera è fuggito dagli studi televisivi di Anno Zero, trasmissione condotta da Michele Santoro accusato di aver “processato” il ministro, scatta il linciaggio nei confronti del conduttore. E a metterlo sul rogo non sono soltanto i politici di destra. Ma, altresì, quelli dell’Unione. D’altronde Mastella è un ministro di questo governo. E in prima fila i vertici della Margherita. Ma il conduttore di Anno Zero si difende. «Riteniamo di essere stati corretti, di aver fatto il nostro mestiere nella maniera più giusta: ognuno può avere la sua idea di servizio pubblico, per me è servizio per il pubblico non per i partiti».

Michele Santoro non nuovo ai processi bulgari prosegue. «Se ci saranno fatte delle osservazioni nel merito – dice poi Santoro con riferimento anche all’intervento del presidente della commissione di Vigilanza, Landolfi – risponderemo. Abbiamo lavorato come sempre con grande entusiasmo per il servizio pubblico, che è servizio verso il pubblico e non verso i partiti. Nessuno mi ha chiamato, immagino però – dice Santoro – che ci siano telefonate in corso, è abbastanza normale per quanto ci riguarda. Io però sono tranquillo, andrò avanti nella ricerca di rompere l’abitudine dei talk politici».

Clemente Mastella in Arte Mastella-BellaSantoro, che dice di aver fatto un giro tra le tv d’Europa, cita a questo proposito «una trasmissione inglese, intitolata Question Time in cui un campione di pubblico piuttosto aggressivo si trova di fronte un politico e lo sottopone ad un fuoco di fila di domande di cui non conosce argomento. Una cosa simile avviene in Francia mentre in Italia i politici continuano a pretendere che si osservino solo le loro necessità di comunicazione e di contenuti e a questo io non posso rassegnarmi. Anzi, credo che se questo stile di fare talk politici cambierà, la gente tornerà anche a partecipare alle vicende politiche. In un paese ognuno fa il suo lavoro, politici e giornalisti». Santoro, in conclusione, sottolinea il «buon ascolto del programma soprattutto tenuto conto della serata difficile» e i «moltissimi messaggi di apprezzamento al nostro lavoro: i problemi di Mastella non ci riguardano».

Il Direttore Generale della Rai Claudio Cappon, intanto, ha incontrato il Direttore di Raidue Mario Marano per chiarimenti sulla vicenda, richiedendo una relazione scritta per valutarne tutti gli aspetti. E il presidente della Commissione Parlamentare di Vigilanza sulla Rai, Mario Landolfi prende posizione. «Santoro si è risposto da solo quando ricorda che normalmente “in un Paese ognuno fa il suo lavoro, politici e giornalisti”. Il pubblico italiano – ha detto Landolfi – quello che paga il canone, ancora questo non riesce a capire: quando a parlare dagli schermi del Servizio pubblico è il conduttore Santoro o l’onorevole Santoro».

MargheritaAd affondare pesantemente Santoro, ci pensa Franco Monaco, deputato prodiano dell’Ulivo. «Se Santoro non ci fosse, la destra più oscurantista dovrebbe inventarselo come il suo più sicuro alleato». «A differenza di Mastella, difendo i Dico, frutto di una mediazione saggia ed equilibrata – dice Monaco – Una soluzione temperata il cui iter parlamentare si prospetta comunque difficile. Di sicuro concorrono ad affossarli quanti, anzichè informare e aiutare a ragionarne pacatamente, esasperano i toni di una disputa ideologica decisamente sproporzionata all’oggetto». «Tra costoro – conclude Monaco – si segnala Santoro, con il suo programma di ieri, che sembrava confezionato allo scopo di sabotare i Dico, di eccitare i suoi oppositori, di non fare informazione ma di dare immagini-shock e di sollevare polemiche, con il suggello del suo qualunquistico sermone».

Pubblicato il: 09.03.07 – Fonte : www.Unità.it

Ndb. Al Min. Mastella piace la “Bella Vita” tanti viaggi lue e/o Signora a spese degli Italiani, e niente figli. Che gliene frega a lui del fatto che nella chiesa c’è una marea di “Preti Pedofili” e che Ratzigher oggi Papa scriveva in concomitanza degli scandali del 2001 di minacciare le vittime di “Scomunica” Tzè, a Ceppaloni, tutti i Voti sono Buoni. Diamoci una Rinfrescata

Annunci

1 commento »

  1. Io dopo aver visto la trasmissione, ho deciso di non pagare più il canone della televisione, in quanto non mi sembra giusto che una televisione pubblica possa tramettere trasmissioni faziose in questo modo.

    Commento di Libero cittadino — marzo 14, 2007 @ 11:20 am


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: