Angolo del Gigio

agosto 21, 2006

I sinarchisti e Israele

Filed under: Amerikan Century, Blogroll, gigiostars, Israele, libano, Politica Italiana, Uncategorized — Italiano Liberale @ 12:20 am

2 agosto 2006 – Tratto da Movisol – www.movisol.org/libano.htm

Il fondatore dell’EIR Lyndon LaRouche ha nuovamente affrontato il tema della guerra in Libano in una intervista radiofonica del 27 luglio, al “Jack Stockwell Show”. Israele, ha spiegato lo statista americano, “si è impegnato in questa guerra così stupidamente come gli Stati Uniti in Iraq, ed ha tutto da perdere. Si tratta di una missione potenzialmente suicida, decisa da alcuni pazzi in Israele sotto pressioni esterne. Non mi riferisco soltanto al nostro Vicepresidente Dick Cheney, che è stato un elemento importante in questo gioco, ma anche a forze internazionali più in alto, ambienti bancari a cui fa riferimento Felix Rohatyn qui negli USA. Si tratta dunque di un raggruppamento bancario internazionale, impegnato nel gioco della globalizzazione, ad orchestrare davvero tutto … Non è più un problema mediorientale: è un problema globale”.

I veri architetti della guerra in Medio Oriente sono ambienti finanziari della sinarchia internazionale rappresentati da George P. Shultz e Rohatyn. In Israele fanno affidamento soprattutto sull’ex primo ministro e ora leader del partito Likud Benjamin Netanyahu, ma anche sugli ex premer laburisti Ehud Barak e Shimon Peres, che, come Netanyahu, hanno sottoposto il loro paese a politiche radicalmente liberiste. Non sorprende dunque di scoprire come essi abbiano collegamenti economici e politici diretti con questi ambienti finanziari internazionali.

Come abbiamo documentato, Netanyahu è da tempo uno strumento di George Shultz, ma gode anche dei sostegni di Rohatyn, con il quale s’incontrò dopo aver vinto le elezioni del maggio 1996 in Israele. L’11 luglio 1996 Netanyahu rivolse un discorso a 200 finanzieri di Wall Street convenuti ad una colazione di lavoro alla borsa di New York. Netanyahu disse di essere determinato a privatizzare “quasi tutte” le imprese ed i servizi del settore pubblico, e promise ai presenti: “Voi farete soldi in Israele”. Rohatyn gli donò il suo pieno appoggio quando disse alla stampa che Natanyahu “ha persuaso un sacco di gente … Mi pare che faccia proprio colpo”.

Nell’ottobre 2000, nel periodo successivo alla famosa passeggiatina sul Monte del Tempio/Al Haram Al Sharif con cui Sharon innescò l’Intifada, Barak ebbe dei colloqui segreti a Parigi con il presidente dell’OLP Yasser Arafat e l’allora segretario di Stato Madeleine Albright Quegli incontri, che si tennero nella residenza dell’allora ambasciatore USA in Francia Felix Rohatyn, fallirono e Barak si ritrovò ben presto estromesso dal potere alle successive elezioni del 2001. Uscito dal Knesset, Barak si diede agli affari, diventando consulente di hedge funds ed equity funds israeliani, europei ed americani. Tra questi spicca l’Hudson Investment Group (HIG), in cui Barak è in società con un tale Walter Kuna, che vanta nel suo curriculum 15 anni di servizio alla Lazard Frères parigina ed è stato al vertice della Lazard tedesca negli anni Novanta, un posto attualmente ricoperto da John Kornblum.

Alla HIG è collegata la Hudson Advisors LLC, recentemente finita in uno scandalo immobiliare in Germania. L’ultimo numero della rivista Der Spiegel riferisce che la Hudson Advisors LLC, operando per conto di hedge ed equity funds, è impegnata a lucrare sui crediti ipotecari acquistati dalle banche tedesche negli ultimi anni. Migliaia di famiglie, soprattutto nella Germania Orientale, rischiano l’esproprio come conseguenza della politica della Hudson Advisors di liquidare i mutui per conto degli hedge funds e dei private equity funds.

Barak è anche un consigliere di Capital Management Advisors, hedge fund lussemburghese di proprietà degli eredi della dinastia greca Angelis Metaxa, famosa per i liquori. Barak coopera con “Natan”, ente caritativo costituito da un gruppo di manager di hedge funds tra cui David Steinhardt, figlio del finanziere di Wall Street Michael Steinhardt, esponente del gruppo “Mega”.

Agente esclusivo per Israele della Lazard Fréres è Cukierman & Co., banca presieduta da Edouard Cukierman. Suo padre Roger fu per molti anni l’amministratore delegato del Gruppo Edmond de Rothschild. La Cukierman & Co. ha sponsorizzato la conferenza “GO4EUROPE 2006” che riunì esponenti del mondo degli affari di Francia e Israele. Il discorso di apertura fu pronunciato dal premier in carica Ehud Olmert. Dopo di lui parlò Nicolas Sarkozy, ministro degli Interni francese e probabile candidato presidenziale. All’incontro parlarono anche Netanyahu e Barak.

Sul conto di Shimon Peres c’è da notare che il suo “Peres Center for Peace” annovera tra i consiglieri 1) Lester Pollak, per venti anni alla Lazard di New York, di cui era anche “senior partner”, 2) Jacob Frenkel, ex governatore della Banca d’Israele ed attualmente presidente della Merrill Lynch International; 3) Charles Bronfman, finanziere del gruppo “Mega”, 4) Jacques Attali, economista francese legato alla Lazard, al quale si deve il fatto che la Lazard fu l’unica banca non nazionalizzata dal presidente Mitterrand nel 1983. Nel consiglio della fondazione di Attali, “PlaNet Finance”, ritroviamo Shimon Peres, Felix Rohatyn e Michel David Weill della Lazard parigina.

Annunci

1 commento »

  1. yeah i like this. good post.

    Commento di 123recreation — dicembre 31, 2006 @ 6:09 am


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: