Angolo del Gigio

marzo 1, 2007

Il sistema elettorale e la democrazia

Il sistema elettorale e la democrazia
di Antonella Randazzo per www.disinformazione.it – 22 febbraio 2007

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, con tono assai paternalistico, ci dice, in riferimento alla manifestazione di Vicenza, che le “manifestazioni (sono) legittime, ma sono le Istituzioni a decidere… E’ nel riconoscimento della rappresentatività delle Istituzioni elettive che ogni forma di partecipazione deve trovare la sua misura”.[1]

Gli Sfortunelli Con queste parole il presidente ci fa capire che è inutile manifestare contro una decisione non favorevole alla cittadinanza, perché, tanto, i rappresentanti politici agiranno sempre sulla base di altri assunti, e non sulla base della sovranità popolare.

Ma la sovranità, anche se si eleggono rappresentanti, non rimane comunque del popolo? Non ci viene spiegato che la democrazia è il sistema politico in cui il popolo è sovrano?

O è sovrano soltanto il giorno in cui va a votare?


Prendiamo l’esempio del titolare di un esercizio che decide di assumere un suo rappresentante. Dal momento in cui il rappresentante ha la fiducia del suo datore di lavoro, può ritenersi libero di agire come vuole o deve sempre avere come riferimento la volontà di colui che lo ha assunto? Ovviamente, ogni rappresentate deve dare conto a chi lo ha assunto per assolvere alla sua funzione. Perché questo non dovrebbe valere anche per i politici? I politici dovrebbero essere obbligati a rispettare l’interesse dei cittadini, altrimenti a servizio di chi sarebbero?

Anche Adolf Hitler è stato eletto regolarmente. Secondo il ragionamento di Napolitano, egli, essendo stato eletto, aveva il potere di fare quello che voleva, e il popolo tedesco era obbligato a subire passivamente tutte le decisioni del governo.
Le parole di Napolitano si fanno pericolose allorché egli giunge ad associare la violenza e il terrorismo alle legittime manifestazioni di dissenso popolare: “se si nega l’ancoraggio alle Istituzioni si può scivolare nella suggestione della violenza come matrice delle decisioni. E di lì, si può compiere il passo verso la degenerazione estrema del terrorismo”.[2]

Cosa c’entra la violenza e il terrorismo con la pretesa democratica della popolazione di vedere rispettata la sua volontà?

Il dissenso non deve essere demonizzato né criminalizzato, ciò avviene nelle dittature e non nelle democrazie.

Napolitano brandisce il pericolo “terrorismo” come una volta ai bambini si gridava all'”uomo nero”. Ma i cittadini non sono bambini e chi protesta per decisioni che vanno contro gli interessi materiali e morali dei cittadini italiani non deve essere considerato un potenziale terrorista o un violento.

Le parole di Napolitano ci inducono ad un brusco risveglio: quello che ci costringe a capire che l’attuale sistema politico è stato costruito ad oc per sottrarre la sovranità al popolo, dandogli l’illusione di possederla.

L’attuale sistema politico elettorale è stato introdotto per la prima volta nel 1855, nelle colonie inglesi, come Australia e Nuova Zelanda, per dare ai popoli l’impressione di avere potere politico, ed evitare così che si sollevassero contro l’occupante. Il sistema elettorale di stampo anglosassone nacque, quindi, come un modo efficace per ingannare e dominare i popoli. Inizialmente, in Gran Bretagna, i proprietari terrieri avevano diritto a più voti, mentre i contadini e i loro domestici non ne avevano diritto. Col tempo il diritto di voto venne esteso a tutti i lavoratori e alle donne. Ma in realtà non cambiava granché, perché i due partiti che si contendevano il potere erano entrambi a servizio delle classi ricche. Lo stesso modello bipartitico veniva utilizzato dagli Stati Uniti. Col passar del tempo molti elettori anglo-sassoni si resero conto della truffa, e la quantità di coloro che si recavano alle urne diminuiva di anno in anno, fino a toccare i livelli bassissimi di oggi (30/40%).

Alla fine della Prima guerra mondiale, il modello politico elettorale era già in grave crisi. Moltissime persone si erano accorte che il sistema era facilmente manovrabile da parte di chi deteneva il potere economico-finanziario. La democrazia veniva concepita, alla luce dei princìpi socialisti e comunisti, come un modello che aveva come fine ultimo il benessere dell’intera popolazione, e non gli interessi del gruppo egemone. Gli storici Charles e Mary Beard, dopo la grande guerra, osservavano che nel sistema elettorale i partiti si erano “accampati” come un “esercito permanente”.[3]

Fascisti alla RiscossaIl sistema basato sui partiti e sulle periodiche elezioni veniva considerato a rischio anche perché i risultati potevano essere manipolati attraverso diverse strategie.

Ad esempio, una legge elettorale ben congegnata può limitare il numero di seggi assegnati ad un determinato partito. In Francia, nel 1958, il numero di seggi del Partito Comunista francese (Pcf) si ridusse da 150 (del 1956) a 10, in seguito alla nuova legge elettorale. Anche in Italia, negli stessi anni, le elezioni vennero manipolate in modo tale da impedire ai partiti di sinistra (che avevano la maggioranza di seggi), di andare al governo. Per estromettere i social-comunisti, le autorità statunitensi utilizzarono, in Italia e in Giappone, anche le mafie locali. In Giappone, durante l’occupazione americana vennero imprigionati o uccisi decine di migliaia di social-comunisti, e i partiti che potevano candidarsi erano soltanto quelli che ricevevano il via libera da Washington.

Lo stesso accadde nella Germania dell’ultimo dopoguerra, dove già Hitler aveva ucciso nei lager quasi tutti i militanti social-comunisti, proprio come gli americani avrebbero fatto in Giappone e in Grecia. Il sistema elettorale in Giappone veniva definito come “the ballot is the bullet” (la scheda elettorale è una pallottola), ad indicare cosa significasse per i cittadini giapponesi essere costretti a sottomettersi a quel sistema dopo una terribile guerra che aveva prodotto in loro il desiderio di cambiare in modo autenticamente democratico il sistema politico.

SISMI e DESTRE Il sistema elettorale diventò, paradossalmente, un modo per impedire ai popoli di raggiungere un’autentica democrazia spontaneamente, imponendo dall’alto una finta democrazia.

La democrazia imposta dall’alto o portata con le armi è una tirannia mascherata, e le sue impalcature non potranno renderla vera. La vera democrazia è quella in cui il popolo è libero di prendere le decisioni migliori per il popolo stesso.

Negli ultimi decenni il sistema è diventato una sorta di “industria elettorale”, con agenzie di spin doctors e la mobilitazione mediatica pubblicitaria e promozionale, come si trattasse di vendere un prodotto.

Il discorso di Napolitano non fa che confermare che questo sistema non permette ai cittadini di avere veri rappresentanti. Egli, in altre parole, sostiene che nel nostro paese, una volta che sono state chiuse le urne, le persone elette possono fare e decidere qualsiasi cosa, anche quello che la maggior parte della popolazione rifiuta. Le manifestazioni di dissenso popolare sarebbero dunque come un passatempo, dato che non possono incidere in alcun modo sulle decisioni del governo.

Il sistema che Napolitano sostiene ha le medesime caratteristiche ovunque. Proprio nel paese che ha creato questo sistema politico, la Gran Bretagna , il premier Tony Blair, nel 2003, trascinò il paese nella terribile guerra contro l’Iraq, che era avversata dalla stragrande maggioranza della popolazione. Blair era stato eletto, dunque, sulla base del pensiero di Napolitano, poteva decidere qualsiasi cosa.

Le autorità occidentali hanno esportato il sistema elettorale in molti paesi, compresi quelli più tirannici.

Le elezioni sono state organizzate anche in piena guerra, in Vietnam, come in Afghanistan e in Iraq. La gente votava con i fucili spianati addosso e sotto il controllo di chi qualche giorno prima aveva bombardato le loro case. In Vietnam le elezioni avvennero sotto il controllo delle stesse forze militari che arrestavano arbitrariamente, torturavano, uccidevano e deportavano nei campi di prigionia. Occorreva far vedere al mondo intero che era stata esportata la “democrazia”.

LEGA NORDOggi le elezioni sono diventate veri e propri spettacoli, sotto la regia di apposite organizzazioni, che si occupano di tutto: dalla lista dei candidati, al metodo di votazione. Tali organizzazioni sono corredate da spin doctors, una sorta di nuovi maghi della produzione di consenso e fiducia. La manipolazione del voto avviene a partire dalla campagna elettorale, nella scelta dei temi da discutere, dei personaggi da candidare, nella costruzione della personalità dei candidati, ecc.

L’ambasciatore americano Paul Bremer, in Iraq, si occupò di fissare le regole del voto e creò una Suprema Commissione Elettorale, che aveva il compito di preparare la lista dei candidati, che però non era pubblica, cosicché le persone non potevano sapere chi veniva votato.

L’obiettivo principale era quello di controllare rigidamente i candidati, curandosi di eliminare ogni opposizione, cioè tutti i candidati dei partiti che non appoggiavano l’occupazione americana.

Prima di essere sostituito, Bremer approvò alcune leggi che nessuna tornata elettorale può cambiare. Con queste leggi, i settori chiave dell’economia irachena rimangono nelle mani delle corporation americane.

Tutti i governi iracheni saranno sottomessi in egual modo ai voleri di Wall Street.


Bremer sarà sostituito da John Negroponte, personaggio noto per le scorribande criminali che fece nel periodo 1981-1985, quando assoldò gli squadroni della morte che torturarono e uccisero migliaia di nicaraguensi.

IRAQNegroponte venne assistito da organizzazioni americane che vantano una vastissima esperienza di manipolazione delle elezioni. Si tratta dell’Istituto Democratico Nazionale per gli Affari Internazionali (NDI) e dell’Istituto Repubblicano Internazionale (IRI), che collaborano con il National Endowment for Democracy e l’USAID (Agenzia USA per lo Sviluppo Internazionale), di cui si è valsa anche la CIA per attuare operazioni segrete all’estero. Ad esempio, quando preparò il fallito colpo di stato e il referendum in Venezuela contro il governo democratico di Hugo Chávez, oppure per manipolare le elezioni ucraine in modo da far vincere il candidato di Washington.

Mentre alle elezioni in cui venne eletto Chávez erano presenti numerose delegazioni e associazioni per controllare le operazioni di voto, in Iraq non era presente nemmeno un osservatore esterno. Nessuno ha controllato le schede, le operazioni di voto, l’integrità delle schede o lo spoglio. Gli unici osservatori ammessi erano gli esponenti dell’Istituto Democratico Nazionale, cioè gli stessi che avevano organizzato il teatrino elettorale. Nelle città devastate (Falluja, Ramadi, Samarra ecc.), in cui gli abitanti sono ad oggi in preda alla disperazione, quasi nessuno votò. I seggi furono chiusi o rimasero vuoti. Oltre l’80% degli iracheni all’estero non votarono, sconcertati per quello che stava accadendo al loro paese.

Chi crede che i popoli vessati ringrazino gli occupanti per aver organizzato le elezioni? Chi è disposto a credere che oggi in Iraq o in Afghanistan i cittadini credano che il teatrino elettorale migliori le loro condizioni?

La truffa elettorale è ormai chiara a molti, anche ai cittadini americani. Ormai tutti sanno che l’attuale presidente americano non è nemmeno stato eletto, né nel 2000, né nel 2004, e che entrambi i candidati presidenti vengono scelti e pagati dalla stessa élite. Eppure gli Stati Uniti si considerano una “democrazia”. I loro presidenti, eletti regolarmente oppure no, agiscono a favore del potere economico-finanziario, che ha pagato le loro campagne elettorali. Sono a servizio di chi li ha fatti eleggere, e da moltissimi anni non considerano minimamente le proteste, sempre più imponenti, dei cittadini.

President Bush I presidenti americani sono tutti esponenti della classe ricca, e per le loro campagne elettorali ricevono molto denaro, entrambi i candidati, dalle stesse imprese e dalle stesse banche. L’élite economico-finanziaria decide anche il futuro vincitore, che è colui che riceve somme di denaro più alte. Oggi il sistema politico americano punta sulla spettacolarizzazione della personalità dei candidati. Secondo Michel Chossudovsky, la democrazia è come un rito, celebrato per dare l’illusione alla gente di contare qualcosa: “Nessuna alternativa viene offerta all’elettorato. Il neoliberismo è parte integrante della piattaforma politica di tutti i principali partiti politici. Come in uno stato monopartitico, i risultati delle elezioni non hanno in pratica alcun impatto sull’effettiva gestione della politica economica e sociale dello stato”.[4] Il sistema elettorale bipartitico svuota la democrazia di ciò che dovrebbe costituire la sua essenza: il potere politico del cittadino. Viene conservata l’apparenza della “democrazia”, ma di fatto i cittadini hanno lo stesso potere politico che avrebbero in un sistema a partito unico, perché entrambi gli schieramenti obbediscono alla stessa élite.

Scrive Peter Gowan: “Una Nuova Democrazia è amministrata da grandi proprietari capitalisti che finanziano il processo politico e offrono agli elettori una scelta tra leader che condividono le stesse opinioni ma hanno uno stile diverso di comandare… Allo stesso tempo la Nuova Democrazia rende più semplice per le multinazionali incrementare la loro influenza e per i media ‘globali’ (vale a dire occidentali) orientare l’opinione pubblica. (In questo modo) avremo dei leader nel paese prescelto che ‘vogliono ciò che noi vogliamo’. Per cui non ci sarà bisogno di usare il bastone”.[5]

Tutto questo fa capire come mai le elezioni oggi siano presenti anche in paesi in cui dominano feroci dittature. Le autorità occidentali considerano “democrazie” anche molte dittature, basta che ci siano le elezioni. Ad esempio, in Egitto, soltanto in apparenza le elezioni danno modo ai cittadini di esercitare potere politico. In realtà, si tratta di una farsa per dare legittimità al governo di Hosni Mubarak. Il 26 novembre del 2005, giorno in cui si aprivano le elezioni parlamentari, almeno 240 Fratelli Musulmani vennero arrestati col pretesto della “sicurezza”. Mubarak difende il suo potere utilizzando brogli, repressioni nel sangue e arresti. Come per magia, pur avendo contro la maggioranza della popolazione, il Partito Nazional democratico di Mubarak vinse. Mubarak si autocelebrava come vincitore prima ancora delle votazioni finali del 1° e 7 dicembre 2005.

Stavate dicendo?!?Durante le elezioni, l’esercito venne utilizzato in maniera massiccia, per arrestare o per impedire di votare alle persone militanti nelle organizzazioni islamiche che si oppongono al governo. Il partito di Mubarak aveva anche assoldato numerosi teppisti per attaccare e spaventare i seguaci dei Fratelli Musulmani. Durante le fasi elettorali, un gruppo di 44 intellettuali egiziani scrisse una petizione per chiedere al presidente Mubarak di mantenere la promessa elettorale di riforme democratiche. Il Documento diceva: “Vistosi brogli elettorali e una violenza senza precedenti potrebbero portare al collasso del regime e della legittimità dello Stato”.[6] Hanno firmato il documento importanti esponenti del mondo culturale, musulmani e cristiani, fra questi lo storico Abd Al-Wahab Al-Misri, l’ex parlamentare Mona Makram Ebeid, l’ex magistrato Tariq Al-Bishri e l’ex premier Aziz Sedki. Eppure Mubarak viene ricevuto dalle autorità europee e americane come fosse un legittimo rappresentante del suo popolo. L’Occidente decide chi considerare dittatore e chi no, ma in queste valutazioni non c’entrano nulla i diritti umani e la democrazia.

Durante le elezioni farsa, gli intellettuali egiziani denunciarono le ambiguità del governo egiziano e la delusione della gente “che credeva nella nascita di un sistema democratico, giusto e trasparente”.

Lo stesso modello elettorale egiziano esiste anche in Afghanistan, Iraq, Etiopia, Indonesia, Haiti, Liberia, Congo, Rwanda, Turchia e moltissimi altri paesi, in cui le solite persone vengono misteriosamente rielette anche quando la maggior parte dei cittadini li disprezza. In Europa e negli Stati Uniti le autorità fanno finta di nulla, e trattano questi dittatori come fossero rappresentanti dei loro popoli.

AMERIKAN INVASIONLe autorità occidentali fanno ampia propaganda dei valori di libertà e di rispetto dei diritti umani, mentre al contempo sostengono e armano governi che calpestano ogni diritto umano, per fornire alle corporation manodopera e materie prime a basso costo.

La democrazia occidentale sta diventando un modello fittizio, attraverso lo svuotamento della sovranità popolare e lo strapotere delle banche e delle corporation, che di fatto trattano i politici come loro dipendenti.

Cambiare si può, perché le risorse umane sono illimitate. Senza questo sistema iniquo non ci trasformeremo tutti in violenti o in terroristi, come Napolitano pensa, ma rimarremo persone dotate di civiltà e di capacità di autodeterminazione. Liberarsi da un sistema dominato dalla legge del più forte e dalla guerra non può che essere un atto di crescita.

Avremo sicuramente un sistema migliore quando saremo in grado di assumerci la responsabilità nelle questioni fondamentali della nostra esistenza. Come avverte Khalil Gibran: “Se è un despota colui che volete detronizzare, badate prima che il trono eretto dentro di voi sia già stato distrutto. Poiché come può un tiranno governare uomini liberi e fieri, se non per una tirannia e un difetto della loro stessa libertà?[7]

Antonella Randazzo ha scritto Roma Predona. Il colonialismo italiano in Africa, 1870-1943, (Kaos Edizioni, 2006); La Nuova Democrazia. Illusioni di civiltà nell’era dell’egemonia Usa (Zambon Editore 2007) e Dittatore. La Storia Occulta (Edizione Il Nuovo Mondo, 2007).

[1] http://www.repubblica.it/2007/02/sezioni/cronaca/base-usa-vicenza-due/napolitano-piazza/napolitano-piazza.html
[2] http://www.repubblica.it/2007/02/sezioni/cronaca/base-usa-vicenza-due/napolitano-piazza/napolitano-piazza.html
[3] Cit. Testi Arnaldo, Trionfo e declino dei partiti politici negli Stati Uniti, 1860-1930, Otto Editore, Torino 2000, p. 2.
[4] Chossudovsky Michel, Globalizzazione della povertà e nuovo ordine mondiale, Ega Editore, Torino 2003, p. 347.
[5] Cit. Pilger John, Agende nascoste, Fandango Libri, Roma 2003, p. 64.
[6] Documento citato dall’emittente satellitare Al-Jazeera il 28 novembre del 2005.
[7] Gibran Khalil, Il profeta, Piemme, Casale Monferrato (AL) 2004.

Fonte : www.disinformazione.it

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: