Angolo del Gigio

gennaio 24, 2007

L’autodifesa di Tronchetti non regge, il Teorema è insostenibile!

Tronchetti Provera, a un passo dall’essere incriminato per spionaggio, si autodifende ma con argomenti troppo generici.

[ZEUS Newswww.zeusnews.it – 23-01-2007]

Tronchetti Provera è a un passo dall’essere convocato dal giudice che indaga sul caso degli hacker al Corriere della Sera, l’intrusione informatica nei Pc dell’allora amministratore delegato di Rcs Vittorio Colao (oggi tornato a Vodafone) e del vicedirettore del Corriere Mucchetti, da sempre critico con i metodi di Tronchetti per l’acquisizione e la gestione di Telecom.

Il giudice dopo più di un anno di indagini ha deciso l’arresto di Fabio Ghioni, il govane hacker oggi dirigente dell’auditing di Telecom, all’epoca dei fatti responsabile della sicurezza informatica di Telecom Italia: secondo gli inquirenti, Ghioni sarebbe il principale responsabile dell’attacco informatico.

Ghioni, in questi mesi, ha sempre rivendicato di essere estraneo ai fatti, anzi nemico del suo capo di allora Giuliano Tavaroli, capo della security di Telecom, da mesi in carcere.

Ma il magistrato non ha creduto alla sua versione e considera Ghioni e Tavaroli complici in un’operazione che avrebbe visto Telecom Italia addirittura penetrare i Pc dei concorrenti per rubare dati e strategie riservate.

Secondo il magistrato, Tavaroli e Ghioni non avrebbero agito privatamente, o contro le direttive aziendali, ma lo hanno fatto comunque nell’interesse del principale azionista di Telecom Italia Tronchetti Provera, che si sentiva danneggiato dalle critiche di Mucchetti e come azionista anche del Corriere non era d’accordo con la gestione Colao.

Cadrebbe quindi il teorema Tronchetti: la sua estraneità, il fatto di sentirsi vittima anzichè colpevole delle macchinazioni di Tavaroli, che spiava anche lui e la sua compagna Afef.

Intanto i giudici avrebbero appreso da Tavaroli che l’altro filone della stessa inchiesta, le indagini volte anche con metodi e finalità illegali sui dipendenti e sugli aspiranti a occupare un posto in Pirelli o in Telecom Italia, sarebbero state disposte su richiesta del capo del personale Gustavo Braco e di quello di Telecom Italia Wireline (la divisione di telefonia fissa) Rodolfo Rosati.

All’interno del gruppo Telecom le comunicazioni scritte e dettagliate tra dirigenti non sono previste, anche in casi delicati come questo, e quindi continua il rimpallo delle responsabilità tra Tavaroli, che dichiara di aver usato metodi disinvolti per ordine dei suoi responsabili, e i questi ultimi, che lo negano.

Tronchetti si autodifende con una lettera pubblicata sulla prima pagina del quotidiano torinese La Stampa: non ha querelato La Repubblica, considerandolo un quotidiano “nemico”, per aver parlato dello scandalo intercettazioni fin dall’inizio; non è il Corriere della Sera, che sarebbe la vittima dell’attacco informatico per cui sono indagati alcuni tra i suoi più stretti collaboratori; e non è Il Sole 24 Ore, di cui Tronchetti è stato presidente per alcuni anni.

E’ una difesa tutta ideologica: Tronchetti dice di essere sospettato perché è ricco e ha successo.

Non ci sono fatti, dati, accuse precise, né spiegazioni. Nonostante ormai da tempo fosse di pubblico dominio che la magistratura indagava su Tavaroli per questa enorme centrale spionistica illegale, Tronchetti non spiega perché Tavaroli è rimasto con incarichi di responsabilità nel gruppo Pirelli-Telecom Italia, come il suo sodale Iezzi, e così Ghioni, in un’azienda dove spesso basta il minimo sospetto per allontanare dipendenti e dirigenti costringendoli alle dimissioni.

Non si dice perché finora la posizione ufficiale di Telecom Italia è stata quella di minimizzare la portata dei fatti, negando che ci siano state intercettazioni, come se anche l’acquisizione illegale e per fini illeciti dei tabulati delle chiamate non fosse altrettanto grave, come se non fosse illegale spiare il Garante delle comunicazioni, politici, concorrenti e giornalisti, le loro posizioni fiscali ed economiche, per eventualmente ricattarli.

Tronchetti non spiega come sia potuto succedere, non dice se e come ha sbagliato nel controllare i suoi uomini, come sia potuto succedere che flussi importanti di denaro possano essere usciti dalle casse dell’azienda senza suscitare domande e senza che nessuno nel vertice ne chiedesse conto.

Tronchetti sembra dire: Credetemi perché sono Tronchetti e basta. Sembra appellarsi a quella parte del centrodestra che ha creduto a lui e non a Prodi al tempo della polemica sulla vendita della Tim. Sembra anche dire “Credetemi perché io potrei uscire da Telecom, cedendola agli stranieri, indiani o russi che siano, e sarebbe ancora peggio”.

Tra le malefatte di Tavaroli e compagnia sembra che ci sia stata anche la ricerca del famoso atto notarile tra Tremonti e Bossi, che avrebbe preveduto l’accordo della Lega con Berlusconi in cambio del pagamento dei debiti di quel partito; il trapelare di questa notizia non serve a procurare simpatie a Tronchetti, neanche nel centrodestra.

Anche Beppe Grillo scrive sui fatti e chiede conto del fascicolo su di lui :

L’ora degli spioni

ora_degli_spioni.jpgHo deciso di querelare chi ha costruito un dossier su di me. Di agire contro i vermi che hanno spiato me e gli italiani negli ultimi anni. La querela è stata depositata l’8 gennaio 2007 presso il tribunale di Milano a seguito delle rivelazioni denunciate da Repubblica sul fascicolo B.Grillo.

 

Di Telecom Italia, dei suoi spioni e dei suoi mandanti non se ne può più. Un servizio di Report della Gabanelli ha fatto vedere un livello di manutenzione da terzo mondo. L’Adsl arriva dove arriva, se arriva, quando ormai è un servizio indispensabile. Buora, l’ex capo di Tavaroli, l’uomo del tronchetto, è ancora lì. Nonsentenonvedenonparla.

ROSSIIIIIIIIIIIIIIIII! GUIDOOOOOOOOOROSSIIIII! Dove sei? Sei tornato a fare il consigliere dell’Inter? E del dossier B.Grillo sei venuto a sapere qualcosa?

Dai titoli della Repubblica di oggi: ‘Spionaggio, nelle carte Telecom spunta il nome di Tronchetti Provera‘. ‘Tre amici e adesso il capo‘.

Dalle ordinanze dei giudici si legge che le logiche che muovono gli spioni Telecom sembrano “beneficiare non già l’azienda, come tale, ma colui che in un dato momento, ne è il proprietario di controllo”.

Il tronchetto ha reagito minacciando le vie legali.

Contro chi? Contro i giudici? Lo psiconano aveva più classe. Al tronchetto preferisco Riina.

Lui non va nelle università e ai convegni a spiegare etica ai ragazzi.

Venivano spiati i giornalisti, quei pochi che facevano informazione economica come Massimo Mucchetti del Corriere della Sera. Spiavano il Garante della concorrenza. Spiavano l’amministratore delegato di RCS/Corriere della Sera Vittorio Colao. Prontamente silurato dal tronchetto nel luglio del 2006.

Il direttore lumacone del Corriere Paolo Mieli lascia ogni tanto qualche articolo di bava.

Ma si guarda bene dall’affrontare il problema. Il Comitato di redazione del Corriere della Sera esprime finalmente preoccupazione. Quel Corriere di cui Tronchetti è uno dei maggiori azionisti. E la esprime così:

”Il Cdr esprime una forte inquietudine, come ha già fatto in passato, di fronte ai particolari che evidenziano la fragilità che ha caratterizzato il sistema informatico della Rcs”.

Il problema è evidentemente tecnico.

Il Governo non può più lavarsene le mani e lasciare Buora alla guida della Telecom. A meno che… A meno che… Ci siano dei dossier anche su qualche ministro. O sul presidente del Consiglio.

 

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: