Angolo del Gigio

febbraio 23, 2007

Domenica prove di autogoverno padano

Le Regioni (ma è una sola, la Lombardia, l’unica in mano di un Formigone), gli errori ortografici si che sono molteplici, ma del resto cosa ci si potrebbe aspettare da giornalisti col cervello in pappa alla Caleroli?

È una prima, timida, esperienza di federalismo interregionale non nazionale. Domenica prossima, fra tre giorni, nessuno potrà circolare al Nord in macchina o in moto. La decisione è stata presa dalle Regioni stesse, per cui potremmo definire questo un autorevole momento di autogoveno padano.

Più che la domenica a piedi, avvenimento non nuovo, vale l’idea delle Regioni che una buona volta si mettono insieme e decidono il da farsi per tutti i loro cittadini, emanando un provvedimento comune senza aspettare che si muova Roma. È solo l’inizio della collaborazione, che si estenderà in altri campi. La Lombardia ha approvato una legge per la difesa della qualità dell’aria che ieri il ministro per i rapporti con le Regioni ha dovuto definire “molto avanzata”, anche se poi non si oppone alla richiesta dei ministeri di ricorrere alla Corte Costituzionale perché, a dire dei funzionari romani, si toglierebbero poteri e competenze alle prefetture e ai sindaci. Se fosse per Roma, prima di muovere una foglia, le Regioni dovrebbero mettersi a consultare decine di prefetti e centinaia di sindaci. In realtà, i sindaci hanno aderito volentieri all’iniziativa.

Restano aperti tanti interrogativi. C’è da domandarsi, per esempio, perché non si è approfittato della giornata di stop per promuovere seriamente l’uso della bicicletta, come in molte aree europee. Ma per ora godiamoci l’aria pulita della domenica senza polveri sottili.

Domenica prove di autogoverno padano

[Data pubblicazione: 22/02/2007]

Annunci

1 commento »

  1. che Dio li stramaledica, domenica dovremo starcene a casa a guardare quell’inguardabile carambola di cialtroni e pulzelle riciclate in tv, per colpa di questi idioti che non anno risolto un’emrito cacchio e Milano continua a essere irrespirabile e invivibile, naltro po i negrazzi spacciatori andranno in giro con le maschere antigas e la nostra bellissima Milano sembrerà il set di “The Wall”… Del resto il regime c’è già, la banda del buco e al potere… gli automi con la faccia da maiale (calderoli, borghezio in primis) ci sono, e la sorella del petroliere completano il no0n certo idilliaco quadretto, Dio vi stramaledica, voi e chi vi ha permesso di fare scempio della nostra un tempo molto più bella città, rendendola come palermo cammarata.

    Commento di Melina — febbraio 23, 2007 @ 2:50 pm


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: