Angolo del Gigio

gennaio 29, 2007

Il ministro Gentiloni sostiene che “Berlusconi difende anche gli interessi della sua azienda. E questo e’ uno dei problemi del nostro Paese, quando la politica e gli interessi personali si mischiano ci sono sempre dei problemi.

Catricala’: Ddl Gentiloni non può mettere tetto a Mediaset. Ricordiamo che prima di diventare presidente dell’autorità antitrust Antonio Catricala’ era segretario generale della presidenza del consiglio del governo Berlusconi!! Sul disegno di legge Gentiloni che riforma il sistema radiotelevisiva arrivano le dichiarazioni di Antonio Catricalà, presidente della autorità antitrust: “Non si puo’ porre un tetto al fatturato, perche’ questo reprime la crescita e l’entusiasmo imprenditoriale, ma si devono piuttosto trovare rimedi strutturali”.

Dunque secondo il presidente spetterebbe all’autorità definire le regole, e a alla legge dar esolo gli indirizzi. ” Su questo ha ragione Berlusconi” ha detto Catricala’ nel corso della trasmissione Mezz’ora di Lucia Annunziata.

Il Ddl Gentiloni è “una buona legge poiche’ anticipa il passaggio al digitale”, con cui ci sara’ “maggiore pluralismo”.

Per quanto riguarda infine la televisione sul satellite, Catricala’ rileva che “bisogna evitare che Murdoch diventi monopolista di partite e film, ma non si puo’ imporgli di non crescere”.

Disperazione!!

Le dichiarazioni del presidente dell’antitrust hanno scatenato numerosi commenti.

Parole che per Massimo Donadi, capogruppo alla Camera di Italia dei Valori, “sorprendono”, perche’ “cio’ che deprime la crescita e stalla il mercato sono proprio le situazioni monopolistiche e oligopolistiche e perche’ l’espansione conosce il suo limite quando vi e’ un ‘tiranno del mercato.

In Italia – rileva Donadi – vi e’ un’azienda che da sola raccoglie oltre i due terzi dell’intero mercato pubblicitario, e questo incide inevitabilmente sui costi degli spot e di conseguenza anche suoi prodotti pubblicizzati e le tasche dei consumatori”.

Alla luce di cio’, secondo il deputato, “il tetto del 45% previsto dal ddl Gentiloni si dimostra quindi equilibrato e coerente con le peculiarita’ del mercato del settore, e, soprattutto, in linea con i principi liberali di un’aperta e reale concorrenza”.

Sandro Bondi Prega!!

Sandro Bondi, coordinatore nazionale di Forza Italia si augura: “che le osservazioni motivate e serie sul ddl Gentiloni fatte dal presidente dell’antitrust, Antonio Catricala’, costituiscano un imprescindibile elemento di riflessione da parte del governo e delle forze politiche piu’ responsabili che lo sostengono alla vigilia del dibattito parlamentare”.

Per il presidente dela commissione parlamentare di vigilanza Mario Landolfi (AN) “Catricala’ coglie nel segno”, mentre il ddl Gentiloni confonde la tutela del pluralismo che spetta ai Governi ed ai Parlamenti con la tutela della concorrenza che e’ invece pertinenza di Autorita’ indipendenti”.

Per Landolfi “fissare per legge un tetto alla raccolta pubblicitaria rappresenta nel metodo un arbitrio che non sta ne’ in cielo ne’ in terra e che nel merito si configura come un’indebita ingerenza dei Governi nella vita e nelle attivita’ delle imprese specie per quelle quotate in Borsa”.

Alla luce delle dichiarazioni di Catricala’, secondo Landolfi, “sarebbe quanto mai opportuno che il Governo rivedesse la propria posizione per intavolare un confronto con l’opposizione su basi completamente diverse da quelle seguite finora”.

Il nostro “Untore Mascarato”Sulle dichiarazioni di ieri di Berlusconi che aveva denunciato una aggressione alle sue imprese, c’è un botta e risposta.

 

Il ministro Gentiloni sostiene che “Berlusconi difende anche gli interessi della sua azienda. E questo e’ uno dei problemi del nostro Paese, quando la politica e gli interessi personali si mischiano ci sono sempre dei problemi. Mi auguro ci siano spazi di dialogo reali (con l’opposizione, ndr) – premette il ministro – ho apprezzato anche in queste ore le dichiarazioni di diversi esponenti del centro destra, ho ascoltato, ad esempio, dal presidente Casini una grande disponibilita’ a discutere”. “Il problema da cui dobbiamo partire – spiega Gentiloni – e’ mettere in questo sistema un tasso maggiore di liberta’ sia economica, concorrenza, sia culturale, pluralismo: se lo facciamo, possiamo anche discutere le modalita’ su aspetti tecnici come e’ giusto fare in Parlamento.

Landolfi (il presidente della commissione di vigilanza sulla Rai, ospite delle stessa trasmissione, ndr) dice ‘non si mettono dei limiti per legge’, pero’ nella legge Maccanico nel ’97 e nella legge Gasparri del 2003 ci sono sempre stati dei limiti, in alcuni casi piu’ restrittivi, la legge Maccanico, in altri piu’ larghi, il famoso Sic.

La cosa importante e’ che alcuni principi sono comuni anche all’opposizione, se poi si scambia una proposta liberale per un piano criminale..”

Gli risponde Francesco Giro, parlamentare di Forza Italia e componente della commissione Vigilanza RAI: “Il ministro Gentiloni dice con tono garbato cose inaccettabili alle quali vogliamo rispondere puntualmente.

Primo: Berlusconi non difende i suoi interessi ma il made in Italy, il lavoro di una grande azienda italiana che verrebbe sperperato a vantaggio di altri colossi o di un solo colosso straniero.

Secondo: imporre un tetto agli introiti pubblicitari e’ come sottrarre acqua ai cavalli. Difficilmente corrono e vincono.

Tre: noi siamo pronti a discutere di una riforma organica del sistema radiotelevisivo al contrario e’ il governo che ha scelto la tecnica dello spezzatino, spezzando in due il provvedimento, da un lato una legge blitz contro Mediaset e dall’altro delle Linee guida ancora fumose sul futuro riassetto Rai.

Italiano lobotomizzato da Berlusconi e i suoi 12 canali monotematici!!La verita’ – conclude Giro – e’ allora una sola:

limitare subito la capacita’ industriale di Mediaset e tirare a campare con la RAI”.

E non tirate fuori Di Stefano e cazzate come Europa 7 o pluralismo, siamo in Italia (Repubblica delle Banane) e la concorrenza contro il nostro “Padrone” è inaccettabile, il popolo Borg non potrà mai permetterlo, ogni Resistenza è inutile, dovete lasciarvi “Assimilare”!! Sandro Borg è già impegnato a preparare il rastrellamento dei senzienti per lobotomizzarli, la crociata del Secolo è partita, non avrete scampo!!

Annunci

2 commenti »

  1. Quoto “Una sana e leale concorrenza sono il nutrimento per lo sviluppo di un’azienda!E non sono fatti suoi!”

    Ma non approvo, essendo io a pagare il canone che regge l’infrastruttura televisiva cosiddetta in chiaro assieme a circa 40-50 milioni di Italiani, io per concorrenza non mi accontendo dell’attuale 2.5 polio, ovvero RAI, Mediaset e la7/MTV visto che si son anche prestate al dossieraggio illegale ai danni di cittadini e politici per fornire benzina ai P2isti della seconda repubblica. Io voglio più canali, e voglio Regole precise, e non voglio spot persino durante i film o le serie televisive, n’altro po sarà pubblicità inframmezzata di qualche film buono e migliaia di giorni pieni di repliche?!? Se a lei sta bene, buon per lei, io ho votato il cambiamento, e voglio il “Ripristino della Legalità” in uno stato di Diritto, dove per Innovazione non si intenda pagare i conti al Cavaliere e far arricchire la famiglia, ma creare lavoro e modernizzare il paese, dare la possibilità alla gente di godere del frutto delle propie tasse versate allo stato, come il Wi-Max in arrivo a Giugno per intendersi, come la possibilità di aprire un’azienda con tanto di P.IVA in un giorno tramite internet in arrivo a giorni, per intendersi. Se poi a lei questo non interessa, sono affari suoi, io sono 36 anni che pago tasse e rispetto leggi, e questo lo “ESIGO”!

    Commento di In regola col Canone RAI — gennaio 29, 2007 @ 6:03 pm

  2. Vorrei dire solo che il Ministro GEntiloni, faccia il ministro e non aspiri al ruolo di imprenditore con ordini e direttive, richiami ad un’mpresa alla quale, per di più ,nessun cittadino versa contributi annuali!!!!
    Una sana e leale concorrenza sono il nutrimento per lo sviluppo di un’azienda!E non sono fatti suoi!
    Conosce le authority il nostro ministro?Gentiloni, si studi qualche manuale di diritto amministrativo.

    Commento di annalisa — gennaio 29, 2007 @ 12:45 pm


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: